29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/09/2011, 00.00

    VATICANO

    Papa: Preghiamo Maria perché maturino vocazioni per la nuova evangelizzazione



    Benedetto XVI parla con meraviglia dei “protagonisti” della nuova evangelizzazione: uomini e donne, persone consacrate e laici, singoli e famiglie, “operai umili e generosi”. Il Vangelo cambia il mondo “come un fiume che irriga un immenso campo”.
    Castel Gandolfo (AsiaNews) – Una preghiera perché sorgano vocazioni religiose e laicali al servizio della nuova evangelizzazione e l’ammirazione per il modo in cui tante persone già vivono questo impegno nel mondo: è quanto Benedetto XVI ha espresso oggi nella sua riflessione prima dell’Angelus con i pellegrini radunati nel cortile del palazzo apostolico di Castel Gandolfo.

    Alla fine della sua riflessione il papa ha esortato tutti a rivolgersi “in preghiera alla Vergine Maria, perché in tutta la Chiesa maturino vocazioni sacerdotali, religiose e laicali per il servizio della nuova evangelizzazione”.

    La “nuova evangelizzazione” è una delle questioni nate in questi anni proprio grazie a Benedetto XVI per affrontare il secolarismo e la cosiddetta “apostasia silenziosa” che caratterizza molto mondo occidentale. “Oggi - ha detto il papa - viviamo in un’epoca di nuova evangelizzazione. Vasti orizzonti si aprono all’annuncio del Vangelo, mentre regioni di antica tradizione cristiana sono chiamate a riscoprire la bellezza della fede”.

    Per affrontare queste nuove sfide, Benedetto XVI ha dato il via a un nuovo dicastero vaticano. Il papa parla con meraviglia di tanti “protagonisti di questa missione” che già lavorano in questo campo: “sono uomini e donne che, come san Paolo, possono dire: ‘Per me vivere è Cristo’. Persone, famiglie, comunità che accettano di lavorare nella vigna del Signore, secondo l’immagine del Vangelo di questa domenica (cfr Mt 20,1-16). Operai umili e generosi, che non chiedono altra ricompensa se non quella di partecipare alla missione di Gesù e della Chiesa. ‘Se il vivere nel corpo – scrive ancora san Paolo – significa lavorare con frutto, non so davvero che cosa scegliere’ (Fil 1,22): se l’unione piena con Cristo al di là della morte, o il servizio al suo corpo mistico in questa terra”.

    Per parlare della nuova evangelizzazione, il papa ha preso dalla lettura della lettera ai Filippesi, presente nella liturgia di oggi. “Paolo - ha spiegato il pontefice - giunse a Filippi durante il suo secondo viaggio missionario, provenendo dalla costa dell’Anatolia e attraversando il Mare Egeo. Fu quella la prima volta in cui il Vangelo giunse in Europa. Siamo intorno all’anno 50, dunque circa
    vent’anni dopo la morte e la risurrezione di Gesù”.

    Questo mistero di Cristo morto e risorto “è diventato un tutt’uno con la vita dell’apostolo Paolo, che scrive questa lettera mentre si trova in prigione, in attesa di una sentenza di vita o di morte. Egli afferma: “Per me il vivere è Cristo e il morire un guadagno” (Fil 1,21). E’ un nuovo senso della vita, dell’esistenza umana, che consiste nella comunione con Gesù Cristo vivente; non solo con un personaggio storico, un maestro di saggezza, un leader religioso, ma con un uomo in cui abita personalmente Dio”.

    “ La sua morte e risurrezione - ha continuato - è la Buona Notizia che, partendo da Gerusalemme, è destinata a raggiungere tutti gli uomini e i popoli, e a trasformare dall’interno tutte le culture, aprendole alla verità fondamentale: Dio è amore, si è fatto uomo in Gesù e con il suo sacrificio ha riscattato l’umanità dalla schiavitù del male donandole una speranza affidabile”.

    “San Paolo - ha ancora spiegato - era un uomo che riassumeva in sé tre mondi: quello ebraico, quello greco e quello romano. Non a caso Dio affidò a lui la missione di portare il Vangelo dall’Asia Minore alla Grecia e poi a Roma, gettando un ponte che avrebbe proiettato il Cristianesimo fino agli estremi confini della terra”.

    “Cari amici – ha concluso il papa - il Vangelo ha trasformato il mondo, e ancora lo sta trasformando, come un fiume che irriga un immenso campo”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2011 VATICANO
    Il Papa indice un “Anno della Fede” per la Nuova Evangelizzazione e la missione ad gentes
    L’Anno della Fede “inizierà l’11 ottobre 2012, nel 50° anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II, e terminerà il 24 novembre 2013, Solennità di Cristo Re dell’Universo”. Benedetto XVI preparerà una apposita Lettera apostolica per spiegarne il valore, quello di “rafforzare la nostra fede in Lui e per annunciarLo con gioia all’uomo del nostro tempo”. Nuova evangelizzazione e missione ad gentes sono in armonia. Alcune piste da percorrere: una teologia della storia, “dopo la nefasta stagione degli imperi totalitari del XX secolo”; la “forza dello Spirito”; non ridurre l’impegno della Chiesa al solo ambito politico. Una pedana mobile per la processione in san Pietro.

    15/10/2011 VATICANO
    Il Papa e la Nuova Evangelizzazione: La Parola di Dio continua a crescere e a diffondersi
    Benedetto XVI saluta i partecipanti all’incontro voluto dal Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione. Nel mondo contemporaneo vi è “chiusura e rifiuto”, indifferenza e perfino ostilità verso la Parola di Dio, ma vi è sempre anche “terreno buono” che porta frutto. I nuovi evangelizzatori devono essere uomini “che parlino a Dio per parlare di Dio”.

    16/10/2011 VATICANO
    Papa: L’Anno della Fede sulla scia di Giovanni Paolo II e di Paolo VI
    Pronta la Lettera apostolica che spiega motivazioni, finalità e direttrici dell’Anno della Fede, che sarà pubblicata nei prossimi giorni, a quasi 50 anni dall’inizio del Concilio Vaticano II. Come per il papa polacco, nuova evangelizzazione e missione ad gentes vanno insieme, e sono “aspetti dell’unica missione della Chiesa”. Paolo VI ha indetto un “Anno della Fede” nel 1967.

    05/08/2007 VATICANO
    Papa: ricordo di Paolo VI, servitore di Cristo e della Chiesa “in anni non facili”
    Benedetto XVI ricorda anche il patriarca rumeno ortodosso Teoctist per la sua testimonianza ecumenica. La liturgia di questi giorni spinge a “guardare le cose di lassù”: la ricchezza non è “un bene assoluto”.

    26/08/2012 VATICANO
    Papa: Anche tra i 12 Apostoli c'era uno che non credeva: Giuda
    All'Angelus Benedetto XVI presenta Giuda, il traditore che, pur non credendo, rimane nella Chiesa. Egli si sente tradito da Gesù, perché si aspettava un "Messia vincente". Al contrario, Pietro "crede e conosce" in Gesù "il Santo di Dio".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®