24 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/08/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: Maria è regina del cielo, ma anche nostra madre che ci ascolta



    All'udienza generale, Benedetto XVI parla della odierna festa della regalità di Maria. E "una "conseguenza del suo essere unita al Figlio". ""La regalità di Gesù non ha nulla a che vedere con quella dei potenti della terra. E' un re che serve i suoi servitori". "Così è per Maria: è regina nel servizio a Dio e all'umanità; è regina dell'amore, che vive il dono di sé a Dio per entrare nel disegno di salvezza dell'uomo".

    Castel Gandolfo (AsiaNews) - Maria "è la regina del cielo, vicina a Dio, ma anche la nostra madre vicino a noi che ci ama, ci ascolta con attenzione", alla quale, quindi "rivolgerci fiduciosi, Maria non mancherà di intercedere per noi". Nel giorno in cui la liturgia ricorda la Vergine Maria invoncandola come regina, Benedetto XVI ha dedicato la sua riflessione per l'udienza generale al senso di questa "regalità, cosa vuol dire Maria regina".

    Alle quattromila persone presenti nel cortile del palazzo apostolico di Castel Gandolfo, il Papa ha sottolineato che per Maria, come per Gesù, "la regalità non è ricchezza e potere, è servizio di amore".

    La festa dedicata alla regalità di Maria, ha ricordato Benedetto XVI, è "di istituzione recente, anche se antica ne è l'origine e la devozione: venne stabilita, infatti, dal venerabile Pio XII, nel 1954, al termine dell'Anno Mariano, fissandone la data al 31 maggio. In tale circostanza egli ebbe a dire che Maria è Regina più che ogni altra creatura per la elevazione della sua anima e per l'eccellenza dei doni ricevuti. Ella non smette di elargire tutti i tesori del suo amore e delle sue premure all'umanità". Dopo la riforma post-conciliare del calendario liturgico, la festa "è stata collocata a otto giorni dalla solennità dell'Assunzione per sottolineare lo stretto legame tra la regalità di Maria e la sua glorificazione in anima e corpo accanto al suo Figlio". "Qui sta la radice della festa odierna: Maria è Regina perché associata in modo unico con il suo Figlio, sia nel cammino terreno, sia nella gloria del Cielo".

    La "regalità" di Maria è una "conseguenza del suo essere unita al Figlio, del suo essere in cielo, in comunione con Dio" e quindi del fatto che "partecipa alla responsabilità di Dio per il mondo e all'amore di Dio per il mondo". E' un titolo che si riferisce alla regalità di Cristo: una regalità "intessuta di umiltà, di servizio e di amore". Gesù viene proclamato re sulla croce, soffrendo con noi e per noi, amando fino in fondo. "La regalità di Gesù non ha nulla a che vedere con quella dei potenti della terra. E' un re che serve i suoi servitori". "Così è per Maria: è regina nel servizio a Dio e all'umanità; è regina dell'amore, che vive il dono di sé a Dio per entrare nel disegno di salvezza dell'uomo. All'Angelo risponde: Eccomi, sono la Serva del Signore".

    E', dunque, una regalità di servizio e amore. Ella "veglia su di noi, suoi figli: figli che si rivolgono a Lei nella preghiera, per ringraziarla o per chiedere la sua materna protezione e il suo celeste aiuto dopo aver smarrito forse la strada, oppressi dal dolore o dall'angoscia per le tristi e travagliate vicissitudini della vita. Nella serenità o nel buio dell'esistenza, noi ci rivolgiamo a Maria affidandoci alla sua continua intercessione, perché dal Figlio ci possa ottenere ogni grazia e misericordia necessarie per il nostro pellegrinare lungo le strade del mondo".

    La Vergine, "quale Madre nostra accanto al Figlio Gesù nella gloria del Cielo, è con noi sempre, nello svolgersi quotidiano della nostra vita".
    La devozione alla Mdonna, ha cncluso il Papa, "è un elemento importante della vita spirituale. Nella nostra preghiera non manchiamo di rivolgerci fiduciosi a Lei. Maria non mancherà di intercedere per noi presso il suo Figlio. Guardando a Lei, imitiamone la fede, la disponibilità piena al progetto d'amore di Dio, la generosa accoglienza di Gesù".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2010 VATICANO
    Papa: la Chiesa segue la via della croce, non il modo di pensare degli uomini
    “Alta testimonianza di fede” dei cristiani iracheni che subiscono “persecuzione e discriminazione”. Benedetto XVI consegna l’anello ai 24 nuovi cardinali. E’ la fede il “primo servizio” del successore di Pietro e dei cardinali ed essa ci dice di “non chiedere a Gesù di scendere dalla croce, ma di stare con Lui”.

    20/10/2010 VATICANO
    Papa: l’esercizio dell’autorità deve sempre essere vissuto come servizio
    All’udienza generale, Benedetto XVI illustra la figura di santa Elisabetta d’Ungheria. Esempio di come “la fede, l'amicizia con Cristo, crea il senso della giustizia, dell'uguaglianza di tutti, dei diritti degli altri, e crea l'amore, la carità e da questa nasce la speranza, la certezza che siamo amati da Cristo e che l'amore di Cristo ci aspetta”.

    27/06/2012 VATICANO
    Papa: tra tanti dominatori che ci vogliono indirizzare, il cristiano veda in Dio l'unico signore
    E' necessario avere una scala di valori in cui il primato spetta a Dio, dice Benedetto XVI all'udienza generale. Nella Lettera ai filippesi, l'esortazione ad avere gli stessi atteggiamenti di Cristo, che non ha voluto il potere, ma si è messo a servizio dei fratelli.

    28/10/2007 VATICANO
    Papa :il martirio, “eventualità realistica” di ogni cristiano
    Riferendosi alla beatificazione di 498 spagnoli, Benedetto XVI afferma che la vita può essere offerta fino alla effusione del sangue, ma anche silenziosamente, dedicandosi agli altri, testimonianza quanto mai importante nel nostro tempo. La cerimonia di beatificazione è stata celebrata dal cardinale Saraiva Martins.

    11/02/2014 VATICANO
    P. Lombardi: la rinuncia di Benedetto XVI "una decisione che incide veramente nella situazione e nella Storia della Chiesa"
    Il Papa emerito "vive in un modo discreto, senza una dimensione pubblica; ma questo non vuol dire che viva isolato, chiuso come in una clausura stretta". Il rapporto con Papa Francesco "ha dei momenti anche di incontro personale, di dialogo ... uno è andato a casa dell'altro e viceversa. E poi ci sono le altre forme di contatto che possono essere il telefono o i messaggi che vengono mandati: una situazione di rapporto del tutto normale, direi, e di solidarietà".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®