24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/08/2017, 08.55

    INDIA – CINA

    Pace ritrovata tra India e Cina: rientra la minaccia di uno scontro militare



    Delhi ha ordinato il ritiro delle sue truppe dall’altopiano di Doklam. La Cina ha bloccato la costruzione di una strada. La vittoria è a metà tra i due Paesi. Per oltre tre mesi si è temuto lo scoppio di una guerra regionale.

    New Delhi (AsiaNews) – La pace sembra essere ritornata tra i governi di Delhi e Pechino, dopo che per oltre tre mesi si è temuto lo scontro militare tra i due giganti dell’Asia. Ieri le autorità dell’India hanno annunciato di aver ordinato alle proprie truppe di ritirarsi dall’altopiano di Doklam, in Bhutan, dove erano schierate a difesa dell’area. Da parte sua Pechino, che aveva innescato la scintilla del confronto iniziando la costruzione di una strada che avrebbe sconfinato nella piana bhutanese, conferma di aver interrotto l’opera di edificazione.

    Non è ancora chiaro quale governo abbia “ceduto” per primo. Fatto sta che la Cina ha rivendicato la ritirata delle truppe indiane come una strabiliante vittoria sul piano politico. Anche diversi analisti vedono il dietrofront di Delhi come la conferma della superiorità cinese, alla vigilia dell’incontro dei Paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), in programma dal 3 al 5 settembre nella città cinese di Xiamen.

    A sua volta il ministro indiano degli Esteri ha dichiarato che l’indietreggiamento dell’esercito di Delhi “è il risultato di serrati sforzi diplomatici, svoltisi a porte chiuse e per diverse settimane”. “È un onorevole pareggio”, ha aggiunto. In effetti, a leggere i titoli dei quotidiani indiani che oggi riportano la notizia, la risoluzione pacifica della vicenda viene presentata anche come una vittoria dell’India, che “si è rifiutata di essere una pedina nel gioco della Cina”, evitando di arrivare allo scontro militare diretto.

    Da mesi la tensione tra i due Paesi era arrivata ai massimi livelli, con reciproche accuse di sconfinamento territoriale. Il timore principale era che il dissidio tra i due governi arrivasse a coinvolgere nel vortice delle violenze anche i Paesi della regione, scatenando una guerra regionale. La piana di Doklam si trova alla congiunzione tra la Cina, lo Stato di Sikkim (nella parte nord-orientale dell’India) e il regno himalayano del Bhutan. L’area è rivendicata dalla Cina, che la chiama Donglang, mentre l’India sostiene le rivendicazioni del Bhutan. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2017 09:12:00 CINA – INDIA
    Il nazionalismo indù di Modi potrebbe scatenare un’altra guerra: parola del Global Times

    Un bellicoso editoriale del quotidiano del Partito comunista cinese chiarisce la posizione di Pechino. Tra Cina e India la tensione si è riaccesa al confine con il Bhutan, sull’altopiano di Doklam rivendicato dai cinesi. Gli eserciti sono schierati faccia a faccia da circa un mese. “L’India si sente ancora accerchiata”.



    17/08/2017 11:40:00 CINA – ASIA DEL SUD
    Mentre prosegue il confronto con l’India, la Cina stringe accordi con Nepal e Pakistan

    Da tre mesi gli eserciti di Delhi e Pechino sono schierati l’un contro l’altro in Bhutan. Con Kathmandu, il vice premier cinese firma un pacchetto di aiuti umanitari e un accordo per l’esplorazione di risorse naturali. La Cina propone l’apertura di una raffineria a Karachi, con un complesso petrolchimico del valore di 4 miliardi di dollari.



    24/10/2013 CINA - INDIA
    Pechino e Delhi fanno pace sul confine. Rinasce la Via della Seta
    Un accordo siglato da Manmohan Singh e Li Keqiang non chiarisce la disputa territoriale in corso da decenni, ma impone ai propri militari di evitare scontri armati e "trattarsi con cortesia". Il passaggio sicuro di merci e persone è fondamentale per rilanciare i rapporti economici fra le due potenze.

    28/10/2013 GIAPPONE - CINA
    Senkaku/Diaoyu, torna alta la tensione fra Tokyo e Pechino
    Quattro navi della Guardia costiera cinese entrano nelle acque contese con i nipponici. Nei giorni scorsi, Shinzo Abe ha dato alle Forze armate il permesso di abbattere droni o aerei cinesi che sorvolano senza permesso lo spazio aereo giapponese. E Pechino risponde: "Atto di guerra a cui risponderemo".

    17/09/2009 INDIA – BHUTAN
    Bhutan, dissidente in esilio: processo di democratizzazione, operazione “di facciata”
    Libertà religiosa, indipendenza della magistratura, libertà di stampa e rispetto per i diritti umani sono questioni irrisolte. Il piccolo Stato himalayano, retto da una monarchia, è teatro di persecuzioni a sfondo confessionale e repressione della dissidenza interna.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®