17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/09/2017, 08.41

    VATICANO-GIAPPONE

    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - “La Chiesa in Giappone rinnovi costantemente la scelta per la missione di Gesù e sia sale e luce”: è l’appello che papa Francesco rivolge ai vescovi del Giappone in una lettera diffusa ieri dalla Sala stampa vaticana, in occasione della visita pastorale nel Sol Levante del Prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, il card. Fernando Filoni. Nella lettera, che il porporato ha letto ieri a tutti i vescovi radunati nella nunziatura, il pontefice chiede loro di non perdere “l’entusiasmo missionario” e di non aver timore per “la scarsità di operai” che caratterizza la comunità cattolica giapponese, circa 600mila fedeli in una società di oltre 120 milioni di abitanti.

    Mettendo in guardia da un “dialogo irenico e paralizzante” con la società, il papa chiede di non rassegnarsi di fronte “all’alto tasso di divorzi, ai suicidi anche tra i giovani, a persone che scelgono di vivere totalmente sganciate dalla vita sociale (hikikomori), al formalismo religioso e spirituale, al relativismo morale, all’indifferenza religiosa, all’ossessione per il lavoro e il guadagno”, come pure di fronte alle povertà materiali e spirituali di cui soffre il popolo giapponese. Egli domanda anche di “andare contro-corrente e di fidarsi del Signore”.

    Infine, Francesco esorta alla collaborazione con i movimenti ecclesiali. I vescovi giapponesi resistono alla presenza di diversi movimenti ecclesiali. In particolare, in passato vi sono state molte questioni sullo stile di evangelizzazione del Cammino neocatecumenale, giudicato da essi troppo irruento e “settario”. Per questo i vescovi hanno voluto che si chiudesse a Takamatsu un seminario “Redemptoris Mater”, che preparava sacerdoti missionari per l’estremo oriente e che si fermasse per almeno cinque anni l’opera dei neocatecumenali. Papa Benedetto XVI ha deliberato contro questa decisione. I vescovi hanno esigito un maggiore dialogo fra le due parti.

    Ecco la lettera di papa Francesco:

     

    Cari Confratelli nell’Episcopato,


    la visita pastorale del Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli mi offre l’opportunità di farvi giungere il mio cordiale saluto, memore del nostro incontro avvenuto in occasione della vostra visita ad Limina nel marzo 2015.

    Desidero confidarvi che, ogniqualvolta penso alla Chiesa in Giappone, il mio pensiero corre alla testimonianza dei tanti Martiri che hanno offerto la propria vita per la fede. Da sempre essi hanno un posto speciale nel mio cuore: penso a san Paolo Miki e ai suoi compagni, che nel 1597 furono immolati, fedeli a Cristo e alla Chiesa; penso agli innumerevoli confessori della fede, al beato Justus Takayama Ukon, che nello stesso periodo preferì la povertà e la via dell’esilio piuttosto che abiurare il nome di Gesù. E che dire dei cosiddetti “cristiani nascosti”, che dal 1600 fino alla metà del 1800 hanno vissuto in clandestinità pur di non abiurare, ma preservare la propria fede e di cui recentemente abbiamo ricordato il 150° anniversario della scoperta? La lunga schiera dei martiri e dei confessori della fede, per nazionalità, lingua, classe sociale ed età, ha avuto in comune un profondo amore al Figlio di Dio, rinunciando o al proprio status civile o ad altri aspetti della propria condizione sociale, tutto «al fine di guadagnare Cristo» (Fil 3,8).

    Memore di tanto patrimonio spirituale, mi è caro rivolgermi a voi, Fratelli che lo avete ereditato e che con delicata sollecitudine proseguite il compito dell’evangelizzazione, specialmente prendendovi cura dei più deboli e favorendo l’integrazione nelle comunità di fedeli di varie provenienze. Desidero ringraziarvi per questo, così come per l’impegno nella promozione culturale, nel dialogo interreligioso e nella cura del creato. Desidero, in particolare, riflettere con voi sull’impegno missionario della Chiesa in Giappone. «Se la Chiesa è nata cattolica (cioè universale) vuol dire che è nata “in uscita”, che è nata missionaria» (Udienza Generale del 17.9.2014). Infatti, «l’amore di Cristo ci spinge» (2 Cor 5,14) ad offrire la vita per il Vangelo. Un tale dinamismo muore se perdiamo l’entusiasmo missionario. Per questo «la vita si rafforza donandola e s’indebolisce nell’isolamento e nell’agio. Di fatto, coloro che sfruttano di più le possibilità della vita sono quelli che lasciano la riva sicura e si appassionano alla missione di comunicare la vita agli altri» (Esort. ap. Evangelii gaudium, 10).

    Mi soffermo sul discorso della montagna, in cui Gesù dice: «Voi siete il sale della terra; [...] Voi siete la luce del mondo» (Mt 5,13-14). II sale e la luce sono in funzione di un servizio. La Chiesa in quanto sale ha il compito di preservare dalla corruzione e dare sapore; in quanto luce impedisce alle tenebre di prevalere, assicurando una chiara visione circa la realtà e il fine dell’esistenza. Queste parole sono anche un forte richiamo alla fedeltà e all’autenticità: è necessario, cioè, che il sale dia veramente sapore e la luce vinca le tenebre. Il Regno dei Cieli – come ne parla Gesù – si presenta inizialmente con la povertà di un poco di lievito o di un piccolo seme; questa simbologia riproduce bene l’attuale situazione della Chiesa nel contesto del mondo giapponese. Ad essa Gesù ha affidato una grande missione spirituale e morale. So bene che esistono non piccole difficoltà a causa della mancanza di clero, di religiosi, di religiose e di una limitata partecipazione dei fedeli laici. Ma la scarsità di operai non può ridurre l’impegno dell’evangelizzazione, anzi è occasione che stimola a cercarli incessantemente, come fa il padrone della vigna che esce a tutte le ore per cercare nuovi operai per la sua vigna (cfr Mt 20,1-7).

    Cari Fratelli, le sfide che la realtà attuale ci pone dinanzi non possono renderci rassegnati e nemmeno rimandare a un dialogo irenico e paralizzante, anche se alcune situazioni problematiche destano non poche preoccupazioni; mi riferisco, ad esempio, all’alto tasso di divorzi, ai suicidi anche tra i giovani, a persone che scelgono di vivere totalmente sganciate dalla vita sociale (hikikomori), al formalismo religioso e spirituale, al relativismo morale, all’indifferenza religiosa, all’ossessione per il lavoro e il guadagno. È altresì vero che una società che corre nello sviluppo economico crea anche tra voi i poveri, gli emarginati, gli esclusi; penso non solo a quelli che sono materialmente tali, ma anche a quelli che lo sono spiritualmente e moralmente. In questo contesto così peculiare, si pone con urgenza la necessità che la Chiesa in Giappone rinnovi costantemente la scelta per la missione di Gesù e sia sale e luce. La genuina forza evangelizzatrice della vostra Chiesa, che le proviene anche dall’essere stata Chiesa di martiri e confessori della fede, è un bene grande da custodire e sviluppare.

    A tale proposito, vorrei sottolineare la necessità di una solida e integrale formazione sacerdotale e religiosa, un compito particolarmente urgente oggi, soprattutto a causa del propagarsi della «cultura del provvisorio» (Incontro con seminaristi, novizi e novizie, 6.7.2013). Una simile mentalità porta soprattutto i giovani a pensare che non sia possibile amare veramente, che non esista nulla di stabile e che tutto, compreso l’amore, sia relativo alle circostanze e alle esigenze del sentimento. Un passo più importante nella formazione sacerdotale e religiosa è, pertanto, aiutare coloro che intraprendono tale percorso a comprendere e sperimentare in profondità le caratteristiche dell’amore insegnato da Gesù, che è gratuito, comporta il sacrificio di sé, è perdono misericordioso. Questa esperienza rende capaci di andare contro-corrente e di fidarsi del Signore, che non delude. È la testimonianza di cui la società giapponese ha tanta sete.

    Una parola ancora desidero dire sui movimenti ecclesiali approvati dalla Sede Apostolica. Con il loro impulso evangelizzatore e di testimonianza, essi possono essere di aiuto nel servizio pastorale e nella missio ad gentes. Negli ultimi decenni, infatti, lo Spirito Santo ha suscitato e suscita nella Chiesa uomini e donne che intendono, con la loro partecipazione, vivificare il mondo in cui operano, e non di rado, coinvolgendo sacerdoti e religiosi, anch’essi membri di quel Popolo che Dio chiama a vivere pienamente la propria missionarietà. Tali realtà contribuiscono all’opera di evangelizzazione; come Vescovi siamo chiamati a conoscere e accompagnare i carismi di cui sono portatrici e a renderle partecipi della nostra opera nel contesto dell’integrazione pastorale.

    Cari Fratelli nell’episcopato, affido ciascuno di voi all’intercessione della Beata Vergine Maria e vi assicuro la mia vicinanza e preghiera. Il Signore mandi operai nella sua Chiesa in Giappone e vi sostenga con la sua consolazione. Grazie per il vostro servizio ecclesiale. Estendo su voi, sulla Chiesa in Giappone e sul suo nobile popolo la mia Benedizione apostolica, mentre vi chiedo di non dimenticarvi di me nelle vostre preghiere.

    FRANCESCO

    Dal Vaticano, 14 settembre 2017

    Festa dell’Esaltazione della S. Croce

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2017 10:59:00 GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.



    11/01/2011 VATICANO - GIAPPONE
    Papa: no alla sospensione per 5 anni del Cammino neocatecumenale in Giappone
    Benedetto XVI ha radunato i vescovi giapponesi e alti rappresentanti della Curia per favorire il dialogo con i membri del Cammino. Tensioni reciproche di “troppo annuncio” e “troppo dialogo”.

    01/02/2014 VATICANO
    Papa ai Neocatecumenali: Comunione, rispetto e amore reciproco, "ingredienti fondamentali" della missione
    Ricevendo 10mila membri, Francesco elogia l'impegno evangelizzatore del movimento e spinge i suoi membri a "portare il Vangelo di Cristo anche negli ambienti più scristianizzati, specialmente nelle periferie esistenziali". Con alcune semplici raccomandazioni: salvaguardare l'unità della Chiesa, rispettare le culture locali, porre l'amore reciproco al primo posto.

    03/04/2013 GIAPPONE – VATICANO
    Vescovo di Nagasaki: Papa Francesco voleva essere missionario in Giappone
    Il presule conosce bene l’amore del pontefice per il Sol Levante: “Aveva pensato di farsi missionario qui, poi i problemi di salute glielo hanno impedito. Ma da cardinale di Buenos Aires ha mandato tanti sacerdoti argentini ad evangelizzare il nostro Paese. Ora lo aspettiamo”.

    25/10/2012 VATICANO-CINA
    Card. Filoni: La Lettera del Papa alla Chiesa di Cina attende risposta
    Il Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei popoli diffonde una sua riflessione a cinque anni dalla pubblicazione della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi. Nel bilancio del porporato, vi sono le difficoltà dell'unità fra cristiani ufficiali e sotterranei, le violazioni alla libertà religiosa, l'inaridirsi di alcuni segnali positivi di dialogo fra Santa Sede e Cina. Un nuovo invito al dialogo.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®