27/11/2010, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Orissa: i cristiani hanno perso la fiducia nella giustizia

di Santosh Digal
La scarcerazione su cauzione dell’estremista indù Manoy Pradhan, condannato in precedenza per omicidio, segna un duro colpo per il processo contro gli autori dei pogrom anticristiani del 2008. Giudici accusati di essere di parte e di ignorare il grido di giustizia dei cristiani, che annunciano il ricorso all’Alta corte.
 Bhubaneswar (AsiaNews) – La scarcerazione su cauzione di Manoj  Pradhan, tra i principali imputati al processo per i pogrom avvenuti nel 2008 in Orissa ha fatto perdere ai cristiani la speranza di ottenere giustizia. Mons. Lucas Kerketta della diocesi di Sambalpur, afferma ad  AsiaNews che “i giudici dell’Orissa sembrano essere molto indulgenti verso le persone che hanno eseguito la peggiore violenza anti-cristiana degli ultimi anni, con centiniaia di morti, 56mila sfollati case e chiese distrutte” .

Manoj Pradhan, deputato del Bharatiya Janata Party (Bjp) e membro del gruppo estremista Sangha Parivar, in settembre era stato condannato in primo grado a sei anni di carcere per l’omicidio di Vikram Nayak, cristiano ucciso durante i pogrom del 2008. Lo scorso 22 novembre la corte d’appello ha optato per il rilascio su cauzione.   

"Tutte le persone sanno che Pradhan è stato uno dei personaggi chiave degli attacchi contro i cristiani a Kandhamal – sottolinea mons. Kereketta - Se i tribunali continuano a concedere libertà su cauzione e ad  assolvere i detenuti, i cristiani perderanno la loro fiducia nel processo giudiziario e nello Stato ". 

Secondo padre Nicalas Barla, avvocato e attivista per i diritti umani, che assiste in giudizio i cristiani di Kandhamal, gli avvocati e i giudici dei tribunali dell’ Orissa sono "di parte" e ignorano il grido di giustizia dei cristiani. “Tuttavia – afferma p. Nicalas - i cristiani di Kandhamal andranno avanti”. "Abbiamo in programma - aggiunge - di fare appello all’Alta corte per i casi che abbiamo perso nei tribunali d’appello di grado inferiore. I processi qui a Kandhamal sono ormai inutili, dato che i detenuti sono stati quasi tutti liberati su cauzione”. 

Intanto, fuori dai tribunali di Kadhamal continuano le violenze. Lo scorso 25 novembre Manoj Sahu, leader nazionalista indù dell’Orissa è stato ucciso a Bramanigaon (Kandhamal)  da un commando di maoisti del Naxal mentre si recava alla fermata dell’autobus sotto casa sua. L’uomo era tra gli organizzatori del primo pogrom anticristiani iniziato il 24 dicembre 2007 a Bramanigaon, avvenuti in seguito all’omicidio del leader nazionalista indù Swami Laxamnanda Swarsati, anch’egli ucciso dai maoisti.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Barwa: In Orissa i progrom indù hanno unito i cristiani. L’ecumenismo del sangue
20/01/2017 10:58
Pogrom dell’Orissa, condannati con false accuse 7 cristiani innocenti
01/10/2013
Vescovo dell’Orissa: Natale, occasione per costruire un clima di pace con i non cristiani
16/12/2010
Cambiata in ergastolo la pena di morte per un monaco tibetano
26/01/2005
Il governo del Karnataka si dichiara “innocente” per le violenze contro i cristiani
28/01/2011