Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/02/2005, 00.00

    PAKISTAN

    Nuovi casi di violenze e torture contro i cristiani del Pakistan



    Molte atrocità vengono insabbiate dalle autorità locali. In alcuni casi esse sono ignorate anche dalle organizzazioni internazionali.

    Lahore (AsiaNews/Agenzie) - Shahbaz Masih, 22 anni, commerciante cristiano del piccolo villaggio Talwandi nella provincia del Punjab in Pakistan, ha subito una violenta aggressione da parte di Ahmed Ali, un suo cliente di religione musulmana,. Dopo una discussione nata per futili motivi, Ahmed Ali ha prima insultato Shahbaz Masih per la sua fede cristiana e poi lo ha aggredito tranciandogli di netto un braccio con un coltello da macellaio. Il giovane commerciante, ricoverato all'ospedale di Faisalbad, è stato dimesso dopo quattro giorni. Una volta tornato a casa è stato costretto a chiudere il negozio e fuggire dal villaggio insieme alla madre. Joseph Coutts, vescovo cattolico di Faisalbad, informato sui fatti dal parroco di Chak Jumra, villaggio poco distante da Talwandi, ha subito inviato una delegazione accompagnata dall'avvocato Khalil Tahrir per avviare un'azione legale nei confronti dell'aggressore. Ora Ahmed Ali è detenuto nella prigione di Faisalbad ma secondo alcune fonti locali, le autorità ricevono forti pressioni affinché sia giudicato innocente e venga liberato al più presto.

    Un altro caso riportato dal Pakistan Christian Post riguarda una donna cristiana. Dopo essere stata rapita insieme ad alcuni membri della sua famiglia, Hanifan Bibi, è stata spogliata, violentata e torturata di fronte ai suoi cari. Anche in questo caso, i suoi aguzzini godrebbero della complicità delle autorità locali e in particolare di alcuni membri musulmani della Punjab Assembly.

    Molti cristiani locali denunciano la scarsa attenzione dei media internazionali verso la loro situazione. Un caso in particolare desta sorpresa: il rapporto annuale sui diritti umani dell'organizzazione non governativa Human Rights Watch quest'anno ha completamente ignorato le continue discriminazioni contro le minoranze religiose in Pakistan. Nel resoconto del 2005 e in particolare nella sezione dedicata alla libertà di culto, non sono citati i brutali omicidi di Nasir Masih, Samuel Masih e Javed Anjum, uccisi a causa della loro fede cristiana. Samuel e Nasir, accusati di blasfemia, sono morti in seguito alle torture della polizia; Javed è stata uccisa da studenti e insegnanti di una scuola coranica.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2005 PAKISTAN
    Arcivescovo di Lahore contro l'ennesimo arresto di un cristiano per blasfemia

    Younis Masih è in carcere da domenica, accusato di aver offeso Maometto durante alcuni canti tradizionali. Mons. Saldanha: questi episodi ostacolano gli sforzi verso il dialogo interreligioso.



    18/09/2009 PAKISTAN
    Governatore del Punjab: la legge sulla blasfemia va abolita
    Salman Taseer: è “sfruttata” dagli estremisti per colpire le minoranze religiose, che vanno invece “protette”. Leader cristiani: “dichiarazioni importanti”. La cancellazione della norma spetta al governo centrale, che deve “informare” i cittadini delle violenze. L’elenco delle persecuzioni anti-cristiane nel Punjab.

    17/09/2009 PAKISTAN
    Ong pakistana: collusione fra polizia ed estremisti all'origine degli omicidi in carcere
    Un comitato per i diritti umani denuncia “violenze in continua crescita” contro le minoranze religiose. I fanatici agiscono impuniti, grazie alla connivenza delle guardie carcerarie. Sotto accusa il governo, che non ha mai punito gli autori dei crimini. La polizia non apre il fascicolo di indagine sull’omicidio in carcere del 20enne cristiano a Sialkot.

    16/09/2009 PAKISTAN
    Sialkot: la polizia carica la folla ai funerali del giovane ucciso in carcere per blasfemia
    Alle esequie del 20enne cristiano la polizia ha attaccato i fedeli. Testimoni confermano il lancio di gas lacrimogeni, arresti e numerosi feriti. Gli agenti schierati per “prevenire ulteriori disordini”. Leader cattolici rinnovano l’appello: “abrogare la legge sulla blasfemia”.

    15/09/2009 PAKISTAN
    Punjab, ucciso in carcere il giovane cristiano accusato di blasfemia
    Fanish, 20 anni, era stato arrestato il 12 settembre scorso. Per la polizia si tratta di suicidio. Attivista per i diritti umani: “omicidio legalizzato”. Il giorno precedente una folla di estremisti aveva attaccato la comunità cristiana dove viveva il giovane, incendiando la locale chiesa. Fondamentalisti pakistani finanziati da gruppi “caritativi” sauditi.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®