26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/02/2005
PAKISTAN
Nuovi casi di violenze e torture contro i cristiani del Pakistan

Molte atrocità vengono insabbiate dalle autorità locali. In alcuni casi esse sono ignorate anche dalle organizzazioni internazionali.



Lahore (AsiaNews/Agenzie) - Shahbaz Masih, 22 anni, commerciante cristiano del piccolo villaggio Talwandi nella provincia del Punjab in Pakistan, ha subito una violenta aggressione da parte di Ahmed Ali, un suo cliente di religione musulmana,. Dopo una discussione nata per futili motivi, Ahmed Ali ha prima insultato Shahbaz Masih per la sua fede cristiana e poi lo ha aggredito tranciandogli di netto un braccio con un coltello da macellaio. Il giovane commerciante, ricoverato all'ospedale di Faisalbad, è stato dimesso dopo quattro giorni. Una volta tornato a casa è stato costretto a chiudere il negozio e fuggire dal villaggio insieme alla madre. Joseph Coutts, vescovo cattolico di Faisalbad, informato sui fatti dal parroco di Chak Jumra, villaggio poco distante da Talwandi, ha subito inviato una delegazione accompagnata dall'avvocato Khalil Tahrir per avviare un'azione legale nei confronti dell'aggressore. Ora Ahmed Ali è detenuto nella prigione di Faisalbad ma secondo alcune fonti locali, le autorità ricevono forti pressioni affinché sia giudicato innocente e venga liberato al più presto.

Un altro caso riportato dal Pakistan Christian Post riguarda una donna cristiana. Dopo essere stata rapita insieme ad alcuni membri della sua famiglia, Hanifan Bibi, è stata spogliata, violentata e torturata di fronte ai suoi cari. Anche in questo caso, i suoi aguzzini godrebbero della complicità delle autorità locali e in particolare di alcuni membri musulmani della Punjab Assembly.

Molti cristiani locali denunciano la scarsa attenzione dei media internazionali verso la loro situazione. Un caso in particolare desta sorpresa: il rapporto annuale sui diritti umani dell'organizzazione non governativa Human Rights Watch quest'anno ha completamente ignorato le continue discriminazioni contro le minoranze religiose in Pakistan. Nel resoconto del 2005 e in particolare nella sezione dedicata alla libertà di culto, non sono citati i brutali omicidi di Nasir Masih, Samuel Masih e Javed Anjum, uccisi a causa della loro fede cristiana. Samuel e Nasir, accusati di blasfemia, sono morti in seguito alle torture della polizia; Javed è stata uccisa da studenti e insegnanti di una scuola coranica.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/09/2005 PAKISTAN
Arcivescovo di Lahore contro l'ennesimo arresto di un cristiano per blasfemia
di Qaiser Felix
18/09/2009 PAKISTAN
Governatore del Punjab: la legge sulla blasfemia va abolita
di Fareed Khan
17/09/2009 PAKISTAN
Ong pakistana: collusione fra polizia ed estremisti all'origine degli omicidi in carcere
di Fareed Khan
16/09/2009 PAKISTAN
Sialkot: la polizia carica la folla ai funerali del giovane ucciso in carcere per blasfemia
di Fareed Khan
15/09/2009 PAKISTAN
Punjab, ucciso in carcere il giovane cristiano accusato di blasfemia
di Fareed Khan

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate