25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/04/2013, 00.00

    VATICANO - ISRAELE

    Papa Francesco incontra Shimon Peres. Molte preghiere e auspici per il Medio Oriente

    Bernardo Cervellera

    Peres ha invitato il pontefice a Gerusalemme e ha chiesto preghiere per sé e il suo popolo. Fra i temi trattati: il dialogo israelo-palestinese; il dramma siriano; molte questioni e difficoltà delle comunità cattoliche sotto Israele; l'Accordo fondamentale che tarda ad essere attuato.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Un invito a Gerusalemme, uno scambio di preghiere, diversi "auspici" sulla bruciante situazione del Medio oriente hanno caratterizzato l'incontro fra papa Francesco e il presidente israeliano Shimon Peres, avvenuto quest'oggi nel Palazzo apostolico. Iniziato verso le 11, esso è durato per circa mezz'ora.

    Shimon Peres, che domani si recherà ad Assisi, ha confidato al pontefice: "Da lì pregherò per lei'': E in precedenza aveva chiesto a papa Francesco: ''Preghi per tutti noi''.

    Peres ha anche incontrato il card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato e mons. Dominique Mamberti, Segretario per i rapporti con gli Stati. Alla fine dei colloqui, definiti "cordiali", la Sala stampa vaticana ha diffuso un comunicato in cui si elencano i problemi trattati, di cui "si auspica" la soluzione.

    "Si è auspicata - dice il comunicato - una pronta ripresa dei negoziati tra Israeliani e Palestinesi affinché, con decisioni coraggiose e disponibilità da ambedue le Parti, nonché con il sostegno della comunità internazionale, si possa raggiungere un accordo rispettoso delle legittime aspirazioni dei due Popoli e così contribuire risolutamente alla pace e alla stabilità della Regione".

    I dialoghi fra Israele e Palestina sono bloccati da anni a causa del continuo incremento degli insediamenti israeliani nei territori palestinesi, che rendono sempre più improbabile la soluzione dei "due popoli, due Stati".

    Il comunicato prosegue dicendo che "si è manifestata particolare preoccupazione per il conflitto che affligge la Siria per il quale si è auspicato una soluzione politica, che privilegi la logica della riconciliazione e del dialogo". Questa sottolineatura della soluzione politica è ancora più urgente dato che in questi giorni una parte della leadership  dell'esercito e dell'opinione pubblica israeliane preme per un intervento militare contro Damasco. La Santa Sede - insieme all'Onu - continua a chiedere alla comunità internazionale di favorire il dialogo interno alla Siria.

    Infine, il comunicato rivela che "sono state affrontate anche alcune questioni riguardanti i rapporti tra lo Stato d'Israele e la Santa Sede e tra le Autorità statali e le comunità cattoliche locali. Sono stati apprezzati infine i notevoli progressi fatti dalla Commissione bilaterale di lavoro, impegnata nell'elaborazione di un Accordo su questioni di comune interesse, per il quale si auspica una pronta conclusione".

    È di questi giorni l'appello del Patriarcato latino di Gerusalemme a bloccare la costruzione del muro a Beit Jalla, nella valle del Cremisan, che rischia di distruggere l'opera educativa dei salesiani per i bambini palestinesi. A questi si potrebbero aggiungere decine di altri casi in cui il muro ha distrutto le vite, il lavoro, la possibilità di cure per la popolazione palestinese.

    L'ultimo "auspicio" è quello sulla conclusione e la messa in atto degli Accordi fondamentali che attendono di essere attuati dal 1994. In tutti questi anni, nelle riunioni comuni fra rappresentanti vaticani e  israeliani, si è ricordato "l'impegno cordiale" del gruppo misto, "il progresso" nel dialogo e "l'auspicio di una pronta conclusione" che però non si vede ancora.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2010 ISRAELE - VATICANO
    Rabbino Rosen: Israele tratta il Vaticano in modo oltraggioso
    A poche ore dall’incontro fra Benedetto XVI e la comunità ebraica di Roma, David Rosen accusa lo Stato di Israele di non onorare gli accordi fatti con il Vaticano nel ’94, al varo dei rapporti diplomatici. Egli accusa anche “xenofobi” di diffondere voci false contro il Vaticano.

    22/09/2010 VATICANO - ISRAELE
    Nuovo incontro Santa Sede – Israele per la tutela dei Luoghi santi e lo statuto fiscale
    Come è ormai tradizione, l’incontro è avvenuto in modo “cordiale” e segnando “progressi”. Ma nel comunicato congiunto non si citano le date degli incontri futuri, che erano state concordate.

    06/07/2009 VATICANO - ISRAELE
    I dialoghi Santa Sede-Israele alla vigilia dell’incontro fra il papa ed Obama
    La Commissione bilaterale si incontra il 9 luglio. L’amministrazione americana è interessata da tempo alla soluzione dei problemi nei rapporti fra lo Stato israeliano e la Santa Sede, che forse saranno messi a tema nell’incontro fra Barack Obama e Benedetto XVI. Padre Jaeger è cauto, ma ottimista.

    07/01/2010 VATICANO - ISRAELE
    Incontro “fruttuoso e cordiale” della Commissione Santa Sede-Israele
    Il comunicato congiunto elenca i prossimi raduni il 10 febbraio in Israele e il 27 maggio in Vaticano. L’Accordo fondamentale non fa “tabula rasa” dei diritti acquisiti dalla Chiesa per 19 secoli, molto tempo prima che nascesse lo Stato d’Israele.

    04/03/2010 VATICANO - ISRAELE
    Cambio di programma negli incontri Santa Sede-Israele
    Speciale comunicato congiunto per posticipare la Plenaria dal 27 maggio al 15 giugno. Nessun intoppo o ostacolo, solo “bisogni logistici” di entrambe le parti.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®