21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/07/2017, 10.45

    ONU

    Oltre 100 Paesi votano il bando alle armi nucleari, ma le potenze si ribellano



    Il testo è stato approvato con 122 voti positivi, uno contrario, uno astenuto. Ma nessuno dei nove Paesi nucleari - - Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - ha preso parte alla discussione e al voto. Il sostegno del Vaticano e l’apprezzamento del segretario generale dell’Onu, Guterres.

    New York (AsiaNews) - All’assemblea dell’Onu di ieri sera è stato votato a larghissima maggioranza un trattato che mette al bando le armi nucleari. Ma Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna si sono opposte perché il documento “è cieco” sulle minacce internazionali alla sicurezza.

    Il testo del trattato è stato approvato con 122 voti favorevoli, un voto contrario (l’Olanda) e un astenuto (Singapore).

    Nessuno dei nove Paesi che hanno armi nucleari - Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - ha preso parte né alla discussione, né al voto.

    Perfino il Giappone - che pure è stato colpito dalla bomba atomica nella Seconda guerra mondiale - ha boicottato la discussione, come pure quasi tutti i Paesi Nato.

    Il trattato vorrebbe accrescere la pressione sugli Stati-potenze nucleari ad andare verso il disarmo. Una statistica pubblicata nei giorni scorsi dal Sipri, l’istituto di Stoccolma per la pace, mostra che tale disarmo non sta avvenendo per nulla. L’idea di un trattato ha ricevuto il sostegno del Vaticano e di papa Francesco. Fra i Paesi che hanno votato a favore, vi è pure l’Iran, spesso sospettato di avere un programma nucleare segreto.

    A poche ore dall’approvazione, gli ambasciatori Onu di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno diffuso una dichiarazione con cui rifiutano il trattato. Secondo loro, esso “non offre alcuna soluzione alla grave minaccia posta dal programma nucleare della Corea del Nord, né affronta altre sfide alla sicurezza che rendono necessaria la deterrenza nucleare”.

    Antonio Guterres, segretario generale Onu, ha applaudito al risultato, definendolo “un passo importante” verso un mondo libero dal nucleare.

    Per molti attivisti, anche se il documento non sarà seguito, rappresenta una prima vittoria legale per bollare come negativo il possesso di armi nucleari.

    Fino al 20 settembre il trattato potrà essere firmato e sottoscritto. Esso entrerà in forza quando 50 Paesi l’avranno ratificato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/12/2017 08:42:00 GIAPPONE-NORVEGIA
    Sopravvissuti di Hiroshima al Premio Nobel per la pace contro il nucleare

    Il Premio accettato da Beatrice Fihn, direttore esecutivo dell’Ican (Campagna internazionale per abolire le armi nucleari) e da Setsuko Thurlow, sopravvissuta di Hiroshima. La cerimonia snobbata dagli ambasciatori di Usa, Francia, Gran Bretagna. Il trattato per il bando delle armi nucleari è stato approvato da 122 nazioni, ma non dalle nove potenze nucleari. Finora ha ricevuto solo tre ratificazioni. Il sostegno di papa Francesco.



    25/02/2016 08:40:00 CINA – USA – COREA DEL NORD
    Accordo fra Pechino e Washington per punire Pyongyang

    Dopo i test nucleari illegali e i lanci missilistici, la Cina e gli Stati Uniti si incontrano per preparare una bozza di risoluzione che estende le punizioni emesse dal Consiglio di Sicurezza Onu contro il regime dei Kim. Ora serve il voto del Consiglio. Fra le nuove entità che vengono sanzionate, anche il Ministero nordcoreano per l’energia atomica.



    04/09/2017 09:13:00 COREA-ASIA
    Il ‘terremoto’ del test nucleare di Pyongyang. Le reazioni nel mondo

    Oggi pomeriggio riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu. La bomba ad idrogeno fatta scoppiare ieri è quasi 10 volte più forte delle precedenti. Per la Corea del Nord è un “perfetto successo”. Seoul e Tokyo chiedono un incremento al massimo delle sanzioni per portare Kim Jong-un al tavolo delle trattative. Esercitazioni militari con missili nel sud. Minacce di operazioni militari da parte degli Usa. Per alcuni analisti, l’obbiettivo dei test è provocare l’imbarazzo della Cina.



    04/09/2009 COREA DEL NORD
    Corea del Nord: abbiamo l’uranio arricchito, possiamo creare la bomba o trattare
    Pyongyang afferma di essere prossima a creare la bomba atomica ma si dice disponibile a trattare e non contraria alla denuclearizzazione della penisola coreana. Esperti: il regime nordcoreano vuole riprendere i colloqui salvando la faccia. Sarà decisivo il ruolo di Pechino.

    05/09/2017 09:12:00 ONU-COREA
    Consiglio di sicurezza Onu sulla Corea del Nord: Guerra, sanzioni, dialogo

    Ambasciatrice Usa: Pyongyang sta supplicando per una guerra. La pazienza degli Usa “non è senza limiti”. Per Cina e Russia occorre frenare che fanno crescere la tensione. Stop alle esercitazioni militari congiunte in cambio di dialogo con il Nord. Putin al telefono con Moon Jae-in. Trump propone vendita di armi alla Corea del Sud.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®