18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/07/2017, 10.45

    ONU

    Oltre 100 Paesi votano il bando alle armi nucleari, ma le potenze si ribellano



    Il testo è stato approvato con 122 voti positivi, uno contrario, uno astenuto. Ma nessuno dei nove Paesi nucleari - - Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - ha preso parte alla discussione e al voto. Il sostegno del Vaticano e l’apprezzamento del segretario generale dell’Onu, Guterres.

    New York (AsiaNews) - All’assemblea dell’Onu di ieri sera è stato votato a larghissima maggioranza un trattato che mette al bando le armi nucleari. Ma Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna si sono opposte perché il documento “è cieco” sulle minacce internazionali alla sicurezza.

    Il testo del trattato è stato approvato con 122 voti favorevoli, un voto contrario (l’Olanda) e un astenuto (Singapore).

    Nessuno dei nove Paesi che hanno armi nucleari - Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - ha preso parte né alla discussione, né al voto.

    Perfino il Giappone - che pure è stato colpito dalla bomba atomica nella Seconda guerra mondiale - ha boicottato la discussione, come pure quasi tutti i Paesi Nato.

    Il trattato vorrebbe accrescere la pressione sugli Stati-potenze nucleari ad andare verso il disarmo. Una statistica pubblicata nei giorni scorsi dal Sipri, l’istituto di Stoccolma per la pace, mostra che tale disarmo non sta avvenendo per nulla. L’idea di un trattato ha ricevuto il sostegno del Vaticano e di papa Francesco. Fra i Paesi che hanno votato a favore, vi è pure l’Iran, spesso sospettato di avere un programma nucleare segreto.

    A poche ore dall’approvazione, gli ambasciatori Onu di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno diffuso una dichiarazione con cui rifiutano il trattato. Secondo loro, esso “non offre alcuna soluzione alla grave minaccia posta dal programma nucleare della Corea del Nord, né affronta altre sfide alla sicurezza che rendono necessaria la deterrenza nucleare”.

    Antonio Guterres, segretario generale Onu, ha applaudito al risultato, definendolo “un passo importante” verso un mondo libero dal nucleare.

    Per molti attivisti, anche se il documento non sarà seguito, rappresenta una prima vittoria legale per bollare come negativo il possesso di armi nucleari.

    Fino al 20 settembre il trattato potrà essere firmato e sottoscritto. Esso entrerà in forza quando 50 Paesi l’avranno ratificato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/02/2016 08:40:00 CINA – USA – COREA DEL NORD
    Accordo fra Pechino e Washington per punire Pyongyang

    Dopo i test nucleari illegali e i lanci missilistici, la Cina e gli Stati Uniti si incontrano per preparare una bozza di risoluzione che estende le punizioni emesse dal Consiglio di Sicurezza Onu contro il regime dei Kim. Ora serve il voto del Consiglio. Fra le nuove entità che vengono sanzionate, anche il Ministero nordcoreano per l’energia atomica.



    04/09/2009 COREA DEL NORD
    Corea del Nord: abbiamo l’uranio arricchito, possiamo creare la bomba o trattare
    Pyongyang afferma di essere prossima a creare la bomba atomica ma si dice disponibile a trattare e non contraria alla denuclearizzazione della penisola coreana. Esperti: il regime nordcoreano vuole riprendere i colloqui salvando la faccia. Sarà decisivo il ruolo di Pechino.

    11/10/2006 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    Pyongyang minaccia l'Onu: sanzioni dure significano guerra

    Tokyo e Washington approvano misure unilaterali nei confronti di Pyongyang e premono per inserire l'uso della forza armata nelle sanzioni Onu. Pechino chiede calma, ma si dice d'accordo per una risposta dura. Seoul tentenna.



    12/02/2005 Corea del Nord - usa
    La sfida di Pyongyang è una supplica agli USA perché non cada il regime


    07/01/2016 COREA – ASIA – USA
    Seoul, Washington e Tokyo “pronte a tutto” per fermare il nucleare coreano
    I tre governi hanno deciso di lavorare insieme, sia in ambito Onu che individuale, per eliminare il rischio di una guerra atomica con Pyongyang. La Casa Bianca ha “ancora dubbi” sull’effettivo uso di un ordigno a idrogeno; gli esperti sembrano divisi. La Corea del Sud limita l’accesso al complesso inter-coreano di Kaesong.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®