05/11/2016, 09.18
NEPAL
Invia ad un amico

Nepal, musicista cattolico eletto ambasciatore di benevolenza per il Nord America

di Christopher Sharma

Purna Nepali è membro della Nepal Academy e ha insegnato per 30 anni alla St. Xavier School. I suoi brani sono famosi in tutto il Paese e vengono usati nelle celebrazioni liturgiche. “La preghiera e la benedizione di Dio mi hanno portato fino a qui”.

 

Kathmandu (AsiaNews) – Per la prima volta nella storia del Nepal un cattolico è stato eletto ambasciatore di benevolenza per gli Stati Uniti e il Canada. Si tratta del famoso musicista Purna Nepali, membro della Nepal Academy. Lavorerà per promuovere e difendere la cultura, l’arte e le tradizioni nepalesi in Nord America. Parlando a margine di una liturgia nella cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu, egli ha affermato: “Il merito di questo successo va a Dio, che mi ha sempre guidato. Egli benedice e incoraggia la comunità cattolica”.

Con la sua nomina, il governo di Kathmandu riconosce il contributo dei cattolici nella diffusione della cultura del Paese himalayano. Purna Nepali ha insegnato per 30 anni alla St. Xavier School e due anni fa è diventato membro della Nepal Academy. È uno dei coristi della cattedrale dell’Assunzione e i suoi brani vengono utilizzati come preghiere durante le celebrazioni liturgiche.

Nei prossimi due anni il musicista si recherà negli Usa e in Canada per valorizzare le tradizioni locali. Il Ministero delle donne, dei bambini e della cultura ha comunicato la nomina del cattolico con una lettera. Nel testo si legge che il governo del Nepal riconosce il suo “prezioso valore” ed “esprime auguri per il successo dell’incarico”.

Il musicista è esponente di due gruppi svantaggiati. È originario della comunità dalit, che in passato veniva chiamata degli “intoccabili”. Nonostante oggi la legge vieti ogni forma di discriminazione, i membri di questa comunità vengono tuttora emarginati. 

Inoltre egli è cattolico, e quindi appartenente ad un altro gruppo minoritario. In Nepal il cristianesimo è riconosciuto, ma la nuova Costituzione laica approvata lo scorso anno bandisce ogni forma di proselitismo

I cattolici hanno espresso congratulazioni e augurato la buona riuscita del suo compito. Ganesh Parajuli, presidente della Nepal Catholic Society, ha detto: “Siamo contenti, le nostre preghiere sono per il suo lavoro. Siamo orgogliosi di questo importante riconoscimento”.

Purna Nepali ha aggiunto: “La preghiera è la cosa più importante nella vita di una persona. La preghiera e la benedizione di Dio mi hanno portato fino a qui. Io rappresento l’intera nazione. Chiedo a tutti di ricordarmi nelle vostre preghiere. Tenterò di fare del mio meglio, tenendo sempre a mente la mia comunità e la mia fede”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ottawa contro Teheran per la condanna a 19 anni del pioniere dei blogger iraniani
30/09/2010
Intellettuale caldeo: “Il Museo Nazionale è un patrimonio per tutto l’Iraq”
24/02/2009
Papa: in Asia necessari solidarietà, dialogo e lotta alla povertà
01/12/2005
Papa in Perù: l’Amazzonia, terra, cultura e soprattutto persone da difendere
19/01/2018 18:53
Da Pontianak al Guangdong. Due fratelli alla scoperta delle loro radici cinesi
09/09/2017 09:01