29 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
VATICANO
Papa: Maria è regina del cielo, ma anche nostra madre che ci ascolta
All'udienza generale, Benedetto XVI parla della odierna festa della regalità di Maria. E "una "conseguenza del suo essere unita al Figlio". ""La regalità di Gesù non ha nulla a che vedere con quella dei potenti della terra. E' un re che serve i suoi servitori". "Così è per Maria: è regina nel servizio a Dio e all'umanità; è regina dell'amore, che vive il dono di sé a Dio per entrare nel disegno di salvezza dell'uomo".

Castel Gandolfo (AsiaNews) - Maria "è la regina del cielo, vicina a Dio, ma anche la nostra madre vicino a noi che ci ama, ci ascolta con attenzione", alla quale, quindi "rivolgerci fiduciosi, Maria non mancherà di intercedere per noi". Nel giorno in cui la liturgia ricorda la Vergine Maria invoncandola come regina, Benedetto XVI ha dedicato la sua riflessione per l'udienza generale al senso di questa "regalità, cosa vuol dire Maria regina".

Alle quattromila persone presenti nel cortile del palazzo apostolico di Castel Gandolfo, il Papa ha sottolineato che per Maria, come per Gesù, "la regalità non è ricchezza e potere, è servizio di amore".

La festa dedicata alla regalità di Maria, ha ricordato Benedetto XVI, è "di istituzione recente, anche se antica ne è l'origine e la devozione: venne stabilita, infatti, dal venerabile Pio XII, nel 1954, al termine dell'Anno Mariano, fissandone la data al 31 maggio. In tale circostanza egli ebbe a dire che Maria è Regina più che ogni altra creatura per la elevazione della sua anima e per l'eccellenza dei doni ricevuti. Ella non smette di elargire tutti i tesori del suo amore e delle sue premure all'umanità". Dopo la riforma post-conciliare del calendario liturgico, la festa "è stata collocata a otto giorni dalla solennità dell'Assunzione per sottolineare lo stretto legame tra la regalità di Maria e la sua glorificazione in anima e corpo accanto al suo Figlio". "Qui sta la radice della festa odierna: Maria è Regina perché associata in modo unico con il suo Figlio, sia nel cammino terreno, sia nella gloria del Cielo".

La "regalità" di Maria è una "conseguenza del suo essere unita al Figlio, del suo essere in cielo, in comunione con Dio" e quindi del fatto che "partecipa alla responsabilità di Dio per il mondo e all'amore di Dio per il mondo". E' un titolo che si riferisce alla regalità di Cristo: una regalità "intessuta di umiltà, di servizio e di amore". Gesù viene proclamato re sulla croce, soffrendo con noi e per noi, amando fino in fondo. "La regalità di Gesù non ha nulla a che vedere con quella dei potenti della terra. E' un re che serve i suoi servitori". "Così è per Maria: è regina nel servizio a Dio e all'umanità; è regina dell'amore, che vive il dono di sé a Dio per entrare nel disegno di salvezza dell'uomo. All'Angelo risponde: Eccomi, sono la Serva del Signore".

E', dunque, una regalità di servizio e amore. Ella "veglia su di noi, suoi figli: figli che si rivolgono a Lei nella preghiera, per ringraziarla o per chiedere la sua materna protezione e il suo celeste aiuto dopo aver smarrito forse la strada, oppressi dal dolore o dall'angoscia per le tristi e travagliate vicissitudini della vita. Nella serenità o nel buio dell'esistenza, noi ci rivolgiamo a Maria affidandoci alla sua continua intercessione, perché dal Figlio ci possa ottenere ogni grazia e misericordia necessarie per il nostro pellegrinare lungo le strade del mondo".

La Vergine, "quale Madre nostra accanto al Figlio Gesù nella gloria del Cielo, è con noi sempre, nello svolgersi quotidiano della nostra vita".
La devozione alla Mdonna, ha cncluso il Papa, "è un elemento importante della vita spirituale. Nella nostra preghiera non manchiamo di rivolgerci fiduciosi a Lei. Maria non mancherà di intercedere per noi presso il suo Figlio. Guardando a Lei, imitiamone la fede, la disponibilità piena al progetto d'amore di Dio, la generosa accoglienza di Gesù".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/11/2010 VATICANO
Papa: la Chiesa segue la via della croce, non il modo di pensare degli uomini
20/10/2010 VATICANO
Papa: l’esercizio dell’autorità deve sempre essere vissuto come servizio
27/06/2012 VATICANO
Papa: tra tanti dominatori che ci vogliono indirizzare, il cristiano veda in Dio l'unico signore
28/10/2007 VATICANO
Papa :il martirio, “eventualità realistica” di ogni cristiano
11/02/2014 VATICANO
P. Lombardi: la rinuncia di Benedetto XVI "una decisione che incide veramente nella situazione e nella Storia della Chiesa"

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate