22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/05/2017, 08.59

    CINA - USA

    Nave da guerra Usa nelle acque contese del mar Cinese meridionale. L'ira di Pechino



    La USS Dewey avrebbe transitato all’interno delle 12 miglia nautiche nell’area del Mischief Reef, nelle Spratly. È il primo caso di “intrusione” in una zona sotto il “controllo” cinese dall’insediamento di Trump. Washington rivendica il diritto alla “libertà di navigazione” nell’area.  La regione si sta trasformando in un centro nevralgico di conflitto.

     

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Una nave da guerra Usa ha navigato nelle acque contese del mar Cinese meridionale, avvicinandosi a un’isola artificiale costruita dalla Cina, in un’area che Pechino - in violazione al diritto internazionale - considera alla stregua di “acque territoriali”. Incidenti simili erano avvenuti anche in passato, ma si tratta del primo caso di “intrusione” in una zona sotto il “controllo” cinese dall’insediamento del presidente Usa Donald Trump alla Casa Bianca nel gennaio scorso. 

    Secondo una fonte anonima, rilanciata dai media statunitensi, alle prime ore di oggi la USS Dewey avrebbe transitato all’interno delle 12 miglia nautiche nell’area del Mischief Reef, nel complesso delle isole Spratly. In questo modo Washington avrebbe rivendicato il proprio diritto alla “libertà di navigazione” nell’area. 

    L’esercitazione rischia di innescare le ire di Pechino, che rivendica il controllo esclusivo dell’area. Un ulteriore focolaio di tensione nell’area, in un momento in cui Washington è alla ricerca del sostegno di Pechino per contenere l’escalation militare della Corea del Nord nella regione. 

    Pur considerando la Cina un alleato in chiave anti-Pyongyang, restano pur sempre forti le contrapposizioni fra le due potenze mondiali in tema economico e regionale. In particolare, la Casa Bianca ha più volte sfidato l’annessione cinese delle isole - contese fra gli altri da Manila e Hanoi - e invocato una risoluzione diplomatica della controversia. 

    Inoltre, il governo americano ritiene che Pechino stia “militarizzando” il mar Cinese meridionale, una rotta chiave per la navigazione civile e commerciale. In risposta, i cinesi puntano il dito contro gli Stati Uniti per il numero “crescente” di esercitazioni marittime e il numero di navi da pattuglia presenti nell’area.

    Per gli esperti il rischio è che la regione si stia trasformando in un centro nevralgico di conflitto, con potenziali conseguenze catastrofiche a livello globale. 

    La scorsa settimana i cieli del mar Cinese orientale sono stati teatro dell’ennesimo episodio dei “giochi di guerra” in corso nell’area: due caccia cinesi Su 30 avrebbero intercettato un WC 135 statunitense - aereo specializzato nella raccolta dati su radiazioni - in volo nella zona. Il pilota Usa avrebbe denunciato il comportamento “non professionale” dei velivoli di Pechino che si sarebbero avvicinate troppo e compiuto evoluzioni pericolose. Una vicenda simile a quella avvenuta a febbraio, quando un aereo cinese aveva incrociato a poche centinaia di metri un mezzo dell’intelligence Usa. 

    Pechino rivendica una fetta consistente di oceano, che comprende le Spratly e le Paracel, isole contese da Vietnam, Taiwan, Filippine, Brunei e Malaysia (quasi l'85% dei territori), e ha avviato la costruzione di una serie di isole artificiali, con impianti militari e fari per la navigazione.

    Stime recenti riferiscono che il valore commerciale dei prodotti in transito ogni anno nell’area si aggira attorno ai 5mila miliardi di dollari.

    In risposta Hanoi e Manila - che per prima ha promosso una vertenza internazionale al tribunale Onu - hanno rinsaldato i legami bilaterali e cercano da tempo di contrapporre un fronte comune. 

    A sostenere i Paesi del Sud-Est asiatico vi sono anche gli Stati Uniti, che hanno giudicato “illegale” e "irrazionale" la cosiddetta “lingua di bue” usata da Pechino per marcare il territorio, fino a comprenderne quasi l'80% dei 3,5 milioni di kmq.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/05/2017 09:01:00 CINA - STATI UNITI
    Pechino vara un sistema di monitoraggio sottomarino per la “scienza e sicurezza” del mare Cinese

    Un progetto da quasi 300 milioni di dollari che interesserà le acque del mar Cinese meridionale e orientale. Per la Cina esso favorirà “ricerche scientifiche avanzate” e coadiuverà gli esperti nella “prevenzione dei disastri” naturali. Per gli esperti rappresenta un sistema di controllo che provocherà ulteriori allarmi fra i governi dell’area. Alta tensione fra Pechino e Washington sui mari. 

     



    24/04/2015 FILIPPINE - CINA

    Mar Cinese meridionale: Manila accusa Pechino di "rapina a mano armata"
    Nuovi scontri fra pescherecci filippini e imbarcazioni cinesi nelle acque contese. La guardia costiera cinese avrebbe sparato cannonate d’acqua contro un gruppo di pescatori filippini; in precedenza alcune navi cinesi hanno abbordato, minacciato con pistole e derubato due navi filippine del carico. Manila presenterà una protesa formale.

    15/07/2015 FILIPPINE - CINA
    Vescovi filippini: una “oratio imperata” per la pace nel mar Cinese meridionale
    A conclusione dell’assemblea annuale, la Conferenza episcopale ha lanciato una preghiera da recitare in tutte le diocesi e parrocchie. Da tempo Manila e Pechino sono protagoniste di una controversia territoriale per il controllo dei mari. Mons. Villegas: "La pace è una missione primaria della Chiesa".

    17/04/2015 FILIPPINE - VIETNAM - CINA
    Mar Cinese meridionale: immagini satellitari confermano la politica “imperialista” di Pechino
    La Cina prosegue nella costruzione di una pista di atterraggio su un atollo conteso. In corso anche opere di dragaggio per potenziare le strutture portuali. In cantiere la realizzazione di nuove strisce di terra in altri atolli. Per Pechino sono operazioni legittime, nel contesto della sovranità territoriale. Dipartimento di Stato Usa: azioni che non portano “pace e stabilità” nella regione.

    12/11/2014 VIETNAM - CINA - FILIPPINE
    Asean: fronte comune di Hanoi e Manila contro l’imperialismo di Pechino nei mari
    Oggi si apre il vertice regionale: cooperazione, pace e sicurezza marittima i temi al centro dei lavori. Nei giorni scorsi faccia a faccia fra i Trương Tấn San e Benigno Aquino. Essenziale la libertà di navigazione per garantire il commercio marittimo. 




    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®