Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/05/2009, 00.00

    VATICANO – GIORDANIA

    Papa: La mia visita alla Moschea, un giorno luminoso



    Benedetto XVI si congeda dalla Giordania e torna a sottolineare l’importanza della tolleranza religiosa e la convivenza fra cristiani e musulmani. Apprezzamenti per il contributo del re Abdallah alla pace in Medio oriente. Secondo il re ascemita, se non si approfondiscono seri negoziati di pace, ci sarà una nuova guerra in Medio oriente entro un anno.

    Amman (AsiaNews) – Nel salutare la Giordania e in partenza per Israele, Benedetto XVI ha detto che “un giorno particolarmente luminoso” di questo viaggio “è … quello della mia visita alla Moschea al-Hussein bin-Talal, dove ho avuto il piacere di incontrare i capi religiosi musulmani assieme ai membri dei Corpi diplomatici e ai rettori dell’Università”. Parlando stamane all’aeroporto di Amman, davanti al re di Giordania, Abdallah II Bin Al-Hussein, il papa ha ancora una volta ribadito l’importanza del dialogo fra cristiani e musulmani. “Desidererei – ha detto - incoraggiare tutti i giordani, sia cristiani che musulmani, a costruire sulle solide fondamenta della tolleranza religiosa che rende capaci i membri delle diverse comunità di vivere insieme in pace e mutuo rispetto. Sua Maestà il Re è stato molto attivo nel promuovere il dialogo inter-religioso e desidero rilevare quanto il suo impegno a questo riguardo sia apprezzato. Prendo anche atto con gratitudine della particolare considerazione che egli dimostra verso la comunità cristiana in Giordania. Questo spirito di apertura non solo aiuta i membri delle diverse comunità etniche in questo Paese a vivere insieme in pace e concordia, ma ha anche contribuito alle iniziative politiche lungimiranti della Giordania per costruire la pace in tutto il Medio Oriente”.

    Proprio ieri, in un’intervista al Times di Londra, il re Abdallah ha riaffermato il suo sostegno a un piano di pace dell’amministrazione Obama, che include la soluzione del conflitto fra Israele e i palestinesi, insieme alle dispute territoriali con Siria e Libano. “Se ritardiamo i nostri negoziati di pace – ha detto il re giordano – allora ci potrà essere un altro conflitto fra arabi o musulmani e Israele nei prossimi 12-18 mesi”.

    Nel suo discorso di saluto, Benedetto XVI ha ricordato i vari incontri e visite alla comunità cattolica di Giordania e le iniziative di sviluppo: la nuova al del centro Regina Pacis, la nuova università di Madaba, le due nuove chiese in costruzione a Betania.

    “Nel congedarmi da voi – ha concluso il pontefice - desidero sappiate che io porto nel mio cuore il popolo del regno ascemita e tutti coloro che vivono in questa regione. Prego perché abbiate la gioia della pace e della prosperità, adesso e per le generazioni future. Ancora una volta, grazie. E che Dio vi benedica tutti!”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/05/2009 VATICANO - ISLAM
    Il papa, l’islam arabo e l’occidente
    Le critiche dei media islamici contro Benedetto XVI sono un nulla di fronte alla ricchezza della sua proposta. Nel mondo arabo è urgente il dialogo con la scienza, bloccato da secoli; nel mondo occidentale è urgente non rinchiudersi in ideologie relativiste e sprezzanti verso la fede.

    14/03/2006 Vaticano - Terra Santa
    Vaticano: "La presenza dei cristiani in Terra Santa, fondamentale per la pace"

    Nella lettera scritta a tutti i vescovi cattolici per la tradizionale colletta "pro Terra Sancta", il card. Moussa Daoud descrive una zona "teatro di conflitto lungo decenni" e che causa "il preoccupante fenomeno" dell'esodo dei cristiani.



    23/04/2009 GIORDANIA-VATICANO
    Amman si prepara a ricevere per la terza volta un papa
    Nel primo Paese arabo visitato da Benedetto XVI articoli di giornali, un libro, siti internet dedicati al pellegrinaggio papale. Ci si aspetta sostegno alla presenza dei cristiani e al processo di pace e l’apertura di nuove vie al dialogo interreligioso.

    13/05/2009 VATICANO - PALESTINA
    Leader palestinese: il coraggio del Papa contro le strumentalizzazioni
    Bernard Sabella, cattolico e parlamentare di Fatah: il Papa sta costringendo tutti ad accettare che è venuto come pellegrino di pace. Questo viaggio in Terra Santa è un messaggio alla comunità internazionale perché lavori per la pace. La Santa Sede conferma che il Medio oriente e le comunità cristiane che vi abitano sono al centro della sua agenda.

    04/05/2009 PALESTINA - VATICANO
    Betlemme: i profughi palestinesi attendono il papa perché veda il Muro
    Benedetto XVI è atteso nel campo profughi di Aida, dove incontrerà anche Mahmoud Abbas. Una mostra sulla situazione dei palestinesi e il dono di una “chiave per il ritorno”. A Betlemme, un calligrafo musulmano ha scritto e decorato una copia del Vangelo di san Luca.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®