2 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/07/2007
AFGHANISTAN – NATO
Nato, bombe “meno potenti” per ridurre le vittime civili
L’alleanza atlantica cambia strategia nella lotta contro i talebani: bombe dalla portata meno catastrofica e analisi dei tempi negli attacchi per salvaguardare la popolazione afgana: dall’inizio dell’anno sono oltre 230 i morti civili.

Kabul (AsiaNews/Agenzie) – Le forze della Nato potrebbero usare “bombe più piccole” per frenare l’escalation di morti fra i civili afgani. I comandanti hanno inoltre deciso di fermare gli attacchi contro i talebani in alcune aree del Paese in cui è alto il rischio per la popolazione civile di subire gravi perdite. Jaap de Hoop Scheffer, segretario generale Nato, ammette che l’alto numero di vittime “ha messo in crisi la coesione politica” dell’alleanza atlantica, per questo “si sta lavorando con gli armamenti piazzati sui bombardieri per ridurre l'eventualità di danni collaterali”, anche se “è impossibile eliminare del tutto i rischi”.

Secondo alcune organizzazioni umanitarie dall’inizio dell’anno gli attacchi hanno causato la morte di oltre 230 persone innocenti. Fonti dell’ACBAR (agenzia che coordina i soccorsi e gli aiuti nel Paese) sottolineano che nel 2006 gli scontri fra talebani e forze Nato hanno causato un numero di vittime civili che si aggira “fra le 700 e le 1000 unità”.

“Abbiamo deciso – continua Jaap de Hoop Scheffer – che se non si può eliminare il nemico oggi senza causare vittime fra i civili, allora è preferibile rimandare l’operazione ad un momento successivo. Comunque non ci sfuggiranno”.

La risposta del segretario generale della Nato arriva a una settimana di distanza dalla presa di posizione del ministro degli esteri italiano Massimo D’Alema, che aveva definito “moralmente inaccettabile” l’alto numero di vittime civili e con effetti “disastrosi a livello politico”. Anche il presidente afgano Hamid Karzai aveva chiesto di recente alle truppe occidentali maggiore attenzione verso la popolazione, vittima innocente del conflitto.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2015 AFGHANISTAN - ONU
Onu: il 2014 è stato l'anno peggiore per le vittime civili in Afghanistan
27/08/2012 AFGHANISTAN
Helmand, 17 civili decapitati dai talebani
10/07/2008 AFGHANISTAN
A Kabul cala la sicurezza, aumentano le stragi fra minori e popolazione civile
21/02/2006 INDONESIA
L'Indonesia vuole diminuire il potere delle forze armate sulla società civile
02/12/2009 AFGHANISTAN - USA
Obama ha deciso: 30 mila nuove truppe in Afghanistan

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate