13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/12/2017, 11.46

    MYANMAR

    Naypyitaw, no alla fondazione del partito ultranazionalista buddista



    La richiesta presentata dall’ “Associazione per la protezione della razza e della religione”, nota come Ma Ba Tha. Il movimento, già messo al bando, accusa il governo civile di non proteggere il buddismo e sostiene i militari. Nelle roccaforti del gruppo si verificano i più gravi episodi di intolleranza religiosa. Ma Ba Tha dichiara 10 milioni di membri in quasi 300 comuni del Myanmar.

    Naypyitaw (AsiaNews/Agenzia) – La Commissione elettorale del governo birmano (Uec) ha respinto una richiesta per formare un partito politico, depositata da un gruppo di laici appartenenti all'associazione buddista ultranazionalista Ma Ba Tha. L'Uec rende noto di aver rigettato l’istanza durante la sua riunione del 23 novembre scorso, affermando che alcuni membri del gruppo non erano conformi alla legge sulla registrazione dei partiti politici. Maung Thway Chon, uno dei capi del partito proposto, accusa la Commissione di discriminare Ma Ba Tha, che nell'ultimo anno ha più volte criticato con durezza il governo della National League for Democracy (Nld) della leader birmana Aung San Suu Kyi. “Il loro rifiuto alla nostra richiesta di formare un partito è una soppressione del nazionalismo e va contro le norme democratiche”, dichiara Maung Thway Chon.

    Ma Ba Tha si è formato da 969, un movimento nazionalista istituito nel 2012 per organizzare il violento boicottaggio delle imprese di proprietà musulmana sul suolo nazionale. Nel 2013, i membri di 969 hanno ribattezzato il gruppo “Associazione per la protezione della razza e della religione”, comunemente nota con l'acronimo birmano Ma Ba Tha. Il movimento accusa il governo di Aung San Suu Kyi di favorire i musulmani e di non proteggere le tradizioni e la cultura del buddismo, compito a suo parere svolto dai soli militari. Alcuni dei suoi membri più importanti, tra cui il controverso monaco Wirathu (foto), hanno negli ultimi mesi predicato e pubblicato numerosi sermoni anti-islamici, alimentato le tensioni etniche nel Paese.

    A maggio, il Comitato Sangha Maha Nayaka, organismo governativo composto da monaci di alto profilo che sovrintende e regola la Sangha [clero buddista, ndr], ha vietato a Ma Ba Tha di operare sotto tale nome e ha ordinato che le sue insegne fossero smantellate in tutto il Paese, entro il 15 luglio. Da allora, Ma Ba Tha ha cambiato il proprio nome in Buddha Dhamma Charity Foundation. Alla fine del mese, il movimento ha celebrato il suo quarto anniversario, svelando un piano per formare un partito politico che avrebbe lavorato per l'interesse nazionale, l'unità e la sovranità. In quell’occasione, i vertici hanno dichiarato che Ma Ba Tha conta 10 milioni di membri in quasi 300 comuni del Myanmar. È nelle roccaforti del gruppo che in Myanmar si verificano i più  gravi episodi di intolleranza religiosa, anche contro i cristiani, cui spesso è perfino impedito di potersi riunire per le funzioni domenicali.

    Il buddismo nel Paese è in prevalenza di tradizione Theravada ed è praticato da circa l’89% dei birmani. I fedeli appartengono soprattutto alla maggioranza etnica Bamar, ma sono anche Shan, Rakhine, Mon, Karen, Zo e cinesi. Il Myanmar è la nazione buddista più religiosa in termini di percentuale di monaci nella popolazione e reddito speso per la religione. I monaci, venerati membri della società birmana, sono circa 500mila, mentre le monache 75mila. Tuttavia, la maggioranza della popolazione guarda con sospetto i religiosi che sono membri dei gruppi ultranazionalisti, spesso legati al potere militare ed economico dei generali. Il popolo birmano nutre invece profondo rispetto per i monaci che si sono resi protagonisti della lotta contro la dittatura militare, repressa nel sangue dalla giunta in passato al potere, e che hanno pagato con centinaia di morti il loro dissenso.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2017 08:35:00 MYANMAR
    Bandito il movimento ultranazionalista Ma Ba Tha: diffonde l’odio etnico-religioso

    La decisione è stata presa dal Comitato Sangha Maha Nayaka, autorità buddista del Myanmar. Il movimento obbligato a rimuovere i suoi manifesti e cartelli entro il 15 luglio. A Wirathu, monaco prominente nell'organizzazione, è stato vietato di trasmettere prediche per un anno. L’esercito respinge le accuse di pulizia etniche lanciate dalle Nazioni Unite.



    13/07/2016 12:53:00 MYANMAR
    Leader buddisti birmani contro il movimento anti-musulmano Ma Ba Tha

    Per la prima volta lo Sangha Maha Nayaka Committe sconfessa in modo aperto il gruppo estremista. In una nota i leader buddisti affermano di non aver mai sostenuto le idee e i proclami ultra-nazionalisti. Un portavoce del Ma Ba Tha parla di organizzazione su base volontaria che non necessita di approvazione. 



    18/01/2014 MYANMAR
    Monaci buddisti birmani chiedono limiti a matrimoni misti e ai diritti civili dei Rohingya
    Continua la raccolta firme per sostenere una legge popolare da presentare in Parlamento. Essa pone vincoli alle unioni fra donne buddiste e uomini di altre religioni, che devono avere l'approvazione. A questo si unisce il proposito di negare il diritto di voto e di formare partici politici alla minoranza musulmana.

    22/01/2014 MYANMAR
    Arcivescovo di Yangon: Matrimoni, conversioni e voto sono diritti personali inviolabili
    Mons. Bo sottolinea l’importanza dei diritti civili, base di una società democratica. Il matrimonio deve essere privo di coercizioni e aperto a persone di fede diversa. Libertà di conversione e diritto di voto anche per i leader religiosi buddisti, cristiani, musulmani e indù. Nei giorni scorsi a Yangon incontro interreligioso in tema di “l’armonia sociale”.

    20/01/2014 MYANMAR
    Arcivescovo di Yangon: Dall’unità la via per il battesimo di un nuovo Myanmar
    Per la “Settimana di unità dei cristiani” mons. Bo lancia un messaggio di unione e collaborazione fra le diverse anime del Paese. Dalla difesa dei deboli e degli oppressi, i cristiani riscoprono una unità che supera le differenze teologiche e liturgiche. Il prelato invoca la restituzione di scuole e progetti avviati nel tempo dalla Chiesa birmana.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®