28 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/07/2010
INDIA
Orissa, libero su cauzione politico indù condannato per i pogrom anticristiani
Manoj Pradhan, accusato di diversi omicidi e atti vandalici, è in libertà grazie all’intervento dell’Alta corte dell’Orissa che ha accettato il ricorso in appello. Lo scorso 29 giugno il tribunale locale lo aveva condannato a sette anni di carcere con l’accusa di omicidio. Portavoce e avvocato della diocesi di Cuttack-Bunaneshwar: “Questo fatto farà deragliare la costruzione del processo di pace a Kandhamal”.

Mumbai (AsiaNews) – L’Alta corte dell’Orissa concede la libertà su cauzione a Manoj Pradhan, fondamentalista indù, dopo il ricorso in appello dei suoi avvocati. L’uomo, esponente di spicco del Bjp (Bharatiya Janatha Party), è ritenuto colpevole di omicidi e atti vandalici avvenuti durante i pogrom anticristiani del 2008. La decisione della corte, resa nota il 7 luglio scorso, ribalta il giudizio del tribunale locale di Phulbani, che il 29 giugno ha condannato Pradhan a 7 anni di carcere e 5mila rupie (84 euro) di multa per omicidio.

“È una parodia del sistema giudiziario – afferma p. Dibyasingh P. Parichha, portavoce e avvocato della diocesi di Cuttack-Bunaneshwar - un giudice lo mette in carcere e un altro gli concede la libertà su cauzione”. Secondo il sacerdote questo fatto farà deragliare la  costruzione del processo di pace nel distretto di Kandhamal.

Pradhan, deputato del Bjp, era già stato assolto prima della condanna per 7 capi di imputazione, tra cui tre omicidi. In totale egli è accusato di sette omicidi e sette attacchi incendiari contro i cristiani. Grazie al giudizio dell’Alta corte, egli potrà ora attendere in libertà il proseguimento delle indagini per i restanti capi d’imputazione. (N.C.)

 

 

 

 

   


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/09/2010 INDIA
Deputato estremista indù condannato per le uccisioni nei pogrom anticristiani dell’Orissa
di Santosh Digal
02/09/2010 INDIA
Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
di Nirmala Carvalho
23/08/2010 INDIA
Un tribunale popolare per dare giustizia alle vittime dell’Orissa
di Santosh Digal
30/06/2010 INDIA
Condannato un deputato indù per i pogrom nell’Orissa
23/03/2011 INDIA
Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
di Santosh Digal

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate