03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/04/2012, 00.00

    VATICANO - CINA

    P. Lazzarotto e il futuro della Chiesa in Cina

    Angelo S. Lazzarotto

    In libreria la nuova opera del missionario del Pime che racconta i rischi di scisma presenti nella Chiesa in Cina e le difficoltà prodotte dagli ultimi avvenimenti, quali le ordinazioni illecite volute dal governo di Pechino. Il testo presenta anche la vitalità evangelizzatrice delle comunità cristiane in Cina.

    Milano (AsiaNews) - P. Angelo Lazzarotto, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME) e grande esperto del mondo religioso cinese, ha scritto un nuovo libro che nei prossimi giorni sarà nelle librerie: "Quale futuro per la Chiesa in Cina?", Emi, Bologna, 2012.

    Avvalendosi anche della consulenza di un altro membro del Pime, p. Gianni Criveller, Lazzarotto mostra la situazione attuale della Chiesa cinese, piena di vivacità evangelizzatrice, ma anche soffocata dal governo cinese fino a spingerla a un possibile scisma. Il riferimento è alle ordinazioni episcopali illecite che Pechino insiste ad eseguire, costringendo vescovi fedeli al papa a parteciparvi con la forza. Fin dai tempi di Mao il progetto del governo è stato quello di distruggere la Chiesa (e le religioni) o farne crescere una parvenza "indipendente" dal papa e alla mercé dello Stato. L'autore mostra come la Chiesa cattolica è cresciuta pur in una situazione così ambigua e sotto mille pressioni e violenze. E traccia alcune piste per il prossimo futuro nella speranza che il governo cinese capisca che i cristiani lasciati liberi sono anche dei buoni cittadini. Ma questo potrà avvenire attraverso l'unità e la solidarietà con la Chiesa universale. Per gentile concessione dell'autore, presentiamo qui l'Introduzione del libro.

     

     Papa Benedetto XVI in un recente intervento ha ancora una volta messo in evidenza l'impegno e il coraggio dei cattolici asiatici che riescono a  dare "una testimonianza trasparente della rilevanza della questione di Dio in ogni campo del pensare e dell'agire": questo permette  di "intravedere come in Asia, grazie alla loro fede, si stiano aprendo per la Chiesa del terzo millennio vasti scenari di evangelizzazione". Egli si rivolgeva alla XXV assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici (24-26 novembre 2011), affermando  fra l'altro: "Il vastissimo continente asiatico ospita popoli, culture e religioni diversi, di antica origine, ma l'annuncio cristiano ha raggiunto sinora soltanto una piccola minoranza, che non di rado vive la fede in un contesto difficile, a volte anche di vera persecuzione" (AsiaNews, 25/11/2011).

     In questo panorama promettente  e insieme preoccupante occupa un  posto centrale  la Repubblica Popolare Cinese, non solo per la vastità del territorio e il numero di abitanti, ma per il peso sia economico sia politico che è destinata ad esercitare negli equilibri mondiali. Anche se oggi non ama fregiarsi del titolo di "Regno di Mezzo" o "Impero del  Centro", la centralità di questo Paese viene assicurata anche dalla civiltà millenaria di cui è portatore e che ha improntato e ancora influenza tutta una vasta area dell'Asia orientale con elementi caratteristici della tradizione confuciana.

    Non dobbiamo dimenticare che, almeno fino alla metà del secolo scorso,  si concentrava  in Cina il maggiore sforzo missionario della Chiesa.  Oggi si è pressati fra  due sentimenti: da una parte l'intuizione che vi possa finalmente essere  realizzato il sogno che ha animato generazioni di annunciatori del Vangelo, e dall'altra l'amara realtà di un contrasto che sta portando  la Chiesa addirittura sull'orlo di uno scisma dalle conseguenze imprevedibili.

     Questo breve studio, che  si avvale anche  di contributi apparsi su un recente numero della rivista   Ad Gentes [1],  si articola nelle seguenti fasi. Anzitutto la presentazione, forse un po' brutale, del grave pericolo  sentito  oggi come incombente sulla Chiesa cattolica in Cina. Segue nel capitolo II una veloce rassegna delle passate esperienze di evangelizzazione in  Cina, mentre  un particolare spazio viene  riservato al dramma più lacerante, la cosiddetta "Controversia dei Riti Cinesi"; questo III capitolo è ad opera del confratello Gianni Criveller, noto ricercatore sulla storia del Cristianesimo in Cina.  I due capitoli seguenti (IV e V) raccontano più in dettaglio l'evolversi dei drammatici fatti che hanno determinato  l'attuale crisi, cercando di individuare pure possibili spazi per riavviare un dialogo costruttivo. L'ultimo capitolo intende fare il punto della complessa situazione all'inizio del nuovo anno 2012,  mettendo in evidenza le enormi difficoltà ma anche la vitalità della comunità cattolica  cinese e sottolineando l'apporto prezioso che le può venire dalla solidarietà della Chiesa universale in un momento tanto difficile.

     Una  solidarietà che,  aiutando la  Chiesa  in  Cina ad essere pienamente se stessa, permetterà a quella  piccola minoranza cattolica di dare serenamente il suo contributo allo sviluppo della società in cui è immersa. E questo nella convinzione che  la crescita e la  testimonianza di quella minoranza  avranno riflessi positivi sulla Chiesa  tutta intera, offrendo un modello credibile di attuazione dell'impegno per una "Nuova Evangelizzazione", cui Papa Benedetto XVI chiama tutti i fedeli.

     Milano, 29 febbraio 2012

     


    [1]   La rivista  semestrale di  Teologia e Antropologia della Missione  Ad Gentes,  diretta da Mario Menin,  ha  dedicato il n. 1 del 2011 (anno 15°) ad una monografia dal titolo  "La Cina e il Cristianesimo",  curata da Gianni Criveller.  Utilizzandola, verrà citato l'autore del testo interessato, con la sigla delle rivista (A.G.) e la pagina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
    Il segretario vaticano di Propaganda Fide prega perché non avvenga una nuova ordinazione episcopale illecita a Harbin. Questo gesto "ferisce il papa", ma anche i cattolici cinesi, soprattutto i neo-battezzati. "Incoerenza" fra il liberalismo predicato dal governo e le azioni dell'Associazione patriottica, che vogliono creare "una nuova chiesa protestante", indipendente dal papa. Il Vangelo in Cina è "molto attuale" per superare il materialismo e il pragmatismo del potere e dei soldi.

    08/07/2011 CINA - VATICANO
    Timori e tensioni in Cina per una nuova ordinazione episcopale senza il mandato del papa
    Il candidato è p. Joseph Huang Bingzhang, ambizioso e legato al mondo politico. La Santa Sede gli ha espresso più volte la sua contrarietà. L’Associazione patriottica programma altre ordinazioni episcopali illecite.

    05/03/2013 CINA - VATICANO
    Pechino, vescovi illeciti e scomunicati promossi a cariche politiche nel Parlamento e nella Conferenza consultiva
    Il vescovo di Shantou è membro dell'Anp; quelli di Kunming, Mindong, Leshan sono membri della Conferenza consultiva. Tutti loro sono illeciti; due sono ufficialmente scomunicati. Altri tre vescovi inseriti per la prima volta negli organismi politici, hanno preso parte o presieduto a ordinazioni senza il mandato della Santa Sede.

    24/04/2012 CINA - VATICANO
    Domani l'ordinazione del nuovo vescovo di Changsha
    Qu Ailin, 51 anni, è riconosciuto dal Vaticano e dal governo. Sul vescovo ordinante, l'arcivescovo di Pechino, vi sono dubbi se è ancora scomunicato o se si è riconciliato con la Santa Sede. Forse all'ultimo momento ci sarà un cambiamento di programma sul celebrante principale.

    21/12/2012 CINA - VATICANO
    Il governo di Wuhan spadroneggia sui parroci e sul futuro vescovo
    Bloccate le nomine e i trasferimenti dei parroci. Dimissioni forzate per p. Shen Guoan, amministratore della diocesi. Questi si era rifiutato di farsi ordinare vescovo senza il mandato del papa. Si teme che il governo stia preparando una nuova ordinazione episcopale illecita.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®