20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 21/04/2005, 00.00

    CINA

    Operai cinesi in sciopero per formare un sindacato



    Le proteste sono indirizzate contro un'azienda giapponese. Il governo scioglie i cortei "per prevenire manifestazioni violente anti-giapponesi".

    Fuyong (AsiaNews/Agenzie) – Migliaia di operai stanno scioperando per ottenere migliori condizioni di lavoro e per costituire un sindacato libero.

    A Fuyong – nella municipalità di Shenzen (sud della Cina) - da 4 giorni i dipendenti della società giapponese Uniden Electronics Products, che produce telefoni cordless - non lavorano. Chiedono alla dirigenza della fabbrica di migliorare le loro condizioni e di dare agli operai la possibilità – garantita dalla legge – di costituire un sindacato libero. La società li obbliga a turni di lavoro giornaliero di 10 ore e mezza, per un salario di 800 yuan (80 euro) al mese.

    Gli scioperanti hanno detto più volte che non riprenderanno il lavoro se l'azienda non accetta le loro richieste. Un dimostrante dice: "Ci sentiamo trattati come schiavi. Abbiamo bisogno di unirci insieme e combattere per i nostri interessi. E' un nostro diritto".

    Ieri il governo della municipalità ha mandato la pubblica sicurezza per bloccare un corteo: i dirigenti di zona temono che possa divenire un'altra violenta manifestazione anti-giapponese.

    I lavoratori avevano già scioperato in dicembre a causa dei bassi salari e per protestare contro un dirigente nipponico della fabbrica che aveva percosso alcuni dipendenti. In quel periodo gli operai avevano un turno di 11 ore al giorno ed un salario mensile di 480 yuan (48 euro) . Dopo le proteste la società aveva garantito miglioramenti economici, libera attività sindacale e nessuna ritorsione contro gli organizzatori della protesta. Poco dopo, coloro che avevano guidato le proteste sono stati licenziati con vari pretesti.

    "Avevano detto che eravamo liberi di formare il sindacato - dice un dipendente -  e non ce l'hanno concesso: avevano detto che i nostri leader erano al sicuro, e dopo poche settimane sono stati cacciati con scuse ridicole. Provino ora  a fermarci ancora". (PB)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/08/2017 18:29:00 CINA
    Pechino, le proteste dei lavoratori interinali scuotono le industrie statali

    I dipendenti dello stabilimento cinese della FAW-Volkswagen hanno intrapreso lunga campagna per la parità di retribuzione. Protestano anche gli operai della China Mobile di Guangyuan. Negli stabilimenti della Shaanxi Yanchang stipendi base, nessun straordinario pagato e nessuna indennità.



    10/12/2004 CINA - DIRITTI UMANI
    Pechino cancella conferenza sui diritti dei lavoratori


    10/05/2006 Cina
    Cina: diritti umani minacciati dalla violenza dei governi locali

    In Cina crescono sempre di più le proteste sociali collegate allo sfruttamento dei lavoratori ed al mancato rispetto dei diritti umani. Per fermarle, i governi locali mandano bande armate di sconosciuti contro i manifestanti. Questo nuovo fenomeno "va contro le dichiarazioni di Pechino, che predica lo sviluppo armonico, e preoccupa perché apre la strada all'illegalità totale nella gestione dei diritti civili in Cina".



    25/02/2005 cina
    I cattolici cinesi in aiuto delle vittime delle miniere
    Attivata in tutte le diocesi del Liaoning una raccolta fondi per le vittime dell'esplosione di Sunjiawan, la più grave negli ultimi 50 anni.

    18/06/2010 CINA
    Cina, gli scioperi colpiranno la competitività
    Le richieste dei lavoratori, che incrociano le braccia per ottenere salari migliori e turni di lavoro meno duri, incidono sugli investimenti stranieri. Che ora guardano a India, Bangladesh e Vietnam. Tuttavia, avvertono gli analisti, “sul lungo periodo questo cambiamento si rivelerà favorevole: si creerà il mercato interno di cui Pechino ha disperatamente bisogno”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®