24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/08/2017, 11.20

    CINA-VATICANO

    Muoiono due anziani vescovi cinesi: mons. Li Jiantang di Taiyuan e mons. Xie Tingzhe di Urumqi

    Victoria Ma

    Entrambi hanno passato decine di anni ai campi di lavoro forzato. Mons. Li ha dedicato la vita a far rinascere la diocesi di Taiyuan, il clero e le religiose. Mons. Xie è un vescovo sotterraneo, riconosciuto dalla S. Sede, ma non dal governo. Ha voluto essere vescovo nella stessa zona dove è rimasto prigioniero per 20 anni.

    Taiyuan (AsiaNews) - Due anziani vescovi cinesi, uno di Taiyuan (Shanxi) e l’altro da Urumqi (Xinjiang) sono morti il 13 e il 14 agosto rispettivamente. Entrambi erano riconosciuti come vescovi dalla Santa Sede; entrambi hanno passato molta parte della giovinezza nei campi di lavoro forzato.

    Mons. Li Jiantang, vescovo emerito di Taiyuan

    Il vescovo emerito di Taiyuan, mons. Silvestro Li Jiantang (foto 1 e 2) è morto ieri alle 18 (ora locale), all’età di 93 anni.

    Nella cattedrale di Taiyuan è prevista una messa da requiem per il 17 agosto alle 9.30 del mattino. Ma la salma del vescovo sarà trasferita nel suo villaggio nativo di Gong’ergou. Le esequie saranno celebrate il 19 agosto nella chiesa del villaggio; il corpo sarà seppellito nella zona riservata al clero del cimitero diocesano. Mons. Paolo Meng Ningyou, il vescovo attuale della diocesi, ha invitato sacerdoti e i fedeli a offrire preghiere e messe per il defunto.

    Nato nel 1925, mons. Li è stato ordinato sacerdote nel 1956 da mons. Han Tingbi di Hongtong (Shanxi). Nel 1966-1980 è stato tenuto in un campo di lavoro forzato. Nel 1980, liberato, egli è tornato a servire in parrocchia. Nel 1994 è stato ordinato vescovo della diocesi e ha molto operato per riqualificare la missione della comunità. Dal 1996 al 2008 egli è stato nel consiglio dei governatori del seminario dello Shanxi e rettore del seminario dal 2000 al 2001. Nel 2013 il seminario è stato chiuso dal governo locale

    Mons. Li è stato anche fondatore del seminario minore di Taiyuan e del convento di Nostra Signora dei sette dolori. Nel 2010 ha ordinato p. Meng Ningyou come vescovo coadiutore della diocesi. Si era ritirato nel 2013. La diocesi di Taiyuan conta oltre 80mila fedeli.

    Mons. Paolo Xie Tingzhe di Urumqi

    Mons. Paolo Xie Tingzhe (foto 3), vescovo non ufficiale di Urumqi (Xinjiang) è morto stamane alle 8.25, all’età di 86 anni. Egli era riconosciuto dalla Santa Sede, ma non dal governo, che lo considerava come un comune prete della diocesi.

    Mons. Xie è cresciuto a Lanzhou (Gansu). E’ entrato nel seminario minore di Lanzhou nel 1945. Verso la fine degli anni ’50, da seminarista, è stato imprigionato per essersi rifiutato di appartenere all’Associazione patriottica. Dal 1961 al 1980 è stato confinato in una fattoria di Urumqi, a un campo di lavoro forzato. Dopo la sua liberazione nel 1980, egli è stato ordinato sacerdote, scegliendo di servire i cattolici dello Xinjiang, il luogo dove lui ha passato 20 anni della sua giovinezza come prigioniero.

    Nel 1991 è stato ordinato vescovo di Urumqi in modo clandestino. Fino ad oggi, il governo cinese non lo ha mai riconosciuto vescovo, trattandolo solo come prete. Nel 1994, durante un suo viaggio all'estero, egli ha potuto incontrare (in segreto) il papa Giovanni Paolo II (v. foto 4)

    Egli è stato molto attivo nell’uso di internet come via per la diffusione del Vangelo. Talvolta, nei gruppi di chat, egli insegnava canti latini ai suoi giovani amici. La sua diocesi conta circa 9mila fedeli, in una regione a maggioranza musulmana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/08/2017 14:53:00 CINA-VATICANO
    Sacerdote cinese: Le differenze fra i funerali di mons. Xie e di mons. Li

    Per il primo, vescovo sotterraneo di Urumqi, divieto a sacerdoti e fedeli di partecipare alla messa funebre; nessuna insegna episcopale nelle foto; solo mezz’ora per la cerimonia. L’altro, vescovo ufficiale di Taiyuan, è stato circondato dall’affetto e dall’onore di migliaia di suoi sacerdoti e fedeli. Ma “i santi che accolgono i due vescovi alla porta del Paradiso sono ugualmente numerosi”.



    17/08/2017 14:41:00 CINA-VATICANO
    I due pesi e due misure del governo: i funerali di mons. Xie Tingzhe e di mons. Li Jiantang

    Il primo, vescovo sotterraneo, non riconosciuto dal governo è stato cremato e seppellito in fretta e furia; ai fedeli e ai sacerdoti proibito di partecipare alla messa; proibito anche scattare foto. Il secondo, vescovo ufficiale e consulente politico del parlamento cinese, ha avuto più giorni perché la salma venisse onorata, la presenza dei fedeli, le concelebrazioni.



    31/03/2005 Cina - Vaticano
    Arrestato sacerdote della Chiesa sotterranea

    Cresce la lotta contro le comunità non ufficiali. Crescono anche le conversioni e i battesimi. A Pasqua tutti i fedeli hanno pregato per la salute del Papa.



    16/11/2009 VATICANO - CINA
    Lettera del card. Bertone ai sacerdoti della Cina
    Il documento, pubblicato oggi, ricalca la Lettera del Papa ai cattolici cinesi e la Lettera per l’indizione dell’Anno Sacerdotale. Riaffermare i valori della riconciliazione e della formazione.

    14/07/2009 CINA - VATICANO
    Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
    Cattive interpretazioni della Lettera hanno portato confusione e sconforto nelle comunità sotterranee. I vescovi ufficiali devono avere più coraggio nella fedeltà al pontefice, rifiutando le strutture che sono contrarie alla fede cattolica. Il governo cinese continua la politica di sempre: controllo totale della Chiesa.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®