29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/07/2012, 00.00

    FILIPPINE – ASIA

    Nobel asiatici 2012, un riconoscimento allo sviluppo sostenibile



    Scelti i vincitori del Premio Ramon Magsaysay per il loro impegno in materia di ambiente e nella lotta alla povertà. Essi provengono da Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Filippine e Vietnam. Impegno, competenza e leadership collaborativa possono trasformare milioni di individui. La consegna il 31 agosto a Manila.

    Manila (AsiaNews) - Sei personalità di primo piano provenienti da Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Filippine e Taiwan sono state insignite del Premio Ramon Magsaysay - meglio conosciuto come il "Nobel dell'Asia" - per l'edizione 2012. Oggi il comitato direttivo del Ramon Magsaysay Award Foundation (Rmaf) ha annunciato i vincitori, che il prossimo 31 agosto al Philippine International Convention Center (Picc) riceveranno una medaglia con le sembianze dell'ex presidente, un certificato e un riconoscimento in denaro. Le personalità asiatiche vincitrici dell'edizione 2012 si vanno ad aggiungere agli altri 290 uomini e donne capaci di aggiudicarsi il più famoso e ambito premio del continente.

    Quest'anno la giuria, sottolinea la presidente Rmaf Carmencita Abella, ha valorizzato l'opera di persone "impegnate a fondo nello sviluppo di soluzioni sostenibili" per combattere la povertà e nella preservazione dell'ambiente. Il loro lavoro testimonia, continua la donna, come "impegno, competenza e leadership collaborativa possono davvero trasformare milioni di individui e dare nuovo impulso all'azione collettiva" e diventano "fonte di speranza" per tutti.

    Sei le categorie nelle quali è suddiviso il premio: incarichi di governo; servizio pubblico; guida della comunità; giornalismo, letteratura e arti comunicative; pace e cooperazione internazionale; giovani emergenti.
    Per l'edizione 2012 i premi andranno ai seguenti vincitori:

    Chen Shu-Chu, di Taiwan, ortolana in un piccolo mercato di Taiting (nella foto): insignita del premio per "il puro altruismo" e la "dedizione personale" che riflette "una profonda, significativa e docile compassione", che le ha permesso di "cambiare la vita" ai moltissimi taiwanesi che ha aiutato nel corso della sua vita.

    Romulo Davide, delle Filippine, agronomo: per "l'instancabile passione" profusa nel mettere nelle mani degli agricoltori filippini il potere della scienza, che ha così permesso di "moltiplicare" le superfici coltivabili e migliorare la produttività.

    Kulandei Francis, dall'India, attivista: premiata per lo "zelo visionario" e la "fede profonda" nelle energie della comunità, egli ha promosso programmi e iniziative che hanno permesso "lo sviluppo di migliaia di famiglie povere" nelle aree rurali del Paese.

    Syeda Rizwana Hasan, del Bangladesh, avvocato: la donna è stata insignita del riconoscimento per il grandissimo "coraggio" e l'impegno in prima fila nel sociale e la lotta per l'affermazione dei "diritti della gente a godere di un ecosistema sostenibile" per vivere una vita giusta e "dignitosa".

    Yang Saing Koma, della Cambogia, esperto di agricoltura: premiato per la sua "fusione creativa" di scienza pratica e sapere comune, che ha "ispirato un gran numero di aziende agricole" del Paese, con l'obiettivo di "migliorare la produttività" e contribuire "alla crescita economica della nazione".

    Ambrosius Ruwindrijarto, dell'Indonesia, ambientalista: per la lotta contro l'abbattimento illegale di alberi e il traffico di legname. Egli ha inoltre dato vita a iniziative sociali che hanno saputo coinvolgere le comunità delle foreste, in qualità di veri e propri "partner" di impresa.

    Ramon Magsaysay (1907-1957) è stato il terzo presidente delle Filippine dalla fine della Seconda Guerra mondiale, la sua vita e il suo esempio hanno esercitato un notevole influsso in patria e all'estero. Il premio dedicato alla sua memoria è stato ideato nel 1958, a un anno dalla scomparsa; ad oggi 277 personalità del continente hanno ricevuto quello che è stato ribattezzato il Nobel dell'Asia.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/08/2009 FILIPPINE – ASIA
    Nobel dell’Asia 2009, premiati attivisti pro-ambiente e diritti umani
    Provengono da Thailandia, India, Filippine, Myanmar e Cina i vincitori dell’edizione 2009 del Premio Ramon Magsaysay, dedicato alla memoria dell’ex presidente filippino. Essi sono “veri eroi asiatici” perché non cedono davanti a “pressioni e avversità”.

    01/08/2007 FILIPPINE
    Jovito Salonga insignito del “Nobel asiatico”
    L’ex presidente del Senato e strenuo oppositore del dittatore Marcos fra i sette vincitori dell’edizione 2007 del premio “Ramon Magsaysay”, per le sue battaglie a favore della democrazia e dei diritti umani. Premiato anche un pastore protestante sudcoreano che si dedica alla cura dei non vedenti.

    31/07/2014 FILIPPINE - ASIA
    "Nobel asiatici", fra i vincitori due attivisti cinesi e una Fondazione pakistana
    La Fondazione che assegna il Premio Magsaysay, il più famoso del continente, ha reso noti i premiati per il 2014: una giornalista cinese che sfida il potere, un attivista anti-inquinamento e un gruppo di industriali che aiuta l'educazione delle donne in Pakistan. Premiati anche un'antropologa indonesiana, il direttore del Museo nazionale afgano e un insegnante filippino che lavora con i tribali.

    01/08/2006 Filippine - Asia
    Diffusi i nomi dei vincitori del Magsaysay, il "Nobel asiatico"

    La Fondazione "Ramon Magsaysay" ha comunicato i nomi dei sei vincitori di questa edizione: spiccano un medico, un editore in pensione ed un attivista per i diritti umani.



    07/09/2005 ASIA
    Premio Magsaysay: i 6 Nobel asiatici contro la povertà e per i diritti umani




    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®