16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/01/2017, 15.27

    VATICANO

    Papa: ai vescovi del mondo, proteggiamo i bambini da chi li uccide o li sfrutta



    In una lettera Francesco chiede ai pastori di difendere i “Santi innocenti” dei nostri giorni. “Un’innocenza spezzata sotto il peso del lavoro clandestino e schiavo, sotto il peso della prostituzione e dello sfruttamento”. “Migliaia di nostri bambini sono caduti nelle mani di banditi, di mafie, di mercanti di morte che l’unica cosa che fanno è fagocitare e sfruttare i loro bisogni”. La vergogna per gli abusi dei sacerdoti. “Facciamo nostra chiaramente e lealmente la consegna ‘tolleranza zero’ in questo ambito”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Proteggere i bambini: quelli condannati a morire di fame, quelli costretti a emigrare per sopravvivere, quelli obbligati a combattere o a lavorare, quelli ai quali è negata l’istruzione, quelli sfruttati anche sessualmente  anche da uomini di Chiesa, che invece dovrebbero difenderli. E’ il compito che papa Francesco ricorda ai vescovi di tutto il mondo in un lettera, resa pubblica oggi, che porta la data della Festa dei Santi Innocenti, del giorno, cioè, nel quale, appena dopo Natale, la Chiesa ricorda i bambini fatti uccidere da Erode per eliminare quel “re” del quale i Magi gli avevano annunciato la nascita.

    “Il Natale – scrive il Papa - nostro malgrado, viene accompagnato anche dal pianto. Gli evangelisti non si permisero di mascherare la realtà per renderla più credibile o appetibile. Non si permisero di realizzare un discorso ‘bello’ ma irreale. Per loro il Natale non era un rifugio immaginario in cui nascondersi di fronte alle sfide e alle ingiustizie del loro tempo. Al contrario, ci annunciano anche la nascita del Figlio di Dio avvolta in una tragedia di dolore”. “È il gemito di dolore delle madri che piangono la morte dei loro figli innocenti di fronte alla tirannia e alla sfranata sete di potere di Erode”.

    Un gemito che anche oggi continua, che “ci tocca l’anima e che non possiamo e non vogliamo ignorare né far tacere”. “Contemplare il presepio isolandolo dalla vita che lo circonda, sarebbe fare della Natività una bella favola che susciterebbe in noi buoni sentimenti ma ci priverebbe della forza creatrice della Buona Notizia che il Verbo Incarnato ci vuole donare. E la tentazione esiste”. Ma non è possibile realizzare la gioia cristiana ignorando il gemito del fratello, dei bambini. E come san Giuseppe che ascoltando la voce di Dio custodì Gesù, “oggi anche a noi, pastori, viene chiesto lo stesso, di essere uomini capaci di ascoltare e non essere sordi alla voce del Padre, e così poter essere più sensibili alla realtà che ci circonda. Oggi, tenendo come modello san Giuseppe, siamo invitati a non lasciare che ci rubino la gioia. Siamo invitati a difenderla dagli Erode dei nostri giorni. E come san Giuseppe, abbiamo bisogno di coraggio per accettare questa realtà, per alzarci e prenderla tra le mani (cfr Mt 2,20). Il coraggio di proteggerla dai nuovi Erode dei nostri giorni, che fagocitano l’innocenza dei nostri bambini. Un’innocenza spezzata sotto il peso del lavoro clandestino e schiavo, sotto il peso della prostituzione e dello sfruttamento. Innocenza distrutta dalle guerre e dall’emigrazione forzata con la perdita di tutto ciò che questo comporta. Migliaia di nostri bambini sono caduti nelle mani di banditi, di mafie, di mercanti di morte che l’unica cosa che fanno è fagocitare e sfruttare i loro bisogni”.

    “A titolo di esempio, oggi 75 milioni di bambini – a causa delle emergenze e delle crisi prolungate – hanno dovuto interrompere la loro istruzione. Nel 2015, il 68% di tutte le persone oggetto di traffico sessuale nel mondo erano bambini. D’altra parte, un terzo dei bambini che hanno dovuto vivere fuori dei loro paesi lo ha fatto per spostamento forzato. Viviamo in un mondo dove quasi la metà dei bambini che muoiono sotto i 5 anni muore per malnutrizione. Nell’anno 2016 si calcola che 150 milioni di bambini hanno compiuto un lavoro minorile, molti di loro vivendo in condizioni di schiavitù. Secondo l’ultimo rapporto elaborato dall’UNICEF, se la situazione mondiale non muta, nel 2030 saranno 167 milioni i bambini che vivranno in estrema povertà, 69 milioni di bambini sotto i 5 anni moriranno tra il 2016 e il 2030 e 60 milioni di bambini non frequenteranno la scuola primaria di base. Ascoltiamo il pianto e il lamento di questi bambini; ascoltiamo anche il pianto e il lamento della nostra madre Chiesa, che piange non solo davanti al dolore procurato nei suoi figli più piccoli, ma anche perché conosce il peccato di alcuni dei suoi membri: la sofferenza, la storia e il dolore dei minori che furono abusati sessualmente da sacerdoti. Peccato che ci fa vergognare. Persone che avevano la responsabilità della cura di questi bambini hanno distrutto la loro dignità. Deploriamo questo profondamente e chiediamo perdono. Ci uniamo al dolore delle vittime e a nostra volta piangiamo il peccato. Il peccato per quanto è successo, il peccato di omissione di assistenza, il peccato di nascondere e negare, il peccato di abuso di potere. Anche la Chiesa piange con amarezza questo peccato dei suoi figli e chiede perdono. Oggi, ricordando il giorno dei Santi Innocenti, voglio che rinnoviamo tutto il nostro impegno affinché queste atrocità non accadano più tra di noi. Troviamo il coraggio necessario per promuovere tutti i mezzi necessari e proteggere in tutto la vita dei nostri bambini perché tali crimini non si ripetano più. Facciamo nostra chiaramente e lealmente la consegna ‘tolleranza zero’ in questo ambito”.

    “La gioia cristiana non è una gioia che si costruisce ai margini della realtà, ignorandola o facendo come se non esistesse. La gioia cristiana nasce da una chiamata – la stessa che ricevette san Giuseppe – a ‘prendere’ e proteggere la vita, specialmente quella dei santi innocenti di oggi. Il Natale è un tempo che ci interpella a custodire la vita e aiutarla a nascere e crescere; a rinnovarci come pastori coraggiosi. Questo coraggio che genera dinamiche capaci di prendere coscienza della realtà che molti dei nostri bambini oggi stanno vivendo e lavorare per garantire loro le condizioni necessarie perché la loro dignità di figli di Dio sia non solo rispettata, ma soprattutto difesa. Non lasciamo che rubino loro la gioia. Non ci lasciamo rubare la gioia, custodiamola e aiutiamola a crescere”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/06/2014 VATICANO
    Papa: corrotti, sfruttatori e fabbricanti di armi "dovranno rendere conto a Dio"
    All'udienza generale Francesco illustra il "timore di Dio", dono dello Spirito Santo. Appello contro il lavoro di "milioni di bambini costretti a lavorare in condizioni degradanti, esposti a forme di schiavitù e di sfruttamento, come anche di abusi, maltrattamenti e discriminazioni".

    12/06/2013 VATICANO
    Papa: il popolo di Dio porti la luce in questo mondo dove "il diavolo agisce, ma Dio è più forte"
    "Guai a chi soffoca nei bambini lo slancio gioioso della speranza": il grido di Francesco al termine dell'udienza generale, quando ricorda l'odierna Giornata contro il lavoro minorile. "Dio invita tutti a far parte del suo popolo", anche "chi si sente lontano", "chi è timoroso e indifferente". Troppe guerre tra cristiani, anche sul lavoro e in famiglia: "tutti abbiamo simpatie e antipatie, forse siamo arrabbiati con qualcuno. E allora, preghiamo per quelli con cui siamo arrabbiati: questo è un bel passo nella legge dell'amore".

    17/09/2015 VATICANO
    Papa: “una vergogna delle nostre società” il fenomeno dei bambini e delle donne costretti a vivere in strada
    “Nessun bambino sceglie per conto suo di vivere in strada” e “nessuno può rimanere inerte di fronte all’urgente necessità di salvaguardare la dignità della donna”. Persone spesso sfruttate da organizzazioni criminali e frutto di “corruzione diffusa e ricerca del guadagno a tutti i costi”. Sono realtà “causate dall’indifferenza, dalla povertà, dalla violenza familiare e sociale, e dalla tratta delle persone umane”.

    17/03/2014 VATICANO
    Un accordo contro la schiavitù moderna firmato da grandi religioni
    Tra i firmatari papa Francesco e Al Azhar. Un invito alle altre fedi e ai governi a unirsi e sostenere il Global Freedom Network. "La schiavitù moderna e la tratta di esseri umani sono un crimine contro l'umanità. Lo sfruttamento fisico, economico e sessuale di uomini, donne e bambini condanna 30 milioni di persone alla deumanizzazione e al degrado".

    26/05/2013 VATICANO
    Papa: la Trinità, "volto con cui Dio stesso si è rivelato" nel suo essere "amore"
    Cosa significa che Dio è in tre Persone, papa Francesco ne ha parlato all'Angelus e nella sua prima visita a una parrocchia romana di periferia, da dove "si capisce meglio la realtà". Nel ricordo di don Puglisi, beatificato ieri, il pensiero per le "mafie" che nel mondo sfruttano tanti bambini. Un saluto a un gruppo di fedeli cinesi che ieri a Roma si sono riuniti "per pregare per la Chiesa in Cina".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®