30/01/2005, 00.00
vaticano
Invia ad un amico

Papa: bambini e giovani costruttori di pace

Ricordata anche la Giornata Mondiale dei malati di lebbra.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Giovanni Paolo II ritorna a parlare di pace. Nel Messaggio  lanciato all'inizio dell'anno  egli ha chiesto alla comunità internazionale di "vincere il male con il bene". Oggi all'Angelus, in presenza dei ragazzi dell'Azione cattolica, ha chiesto loro di diventare "operatori di pace". "Occorre – ha detto il Papa con voce molto provata - vincere l'ingiustizia con la giustizia, la menzogna con la verità, la vendetta col perdono, l'odio con l'amore".  I luoghi dove far crescere questa educazione alla pace sono la famiglia, le parrocchie, le associazioni i movimenti. Alla fine del momento, i ragazzi hanno ringraziato il Papa, visibilmente contento. Due bambini vicini a lui, nel suo studio, hanno liberato due colombe, segno della pace. 

Ecco le parole del Papa nell'introdurre la preghiera mariana:

"Quest'oggi Piazza San Pietro è allietata dalla presenza di tanti ragazzi dell'Azione Cattolica, che concludono il "mese della pace". Vi saluto con affetto, cari bambini e ragazzi dell'A.C.R.! Nel Vangelo odierno Gesù proclama: "Beati gli operatori di pace" (Mt 5,9). Anche i piccoli possono esserlo! Anch'essi debbono allenarsi al dialogo e imparare a "vincere il male col bene" (cfr Rm 12,21), come ho ricordato a tutti nel recente Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace. Occorre vincere l'ingiustizia con la giustizia, la menzogna con la verità, la vendetta col perdono, l'odio con l'amore. Questo stile di vita non si improvvisa, ma richiede educazione fin dall'infanzia. Un'educazione fatta di saggi insegnamenti e soprattutto di validi modelli in famiglia, nella scuola e in ogni ambito della società. Le parrocchie, gli oratori, le associazioni, i movimenti e i gruppi ecclesiali devono diventare sempre più luoghi privilegiati di questa pedagogia della pace e dell'amore, dove imparare a crescere insieme.

Preghiamo Maria, Regina della Pace, perché aiuti i giovani, che tanto desiderano la pace, a diventarne coraggiosi e tenaci costruttori.

Dopo la preghiera dell'Angelus, Giovanni Paolo II ha aggiunto:

 

Si celebra oggi la Giornata mondiale dei malati di lebbra. Nelle aree più povere del mondo questa malattia, pur curabile, continua a colpire milioni di persone, tra cui molti bambini. A tutti questi fratelli e sorelle rivolgo uno speciale saluto assicurando la mia preghiera, che estendo a quanti, in vari modi, li assistono. Auspico che l'impegno della comunità internazionale riesca ad eliminare completamente questa piaga sociale. Saluto i pellegrini presenti, in particolare l'Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau, ed auguro a tutti una buona domenica".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Chiesa in India oltre i pregiudizi per sconfiggere la lebbra
29/01/2005
Giornata della lebbra, l'Asia il continente più colpito (Scheda)
29/01/2005
Papa: Fino a quando il popolo afghano dovrà sopportare questa disumana violenza?
28/01/2018 12:20
Papa: Buon Anno cinese, nella festa della conversione di san Paolo
25/01/2009
La diffusione della lebbra nel mondo (scheda)
30/01/2010