12/12/2007, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Oltre 500 episodi di violenza anticristiana in 23 mesi

Colpiti religiosi, credenti e luoghi di culto. Un gruppo cristiano raccoglie prove e denuncia connivenze e protezioni di gruppi nazionalisti indù. Ora chiede l’intervento del governo contro una violenza “peggiore del terrorismo”. Vescovo di Vasai: i credenti di ogni fede collaborino per i diritti umani.

New Delhi (AsiaNews) – “Abbiamo accertato oltre 500 episodi di violenze anticristiane in 23 mesi nell’intera nazione”, “in buona parte espressione di odio religioso di estremisti indù protetti da gruppi del Sangh Parivar, come il Partito Bharatiya Janata e il Rashtriya Swayamsevak Sangh”. Sajan K. George, presidente del Consiglio globale degli indiani cristiani (Gcic), denuncia ad AsiaNews  le violenze e spiega che ora hanno inviato una lettera al premier Manmohan Singh perché ponga un freno a queste violenze.

La lettera elenca le violenze contro persone e luoghi di culto, per “creare un’atmosfera di terrore”, una “minaccia alla libertà interiore che è peggiore degli attacchi terroristi”. “Alcuni Hindutva (nazionalisti indù) protestano persino contro la polizia che tenta di individuare i colpevoli. Dietro molte aggressioni c’è un vero disegno, ed è interesse di tutti scoprirne gli autori”. Per questo chiede al governo centrale “un urgente intervento”.

Mons. Thomas Dabre, vescovo di Vasai e membro del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, conferma che “i leader di ogni religione debbono collaborare per promuovere i diritti umani e creare un ambiente capace di affermare, rispettare e onorare i diritti di ognuno”. In occasione della Giornata mondiale per i diritti umani dice ad AsiaNews che “è fondamentale che leader di diverse religioni combattano qualsiasi forma di violazione dei diritti umani: di donne, bambini, emarginati, migranti, Dalit e tribali e di chi non è ancora nato”. “Tutti insegnano ai seguaci la fede in Dio e la fede implica che noi tutti siamo bambini di Dio. Questa è la nostra dignità: essere bambini di Dio, e chi nega questa dignità viola i diritti umani.” (NC)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Partito Bharatiya Janata discrimina i cristiani e i Dalit
20/02/2007
Assalto a due chiese protestanti nel Karnataka. La polizia accusata di favoreggiamento
01/09/2009
Netta vittoria dei nazionalisti indù nel Karnataka
26/05/2008
Arrestato estremista indù accusato di avere violentato suor Meena
14/06/2010
Nuovo attacco contro una chiesa del Karnataka. È il quarto in quattro giorni
16/12/2009