23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/10/2011
FILIPPINE
P. D’Ambra: l’educazione dei giovani strada per il dialogo islamo-cristiano
Il missionario è fondatore di Silsilah, movimento per il dialogo interreligioso di Zamboanga. La formazione di giovani cristiani e musulmani apre il cuore anche i musulmani più tradizionalisti. In 25 anni oltre 2mila i giovani diventati leader attivi nelle proprie comunità.

Zamboanga (AsiaNews) – “Per diffondere una cultura di dialogo fra cristiani e musulmani bisogna educare i giovani ad andare a fondo delle propria fede e spingerli a lavorare insieme per il bene delle loro comunità”. È quanto afferma ad AsiaNews p. Sebastiano D’Ambra, missionario del Pontificio istituto missioni estere a Zamboanga (Mindanao) e fondatore di Silsilah, movimento per il dialogo interreligioso. Attivo dal 1984, Silsilah è diventato negli anni un faro per musulmani e cristiani di Mindanao, da quarant’anni vittime della guerra fra ribelli islamici ed esercito filippino.

P. D’Ambra afferma: “Dopo anni di incontri con leader cristiani e musulmani ci siamo resi conto che il nostro compito non era parlare semplicemente del dialogo, ma rispondere in modo concreto alla realtà che ci circondava”.

Nel 1986 Silsilah ha dato il via ai Summer Course of Muslim Christian Dialogue per formare nella cultura del dialogo giovani leader di entrambe le fedi. Da 25 anni i corsi estivi vengono organizzati ogni anno fra aprile e maggio e le classi sono andate avanti anche nei momenti più difficili per i cristiani di Mindanao, come ad esempio l’omicidio di p. Salvatore Carzedda (Pime) ucciso a Zamboanga nel 1992.

“In questi anni abbiamo formato oltre 2mila ragazzi – spiega p. D’Ambra - che ora lavorano come leader in varie zone dell’isola, creando a loro volta gruppi e iniziative volte all’incontro fra le due religioni”. Lo scorso 20 settembre il movimento ha aperto un centro per il dialogo a Manila, nel quartiere di Quiapo sede del santuario del Nazareno e della Moschea d’oro, simboli della presenza delle due religioni nell’arcipelago.
A Mindanao le iniziative del Summer Course hanno inciso anche in aree a maggioranza islamica, ostili ai cristiani e caratterizzate da continui episodi di violenza. A Basilan, roccaforte degli estremisti islamici di Abu Sayyaf, da alcuni mesi è iniziato un rapporto fra il vescovo ed alte autorità islamiche. Essi stanno lavorando per affrontare i problemi concreti della città, coordinati da alcuni collaboratori di Silsilah usciti dai corsi di formazione.

“Ai nostri giovani insegniamo anche il dialogo e il rispetto per la natura – sottolinea il missionari - spiegando i passi della Bibbia e del Corano che parlano di questi argomenti”. A Baluno, area protetta nel centro dell’isola, cristiani e musulmani, si sono uniti per bloccare lo sfruttamento minerario della zona. Con l’aiuto di volontari del Silsilah essi hanno raccolto adesioni in tutta Mindanao. Nel gennaio 2010 più di 10mila persone hanno manifestato a Manila davanti al sede del governo contro l’inquinamento e la distruzione delle aree protette.

La proposta concreta di Silsilah e il suo lavoro con le nuove generazioni ha fatto avvicinare al movimento anche i leader musulmani più restii e tradizionalisti. Di recente il movimento ha tradotto nella in lingua locale la lettera dei 138 saggi islamici inviata a Benedetto XVI nel 2006 per cercare un terreno comune di collaborazione fra cristiani e musulmani. P. D’Ambra fa notare che la diffusione del documento, unita alla testimonianza concreta di Silsilah fra i musulmani di Mindanao, hanno fatto interrogare molti leader islamici sull’opportunità di aprire le loro comunità al dialogo con i cristiani.

“La lettera è firmata da molti leader islamici di livello mondiale – sottolinea - e ciò ha spinto anche i personaggi più duri a cedere, prendendo in considerazione l’opportunità del dialogo interreligioso, l’amore di Dio, l’amore verso il prossimo, tutti contenuti comuni alle due fedi”. In un incontro con oltre 500 ulema avvenuto di recente a Zamboanga, un importante leader islamico, che non ha mai avuto rapporti diretti con Silsilah, ha lodato il movimento citando ai presenti i brani sul rapporto fra cristiani e musulmani presenti nel Corano.

Secondo il sacerdote l’apertura dei leader islamici è possibile se il dialogo si trasforma da semplice strategia a forma di spiritualità su cui impostare la propria vita. Da circa 20 anni attraverso il gruppo Emmaus  il movimento  propone ai laici l’esperienza della verginità e della vita in comunità come occasione per donare la vita al dialogo interreligioso. La proposta si sta diffondendo anche fra le donne musulmane (Muslim women for dialogue and peace), che senza fare voto di castità e restando nelle proprie famiglie, iniziano lo stesso un serio cammino spirituale di dialogo con Dio e il prossimo. (S.C.)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/06/2011 FILIPPINE
Mindanao, una raccolta di doni per musulmani poveri rafforza il dialogo interreligioso
29/09/2011 FILIPPINE
Cristiani a Mindanao espropriati e ridotti al silenzio
12/04/2010 FILIPPINE
Diffondere i valori del Vangelo ai musulmani per la pace a Mindanao
di Santosh Digal
07/05/2011 FILIPPINE
Mindanao, la morte di Bin Laden non ferma il dialogo fra musulmani e cristiani
03/12/2008 FILIPPINE
Avvento per la pace e il dialogo fra cristiani e musulmani a Mindanao

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate