23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/09/2011
VATICANO
Papa: Preghiamo Maria perché maturino vocazioni per la nuova evangelizzazione
Benedetto XVI parla con meraviglia dei “protagonisti” della nuova evangelizzazione: uomini e donne, persone consacrate e laici, singoli e famiglie, “operai umili e generosi”. Il Vangelo cambia il mondo “come un fiume che irriga un immenso campo”.

Castel Gandolfo (AsiaNews) – Una preghiera perché sorgano vocazioni religiose e laicali al servizio della nuova evangelizzazione e l’ammirazione per il modo in cui tante persone già vivono questo impegno nel mondo: è quanto Benedetto XVI ha espresso oggi nella sua riflessione prima dell’Angelus con i pellegrini radunati nel cortile del palazzo apostolico di Castel Gandolfo.

Alla fine della sua riflessione il papa ha esortato tutti a rivolgersi “in preghiera alla Vergine Maria, perché in tutta la Chiesa maturino vocazioni sacerdotali, religiose e laicali per il servizio della nuova evangelizzazione”.

La “nuova evangelizzazione” è una delle questioni nate in questi anni proprio grazie a Benedetto XVI per affrontare il secolarismo e la cosiddetta “apostasia silenziosa” che caratterizza molto mondo occidentale. “Oggi - ha detto il papa - viviamo in un’epoca di nuova evangelizzazione. Vasti orizzonti si aprono all’annuncio del Vangelo, mentre regioni di antica tradizione cristiana sono chiamate a riscoprire la bellezza della fede”.

Per affrontare queste nuove sfide, Benedetto XVI ha dato il via a un nuovo dicastero vaticano. Il papa parla con meraviglia di tanti “protagonisti di questa missione” che già lavorano in questo campo: “sono uomini e donne che, come san Paolo, possono dire: ‘Per me vivere è Cristo’. Persone, famiglie, comunità che accettano di lavorare nella vigna del Signore, secondo l’immagine del Vangelo di questa domenica (cfr Mt 20,1-16). Operai umili e generosi, che non chiedono altra ricompensa se non quella di partecipare alla missione di Gesù e della Chiesa. ‘Se il vivere nel corpo – scrive ancora san Paolo – significa lavorare con frutto, non so davvero che cosa scegliere’ (Fil 1,22): se l’unione piena con Cristo al di là della morte, o il servizio al suo corpo mistico in questa terra”.

Per parlare della nuova evangelizzazione, il papa ha preso dalla lettura della lettera ai Filippesi, presente nella liturgia di oggi. “Paolo - ha spiegato il pontefice - giunse a Filippi durante il suo secondo viaggio missionario, provenendo dalla costa dell’Anatolia e attraversando il Mare Egeo. Fu quella la prima volta in cui il Vangelo giunse in Europa. Siamo intorno all’anno 50, dunque circa
vent’anni dopo la morte e la risurrezione di Gesù”.

Questo mistero di Cristo morto e risorto “è diventato un tutt’uno con la vita dell’apostolo Paolo, che scrive questa lettera mentre si trova in prigione, in attesa di una sentenza di vita o di morte. Egli afferma: “Per me il vivere è Cristo e il morire un guadagno” (Fil 1,21). E’ un nuovo senso della vita, dell’esistenza umana, che consiste nella comunione con Gesù Cristo vivente; non solo con un personaggio storico, un maestro di saggezza, un leader religioso, ma con un uomo in cui abita personalmente Dio”.

“ La sua morte e risurrezione - ha continuato - è la Buona Notizia che, partendo da Gerusalemme, è destinata a raggiungere tutti gli uomini e i popoli, e a trasformare dall’interno tutte le culture, aprendole alla verità fondamentale: Dio è amore, si è fatto uomo in Gesù e con il suo sacrificio ha riscattato l’umanità dalla schiavitù del male donandole una speranza affidabile”.

“San Paolo - ha ancora spiegato - era un uomo che riassumeva in sé tre mondi: quello ebraico, quello greco e quello romano. Non a caso Dio affidò a lui la missione di portare il Vangelo dall’Asia Minore alla Grecia e poi a Roma, gettando un ponte che avrebbe proiettato il Cristianesimo fino agli estremi confini della terra”.

“Cari amici – ha concluso il papa - il Vangelo ha trasformato il mondo, e ancora lo sta trasformando, come un fiume che irriga un immenso campo”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/10/2011 VATICANO
Il Papa indice un “Anno della Fede” per la Nuova Evangelizzazione e la missione ad gentes
15/10/2011 VATICANO
Il Papa e la Nuova Evangelizzazione: La Parola di Dio continua a crescere e a diffondersi
16/10/2011 VATICANO
Papa: L’Anno della Fede sulla scia di Giovanni Paolo II e di Paolo VI
05/08/2007 VATICANO
Papa: ricordo di Paolo VI, servitore di Cristo e della Chiesa “in anni non facili”
26/08/2012 VATICANO
Papa: Anche tra i 12 Apostoli c'era uno che non credeva: Giuda

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate