01/12/2015, 00.00
GIAPPONE – VATICANO
Invia ad un amico

Nunzio in Giappone: Coinvolgere i giovani per sconfiggere il riscaldamento globale

Il rappresentante della Santa Sede a Tokyo spiega ad AsiaNews: “Il Sol Levante è molto interessato al tema. Ecco perché abbiamo organizzato un simposio presso la Sophia University, con il quale speriamo di coinvolgere il maggior numero possibile di ragazzi. Loro sono la chiave per un vero cambiamento”. Il tema della denatalità “preoccupa il governo, ma ci vorrà molto tempo prima di arrivare a una soluzione”.

Tokyo (AsiaNews) – La chiave per un vero cambio di passo nella questione del riscaldamento globale “è coinvolgere i giovani. Loro sono il futuro, e devono avere più coscienza del problema. Ecco perché vogliamo trovare ogni strada per coinvolgerli”. Lo dice ad AsiaNews mons. Joseph Chennath, nunzio apostolico in Giappone. Il riferimento del rappresentante della Santa Sede è al simposio organizzato dalla Sophia University, roccaforte dell’istruzione cattolica nel Paese, per il prossimo 4 dicembre.

Il cambiamento climatico, recita l’invito, “è una realtà vivente. Rispondere alle sfide complesse di questo cambiamento richiede visione e impegno da parte dei leader mondiali. L’enciclica Laudato Sì fornsice alla comunità globale una strada per un futuro sostenibile per tutti. Ecco perché abbiamo invitato gli esperti di politiche ambientali, per unirsi agli studenti e ai professori e condividere le prospettive per la prossima agenda”. La lista dei relatori prevede infatti, oltre allo stesso Nunzio, diversi nomi di livello: fra questi anche p. Patxi Alvarez, Segretario per la giustizia sociale e l’ambiente alla Curia generale dei gesuiti a Roma.

"Ritengo, dice ad AsiaNews mons. Chennoth, che il Giappone sia molto interessato a risolvere la questione climatica e del riscaldamento globale. Stanno lavorando su questo problema e vogliono collaborare il più possibile con il resto del mondo. Anche la Chiesa nipponica è impegnata sul tema, ecco perché organizziamo questo simposio”. Lo scopo principale, riprende il Nunzio, “è sensibilizzare i giovani su questo tema. Sono i giovani che devono avere più coscienza del problema, e sono loro che devono partecipare in maniera attiva ai vari lavori”.

Da un punto di vista più generale, secondo mons. Chennoth è positivo anche l’impegno di Tokyo per contrastare la denatalità nel Sol Levante: “Il governo sta facendo molto per aumentare la popolazione, anche portando avanti una politica sociale favorevole alle nuove nascite. È un processo che ha bisogno di molto tempo, ma l’esecutivo ne è conscio”. Anche per questo, la Chiesa cattolica giapponese “deve impegnarsi con lo stesso vigore ed entusiasmo dei martiri e dei cristiani nascosti, che per più di 200 anni hanno mantenuto la fede nonostante le persecuzioni. Dobbiamo partire da loro per rinnovarci”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Tong: La "Laudato sì" ci spinge a parlare meno e agire di più per l’ambiente
06/07/2015
Esperti giapponesi: supertifoni e molti danni a causa del riscaldamento globale
30/09/2009
Al G8, nella lotta sul clima, hanno vinto Cina e India
10/07/2008
Una tempesta di sabbia avvolge il Medio oriente, in Libano morte due donne
08/09/2015
Hokkaido, terremoto distrugge case e strade: nove morti e 33 dispersi
06/09/2018 12:32