Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/07/2012, 00.00

    FILIPPINE – ASIA

    Nobel asiatici 2012, un riconoscimento allo sviluppo sostenibile



    Scelti i vincitori del Premio Ramon Magsaysay per il loro impegno in materia di ambiente e nella lotta alla povertà. Essi provengono da Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Filippine e Vietnam. Impegno, competenza e leadership collaborativa possono trasformare milioni di individui. La consegna il 31 agosto a Manila.

    Manila (AsiaNews) - Sei personalità di primo piano provenienti da Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Filippine e Taiwan sono state insignite del Premio Ramon Magsaysay - meglio conosciuto come il "Nobel dell'Asia" - per l'edizione 2012. Oggi il comitato direttivo del Ramon Magsaysay Award Foundation (Rmaf) ha annunciato i vincitori, che il prossimo 31 agosto al Philippine International Convention Center (Picc) riceveranno una medaglia con le sembianze dell'ex presidente, un certificato e un riconoscimento in denaro. Le personalità asiatiche vincitrici dell'edizione 2012 si vanno ad aggiungere agli altri 290 uomini e donne capaci di aggiudicarsi il più famoso e ambito premio del continente.

    Quest'anno la giuria, sottolinea la presidente Rmaf Carmencita Abella, ha valorizzato l'opera di persone "impegnate a fondo nello sviluppo di soluzioni sostenibili" per combattere la povertà e nella preservazione dell'ambiente. Il loro lavoro testimonia, continua la donna, come "impegno, competenza e leadership collaborativa possono davvero trasformare milioni di individui e dare nuovo impulso all'azione collettiva" e diventano "fonte di speranza" per tutti.

    Sei le categorie nelle quali è suddiviso il premio: incarichi di governo; servizio pubblico; guida della comunità; giornalismo, letteratura e arti comunicative; pace e cooperazione internazionale; giovani emergenti.
    Per l'edizione 2012 i premi andranno ai seguenti vincitori:

    Chen Shu-Chu, di Taiwan, ortolana in un piccolo mercato di Taiting (nella foto): insignita del premio per "il puro altruismo" e la "dedizione personale" che riflette "una profonda, significativa e docile compassione", che le ha permesso di "cambiare la vita" ai moltissimi taiwanesi che ha aiutato nel corso della sua vita.

    Romulo Davide, delle Filippine, agronomo: per "l'instancabile passione" profusa nel mettere nelle mani degli agricoltori filippini il potere della scienza, che ha così permesso di "moltiplicare" le superfici coltivabili e migliorare la produttività.

    Kulandei Francis, dall'India, attivista: premiata per lo "zelo visionario" e la "fede profonda" nelle energie della comunità, egli ha promosso programmi e iniziative che hanno permesso "lo sviluppo di migliaia di famiglie povere" nelle aree rurali del Paese.

    Syeda Rizwana Hasan, del Bangladesh, avvocato: la donna è stata insignita del riconoscimento per il grandissimo "coraggio" e l'impegno in prima fila nel sociale e la lotta per l'affermazione dei "diritti della gente a godere di un ecosistema sostenibile" per vivere una vita giusta e "dignitosa".

    Yang Saing Koma, della Cambogia, esperto di agricoltura: premiato per la sua "fusione creativa" di scienza pratica e sapere comune, che ha "ispirato un gran numero di aziende agricole" del Paese, con l'obiettivo di "migliorare la produttività" e contribuire "alla crescita economica della nazione".

    Ambrosius Ruwindrijarto, dell'Indonesia, ambientalista: per la lotta contro l'abbattimento illegale di alberi e il traffico di legname. Egli ha inoltre dato vita a iniziative sociali che hanno saputo coinvolgere le comunità delle foreste, in qualità di veri e propri "partner" di impresa.

    Ramon Magsaysay (1907-1957) è stato il terzo presidente delle Filippine dalla fine della Seconda Guerra mondiale, la sua vita e il suo esempio hanno esercitato un notevole influsso in patria e all'estero. Il premio dedicato alla sua memoria è stato ideato nel 1958, a un anno dalla scomparsa; ad oggi 277 personalità del continente hanno ricevuto quello che è stato ribattezzato il Nobel dell'Asia.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
    Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
    Provengono da Thailandia, India, Filippine, Myanmar e Cina i vincitori dell’edizione 2009 del Premio Ramon Magsaysay, dedicato alla memoria dell’ex presidente filippino. Essi sono “veri eroi asiatici” perché non cedono davanti a “pressioni e avversità”.

    01/08/2007 FILIPPINE
    Jovito Salonga insignito del “Nobel asiatico”
    L’ex presidente del Senato e strenuo oppositore del dittatore Marcos fra i sette vincitori dell’edizione 2007 del premio “Ramon Magsaysay”, per le sue battaglie a favore della democrazia e dei diritti umani. Premiato anche un pastore protestante sudcoreano che si dedica alla cura dei non vedenti.

    31/07/2014 FILIPPINE - ASIA
    "Nobel asiatici", fra i vincitori due attivisti cinesi e una Fondazione pakistana
    La Fondazione che assegna il Premio Magsaysay, il più famoso del continente, ha reso noti i premiati per il 2014: una giornalista cinese che sfida il potere, un attivista anti-inquinamento e un gruppo di industriali che aiuta l'educazione delle donne in Pakistan. Premiati anche un'antropologa indonesiana, il direttore del Museo nazionale afgano e un insegnante filippino che lavora con i tribali.

    01/08/2006 Filippine - Asia
    Diffusi i nomi dei vincitori del Magsaysay, il "Nobel asiatico"

    La Fondazione "Ramon Magsaysay" ha comunicato i nomi dei sei vincitori di questa edizione: spiccano un medico, un editore in pensione ed un attivista per i diritti umani.



    07/09/2005 ASIA
    Premio Magsaysay: i 6 Nobel asiatici contro la povertà e per i diritti umani




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®