07/03/2018, 10.51
INDIA
Invia ad un amico

Orissa, decapitata una statua della Madonna

di Purushottam Nayak

La scultura della Vergine si trova nella grotta della chiesa dell’Immacolata Concezione ad Aligonda. “Offeso il sentimento religioso dei cristiani”. A Partama più di 15mila devoti di Maria celebrano la festa a lei dedicata. Presenti anche musulmani e indù.

Bhubaneswar (AsiaNews) – Una statua della Madonna è stata vandalizzata ad Aligonda, nel distretto di Gajapati (Orissa). Lo scorso 4 marzo la scultura della Vergine è stata ritrovata senza testa nella grotta della chiesa dedicata all’Immacolata Concezione, che rientra nella diocesi di Berhampur. Ad AsiaNews p. Sanjib Biro, ex parroco, lamenta: “È molto triste sapere che viene offeso il sentimento religioso della minoranza cristiana in India”.

Il sacerdote, attuale parroco della chiesa di Nostra Signora di Lourdes a Dantoling, principale luogo di pellegrinaggio dell’Orissa, aggiunge: “La natura dei cristiani è la pace amorevole, [vogliamo] costruire l’unità e la fratellanza gli uni con gli altri. È davvero deprimente che cristiani innocenti sono molestati e minacciati”.

Secondo p. Biro, la demolizione della statua di Maria “ha causato profonda tristezza nella comunità. La Madonna è modello ed esempio per ogni cristiano nella regione. Centinaia di fedeli accorrono ogni anno a Dantoling per partecipare l’11 febbraio alla festa della Madonna di Lourdes e a Aligonda l’8 dicembre per la festa dell’Immacolata Concezione”. L’incidente, continua il sacerdote, “ha abbattuto [l’animo] dei cristiani, come se essi avessero perso un familiare. Le persone piangono e pregano la statua di Maria perchè anche se è decapitata, per loro rimane molto cara”. La parrocchia di Aligonda è stata fondata nel 1985 da missionari francesi. Nell’area vivono circa 10mila cattolici.

Intanto il 5 marzo scorso a circa 130 km di distanza dal luogo dell’incidente, più di 15mila persone hanno partecipato alla festa della Madonna di Partama, sotto-centro della parrocchia di Daringbadi, nell’arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneswar. La massiccia presenza di fedeli di ogni religione dimostra che la devozione a Maria è forte anche tra i non cristiani. Tra l’altro il luogo è una famosa meta di pellegrinaggio per le apparizioni della Madonna ad una vedova indù. La storia narra che il 5 marzo 1994 la vedova Kamoladevi si era recata sul monte di Partama per raccogliere della legna. Ad un certo punto, un uomo vestito di bianco e con la barba lunga le si avvicina e poi scompare. Subito dopo, l’apparizione di una “donna bellissima” che la chiama per nome e le dice di costruire una chiesa proprio in quel punto. Tornata al villaggio, nessun membro della comunità indù dà importanza a quanto riferito dalla donna. Qualche giorno dopo un bambino di 12 anni la porta di nuovo sulla montagna e poi svanisce. A quel punto, per la seconda volta le appare la donna bellissima, che le rivela: “Io sono la Madre di Gesù, prega costantemente perché la vita delle persone cambi dal male al bene, dall’odio all’amore”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
India: crescono le violenze dell’estremismo etnico e religioso, in cinque anni oltre 3800 casi
15/12/2009
Mumbai, vandalizzata e decapitata una statua della Vergine Maria
20/02/2017 08:52
Natore, decapitata una statua della Madonna
26/06/2018 12:30
Mons. Barwa, 10 anni dopo i massacri dell’Orissa: ‘Perdono, riconciliazione e pace’
20/08/2018 15:30
Orissa, 534 cresime nella Chiesa perseguitata del Kandhamal
23/01/2018 12:56