11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/08/2008, 00.00

    INDIA

    Orissa: indù bruciano case e chiese di cristiani. Tre morti per asfissia

    Nirmala Carvalho

    Continuano il pogrom dei radicali indù contro strutture e persone cristiani. Colpite alcune istituzioni protestanti e cattoliche. La gente fugge nella foresta, senza cibo e riparo. La polizia ha decretato il coprifuoco.

    Bubaneshwar (AsiaNews) – Ancora violenze nel distretto di Kandhamal dove è in atto un vero e proprio pogrom dei cristiani. Ieri notte, nella zona di Raikia, altre tre persone sono morte per asfissia, mentre le loro case venivano bruciate da gruppi di radicali indù.

    Con quelle di stanotte, salgono a 5 le vittime delle violenze scatenate dopo la morte del leader del Vhp (Vishwa Hindu Parishad), Swami Laxanananda Saraswati.

    Ieri in due diversi incidenti sono morti la missionaria laica Rajani Majhi  di 21 anni (in precedenza si pensava fosse una religiosa), arsa viva mentre cercava di salvare gli ospiti di un orfanotrofio della missione di Bargarh, e un uomo, anch’egli bruciato vivo, a Kandhamal. Intanto cresce il numero di chiese cattoliche e protestanti distrutte e incendiate, case razziate e bruciate, villaggi assediati, scuole assalite. Molte persone sono fuggite nella foresta e non hanno cibo né riparo.

    Stamane una chiesa cattolica e 5 case di cristiani sono state date alle fiamme nel villaggio di Badimunda.

    Il p. Dibakar Pariccha, di Giustizia e Pace di Bubaneshwar, ha stilato una lista delle violenze (che riportiamo altrove) e ad AsiaNews indica le urgenze della situazione: “in tutto lo Stato, e soprattutto nel distretto di Kandhamal molte famiglie sono senza cibo, moltissimi senza tetto e perfino senza abiti per coprirsi. La notte scorsa, con tutta la forte pioggia, molta gente era nascosta nella foresta all’addiaccio. La condizione di bambini e donne è indescrivibile. I bambini non possono andare a  scuola e sono traumatizzati dalle violenze; le donne esauste di fronte alla distruzione delle loro case e delle loro famiglie”.

    Intanto polizia ed esercito cercano di garantire l’ordine, ma razzie e assedi continuano anche oggi, dopo lo sciopero di ieri voluto dai radicali indù, che ha bloccato il traffico di tutto lo Stato dell’Orissa. Su tutto il distretto di Kandhamal è stato imposto il coprifuoco a tempo indefinito. Personale antisommossa è stato posto davanti a obbiettivi sensibili, come istituzioni cristiane, scuole, collegi.

    Per l’assassinio di Swami Laxanananda la polizia sospetta dei guerriglieri maoisti. Ma i gruppi radicali indù – in particolare un membro della Vhp, la signora Nivedita Miyar Cuttak - hanno accusato i cristiani. In seguito a ciò, alcuni leader hanno cominciato ad arringare folle di fanatici gridando slogan del tipo: “Uccidete i cristiani e distruggete le istituzioni dei cristiani”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/11/2009 INDIA
    Processi lenti e assoluzioni a catena per i pogrom dell’Orissa
    Due ong del Kandhamal promuovono un incontro con le vittime delle violenze e lanciano l’allarme: i fallimenti della giustizia portano il “rischio di tensioni sociali”. Dei 900 casi depositati solo 30 sono stati dibattuti nelle corti speciali. Ad oggi le assoluzioni sono 115, le condanne solo 27 e i testimoni dei processi vivono sotto minaccia continua.

    07/01/2009 INDIA
    La Corte suprema chiede al governo dell’Orissa più protezione per i cristiani
    Il pronunciamento reso pubblico il 4 gennaio critica anche la lentezza degli interventi dopo le prime violenze di agosto. Nello stesso giorno, nel carcere di Cuttack, la suora violentata il 25 agosto a K Nuagaon ha riconosciuto due dei suoi assalitori.

    20/08/2011 INDIA
    Orissa, il governo vessa i cristiani. Ordine di demolizione per una chiesa
    Le famiglie cristiane di Nandagiri, ricollocate in quel luogo dopo i pogrom del 2008, hanno ricevuto un ordine di demolizione per la chiesetta che stanno costruendo, con i propri mezzi. Il Global Council of India Christians ha rivolto un appello alla Corte suprema contro la decisione del governo locale.

    11/12/2010 INDIA
    Formare sacerdoti per la missione della Chiesa nell’Orissa vittima dell’estremismo indù
    Il messaggio è frutto dell’incontro di vescovi e rettori di seminario avvenuto nei giorni scorsi a Bhubaneswar. Per sacerdoti e prelati i futuri sacerdoti devono saper affrontare la propria vocazione partendo dalle sfide emerse con i pogrom anticristiani avvenuti a Kandhamal nel 2008.

    02/09/2010 INDIA
    Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
    Mons. Cheenath e il presidente dell’Orissa Minority Forum chiedono condanne per gli autori delle violenze, compensi alle vittime e iniziative di pace. Il movimento ha creato un’ala giovanile per far fronte ai bisogni della comunità. A oggi restano ancora 3500 alloggi da ricostruire.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®