09/01/2014, 00.00
FILIPPINE

Nazareno nero, card. Tagle: Non si può essere cristiani e rubare ai nostri fratelli

Milioni di fedeli partecipano alla processione del Nazareno Nero di Quipao. Nell'omelia l'arcivescovo di Manila si scaglia contro la corruzione. Per il presule troppi atti di cui bisogna vergognarsi vengono spesso commessi con orgoglio. Solo pregando Dio si possono ricordare le persone che soffrono. Senza un rapporto con il Signore presto le vittime dei tifoni e delle guerriglie di Mindanao saranno dimenticate.

Manila (AsiaNews) - Nella messa che dà al via alla processione del Nazareno Nero di Quiapo, il card. Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, si scaglia contro il dramma della corruzione principale causa di povertà e abusi contro i più deboli. Davanti a mezzo milione di fedeli giunti all'alba per partecipare alle celebrazioni il presule invita i cattolici a non dimenticare le vittime dei disastri naturali di questi anni e le persone colpite dalla guerriglia a Mindanao.  Iniziata questa mattina alle 6,30 (ora locale) l'annuale processione del Nazareno di Quiapo (Manila) ha raccolto nella giornata quasi 6 milioni di fedeli. Migliaia di poliziotti e volontari controllano il percorso della statua del XVII considerata miracolosa.

Nella sua omelia il card. Tagle si è soffermato sul compito dei cattolici nella società, sottolineando che non è sufficiente la semplice devozione per proclamare l'amore di Dio.

"Trovo molto grave - ha affermato - scoprire che atti di cui dovremmo vergognarci vengano commessi con orgoglio. Ad esempio, spesso rubiamo senza provare rimorso, mentre dovremmo avere vergogna di un tale atto". Per il presule non bisogna invece avere paura e timore "di proclamare al mondo che siamo stati amati da Cristo e che noi amiamo".

Tuttavia, per l'arcivescovo di Manila "percorrere il sentiero di Cristo non significa semplicemente seguire le sue orme", ma occorre lasciare che "i suoi insegnamenti e il suo esempio diventino parte dello standard di vita di ogni fedele". "Non possiamo seguire Gesù se le nostre menti sono sempre piene di avidità di denaro, a maggior ragione , se le truffe e gli abusi sono il modo con cui ci rapportiamo ai nostri fratelli".

Ricordando il valore della preghiera, molto sentita dai filippini, il card. Tagle si è soffermato sul significato di questo gesto che è nato soprattutto per fare memoria di Dio e  delle sofferenze delle persone.  "Se preghiamo veramente - ha sottolineato - se siamo veramente uniti con il Signore, noi non dimentichiamo i nostri fratelli e sorelle". "Infatti ci stiamo lentamente dimenticando delle persone colpite dagli scontri di Zamboanga fra le forze del governo i ribelli moro [Moro Islamic Liberation Front, Milf, ndr]".  Il presule ha spiegato che senza pregare si possono scordare le vittime del terremoto di Bohol e delle altre tragedie che sono ancora vive nella memoria dei fedeli. "Fino a quando - ha continuato - potremo ricordare le vittime del tifone Hayan?".  "Coloro che non scordano Dio non dimenticheranno nemmeno loro". 

 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Quiapo, oltre due milioni di fedeli onorano la statua del Nazareno nero
11/01/2011
Manila, una festa "verde" per il Nazareno Nero
04/01/2014
Manila, milioni di fedeli alla processione del Nazareno Nero. Allerta per il rischio attentati
09/01/2017 11:00
Manila, milioni di fedeli in strada per il passaggio del Nazareno Nero
09/01/2015
Venerdì Santo a Manila: un "cammino di penitenza” per proteggere il Paese dai disastri naturali
16/04/2014