17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/07/2017, 16.35

    ISRAELE – PALESTINA

    Palestinesi cristiani insieme ai musulmani contro il controllo della Spianata delle Moschee



    Cristiani in preghiera con i musulmani. Per Bernard Sabella, la religione non può e non deve diventare un motivo di conflitto. C’è bisogno di saggezza per ristabilire la calma e il dialogo, come dice il papa. Adel Misk: i palestinesi cristiani e musulmani hanno detto “no” al conflitto religioso. Israele “si è arrampicata su un albero e non sa come scendere”. I musulmani non cederanno.

    Gerusalemme (AsiaNews) – “Noi palestinesi cristiani stiamo al fianco dei nostri compatrioti musulmani nel chiedere che sia rispettata l’integrità del luogo di preghiera musulmano”, afferma Bernard Sabella, cattolico, rappresentante di Fatah per Gerusalemme e segretario esecutivo del servizio ai rifugiati palestinesi del Consiglio delle Chiese del Medio Oriente. L’attivista pacifista Adel Misk, medico palestinese musulmano, ribadisce che la questione non è “religiosa”, ma “politica”. I palestinesi cristiani, lo scorso venerdì, hanno pregato al fianco dei musulmani per chiedere il rispetto dello Status Quo e dire “no” al conflitto religioso.

    Lo Status Quo che Israele è tenuta ad osservare, stabilisce il diritto esclusivo dei musulmani a pregare sulla Spianata. Per i palestinesi cristiani e musulmani, i metal detector imposti da Israele violano questo status.

    I leader cristiani avevano preso una simile posizione in una dichiarazione pubblicata il 19 luglio, in cui essi facevano “appello a che lo Status Quo storico che regola questi luoghi sia del tutto rispettato, per il bene della pace e della riconciliazione dell’intera comunità”.

    “Quello di cui abbiamo bisogno sono politici saggi che possano disinnescare il rischio di ulteriori scontri fra israeliani e palestinesi […]. Se questa situazione continuerà tutti ne pagheranno il prezzo e tutti ne soffriranno, purtroppo”. La speranza di Sabella è che il governo israeliano tolga i metal detector, e si abbia “un periodo di quiete, con persone sagge che dialogano fra di loro”, permettendo ai fedeli di “tornare a pregare e ad esercitare il loro diritto alla religione in un ambiente di armonia e relativa pace e serenità”. Il compito di decidere ora sta agli israeliani e “più saggi saranno, meglio sarà per tutte le parti coinvolte”.

    Da parte sua, Misk afferma che le autorità israeliane “si sono arrampicate sugli alberi e non sanno più come scendere”. Per l’attivista, Israele deve tornare a “prima del 14 luglio”, perché i palestinesi non accetteranno compromessi su questo punto: “[pregare] è un diritto che non è dato dagli israeliani, ma da Dio”.

    In conclusione, Misk commenta l’unità dei palestinesi, un “mosaico” mai visto prima: “Israele sta cercando di fare una guerra religiosa, ma la nostra risposta è stata ‘no’. Questo non è un conflitto religioso fra musulmani ed ebrei: è una cosa politica. La nostra solidarietà è per rispondere a loro e dimostrare che non è un conflitto religioso. Venerdì i cristiani sono stati con noi, con il vangelo in mano.”

    “Non possiamo e non dobbiamo rendere la nostra diversità religiosa un motivo di scontro. Dovremmo imparare ad usarla per promuovere comprensione e riconoscimento dei diritti di ciascuno di noi, rispettando lo status quo dei luoghi santi”, conclude Sabella. “Nei luoghi sacri, sia ebraici, cristiani o musulmani, qui come ovunque, è importante ribadire – come ha detto papa Francesco ieri – che i luoghi santi devono essere di pace e dialogo, non luoghi dove ci possa essere violenza di nessun tipo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/07/2017 08:21:00 ISRAELE-PALESTINA
    Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

    Lo smantellamento avvenuto stamane prima dell’alba. Al loro posto Netanyahu propone nuove “tecnologie avanzate” di controllo. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu aveva chiesto di trovare una soluzione entro venerdì. Inviato Onu per il Medio oriente: questi eventi possono creare catastrofi ben oltre il Medio oriente.



    28/07/2017 09:09:00 ISRAELE - PALESTINA
    I palestinesi tornano a pregare ad al-Aqsa, ma la tensione resta alta

    Israele ha rimosso tutte le misure di sicurezza imposte due settimane fa. Esplosi alcuni scontri con la polizia. Si temono altre violenze quest’oggi. Netanyahu: “Tempo di considerare la pena di morte per i terroristi”.



    19/07/2017 08:54:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme: scontri fra polizia e fedeli musulmani

    Le violenze sono esplose alla fine della preghiera serale. I fedeli pregavano fuori dalla Spianata in protesta contro i metal detector. Fatah incoraggia il “Giorno dell’Ira”.



    26/07/2017 12:16:00 PALESTINA - ISRAELE
    Autorità palestinesi religiose e politiche continuano il boicottaggio della Spianata

    Israele ha rimosso i metal detector, ma ha annunciato nuove misure di controllo. Per Mahmoud Abbas si deve tornare a prima del 14 luglio per “tornare alla normalità” e riaprire il dialogo. La Corte suprema israeliana accorda la richiesta di un’Ong per i diritti umani alla restituzione dei corpi degli assalitori del 14 luglio.



    28/03/2017 13:54:00 ISRAELE - PALESTINA
    Tensioni in crescita per le visite “quotidiane” di coloni israeliani alla Spianata delle moschee

    Nel 2016 più di 14mila coloni hanno visitato il luogo sacro all’Islam (che era parte del tempio ebraico di Gerusalemme). Le visite degli estremisti ebraici alla base degli scontri fra musulmani e polizia. 





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®