30 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/07/2012
FILIPPINE – ASIA
Nobel asiatici 2012, un riconoscimento allo sviluppo sostenibile
Scelti i vincitori del Premio Ramon Magsaysay per il loro impegno in materia di ambiente e nella lotta alla povertà. Essi provengono da Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Filippine e Vietnam. Impegno, competenza e leadership collaborativa possono trasformare milioni di individui. La consegna il 31 agosto a Manila.

Manila (AsiaNews) - Sei personalità di primo piano provenienti da Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Filippine e Taiwan sono state insignite del Premio Ramon Magsaysay - meglio conosciuto come il "Nobel dell'Asia" - per l'edizione 2012. Oggi il comitato direttivo del Ramon Magsaysay Award Foundation (Rmaf) ha annunciato i vincitori, che il prossimo 31 agosto al Philippine International Convention Center (Picc) riceveranno una medaglia con le sembianze dell'ex presidente, un certificato e un riconoscimento in denaro. Le personalità asiatiche vincitrici dell'edizione 2012 si vanno ad aggiungere agli altri 290 uomini e donne capaci di aggiudicarsi il più famoso e ambito premio del continente.

Quest'anno la giuria, sottolinea la presidente Rmaf Carmencita Abella, ha valorizzato l'opera di persone "impegnate a fondo nello sviluppo di soluzioni sostenibili" per combattere la povertà e nella preservazione dell'ambiente. Il loro lavoro testimonia, continua la donna, come "impegno, competenza e leadership collaborativa possono davvero trasformare milioni di individui e dare nuovo impulso all'azione collettiva" e diventano "fonte di speranza" per tutti.

Sei le categorie nelle quali è suddiviso il premio: incarichi di governo; servizio pubblico; guida della comunità; giornalismo, letteratura e arti comunicative; pace e cooperazione internazionale; giovani emergenti.
Per l'edizione 2012 i premi andranno ai seguenti vincitori:

Chen Shu-Chu, di Taiwan, ortolana in un piccolo mercato di Taiting (nella foto): insignita del premio per "il puro altruismo" e la "dedizione personale" che riflette "una profonda, significativa e docile compassione", che le ha permesso di "cambiare la vita" ai moltissimi taiwanesi che ha aiutato nel corso della sua vita.

Romulo Davide, delle Filippine, agronomo: per "l'instancabile passione" profusa nel mettere nelle mani degli agricoltori filippini il potere della scienza, che ha così permesso di "moltiplicare" le superfici coltivabili e migliorare la produttività.

Kulandei Francis, dall'India, attivista: premiata per lo "zelo visionario" e la "fede profonda" nelle energie della comunità, egli ha promosso programmi e iniziative che hanno permesso "lo sviluppo di migliaia di famiglie povere" nelle aree rurali del Paese.

Syeda Rizwana Hasan, del Bangladesh, avvocato: la donna è stata insignita del riconoscimento per il grandissimo "coraggio" e l'impegno in prima fila nel sociale e la lotta per l'affermazione dei "diritti della gente a godere di un ecosistema sostenibile" per vivere una vita giusta e "dignitosa".

Yang Saing Koma, della Cambogia, esperto di agricoltura: premiato per la sua "fusione creativa" di scienza pratica e sapere comune, che ha "ispirato un gran numero di aziende agricole" del Paese, con l'obiettivo di "migliorare la produttività" e contribuire "alla crescita economica della nazione".

Ambrosius Ruwindrijarto, dell'Indonesia, ambientalista: per la lotta contro l'abbattimento illegale di alberi e il traffico di legname. Egli ha inoltre dato vita a iniziative sociali che hanno saputo coinvolgere le comunità delle foreste, in qualità di veri e propri "partner" di impresa.

Ramon Magsaysay (1907-1957) è stato il terzo presidente delle Filippine dalla fine della Seconda Guerra mondiale, la sua vita e il suo esempio hanno esercitato un notevole influsso in patria e all'estero. Il premio dedicato alla sua memoria è stato ideato nel 1958, a un anno dalla scomparsa; ad oggi 277 personalità del continente hanno ricevuto quello che è stato ribattezzato il Nobel dell'Asia.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
di Santosh Digal
01/08/2007 FILIPPINE
Jovito Salonga insignito del “Nobel asiatico”
di Santosh Digal
31/07/2014 FILIPPINE - ASIA
"Nobel asiatici", fra i vincitori due attivisti cinesi e una Fondazione pakistana
01/08/2006 Filippine - Asia
Diffusi i nomi dei vincitori del Magsaysay, il "Nobel asiatico"
07/09/2005 ASIA
Premio Magsaysay: i 6 Nobel asiatici contro la povertà e per i diritti umani

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate