24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/12/2016, 12.20

    VATICANO

    Papa: dare testimonianza di Gesù, come Giovanni Battista, un “grande” che fu “umile”



    Giovanni è il “provvisorio che indica il definitivo” e il definitivo è Gesù. “E questa testimonianza provvisoria ma sicura, forte, quella fiaccola che non si è lasciata spegnere dal vento della vanità, quella voce che non si è lasciata diminuire dalla forza dell’orgoglio diviene sempre uno che indica l’altro e apre la porta all’altra testimonianza, quella del Padre”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - ”Dare testimonianza di Gesù”, come ha fatto Giovanni il Battista, un “grande” che fu “umile” e prese ”la stessa strada che prenderà Gesù dopo”, quella dello “svuotarsi di sé”. E’ il modello indicato dal Papa a coloro che hanno assistito alla messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, tra i quali alcune coppie di sposi, nel 50mo anniversario di matrimonio.

    Giovanni Battista è presentato nel Vangelo come il “testimone” e, ha detto Francesco,  “è questa la sua vocazione”, ”dare testimonianza di Gesù”, “indicare Gesù”, come “lampada” nei confronti della luce. “Lampada che indica dov’è la luce, dà testimonianza della luce. Lui era la voce. Lui stesso dice di sé: 'Io sono la voce che grida nel deserto'. Lui era la voce ma che dà testimonianza della Parola, indica la Parola, il Verbo di Dio, la Parola. Lui soltanto voce. La Parola. Lui era il predicatore della penitenza che battezzava, il battista, ma lascia in chiaro, dice chiaramente: ‘Dopo di me viene un altro che è più forte di me, è più grande di me, al quale non sono degno di allacciare i calzari. E questo vi battezzerà in fuoco e Spirito Santo’”.

    Giovanni è dunque il “provvisorio che indica il definitivo” e il definitivo è Gesù. “Questa è la sua grandezza”, dimostrata ogni volta che il popolo e i dottori della legge gli domandavano se fosse o meno il Messia, e lui in modo chiaro rispondeva: “Io non lo sono”. “E questa testimonianza provvisoria ma sicura, forte, quella fiaccola che non si è lasciata spegnere dal vento della vanità, quella voce che non si è lasciata diminuire dalla forza dell’orgoglio diviene sempre uno che indica l’altro e apre la porta all’altra testimonianza, quella del Padre, quella che Gesù dice oggi: ‘Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni, quella del Padre. E Giovanni il battista apre la porta a questa testimonianza’. E si sente la voce del Padre: ‘Questo è il mio Figlio’. E’ stato Giovanni ad aprire questa porta. E’ grande questo Giovanni, sempre si lascia da parte”. E’ “umile”, “si annienta Giovanni”, ”prendendo la stessa strada che prenderà Gesù dopo”, quella dello “svuotarsi di sé”. E sarà così fino alla fine: “nell’oscuro di una cella, in carcere, decapitato, per il capriccio di una ballerina, l’invidia di un’adultera e la debolezza di un ubriaco”. Dovendo farne un ritratto, ha sostenuto Francesco, “soltanto questo dovremmo dipingere”.

    Rivolgendosi infine ai presenti: religiosi, vescovi e anche coppie al 50mo anniversario di matrimonio, “è una bella giornata – ha detto loro - per domandarsi sulla propria vita cristiana, se la propria vita cristiana ha sempre aperto la strada a Gesù, se la propria vita è stata piena di quel gesto: indicare Gesù. Ringraziare per tante volte che l’hanno fatto, ringraziare e ricominciare, dopo il 50.esimo, con questa vecchiaia giovane o gioventù invecchiata - come il  buon vino! - dare il passo in avanti per continuare a essere testimone di Gesù. Che Giovanni, il grande testimone, vi aiuti in questa nuova strada che oggi voi, dopo la celebrazione del cinquantesimo, di sacerdozio, di vita consacrata e di matrimonio, incominciate”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/02/2016 11:19:00 VATICANO
    Papa: “Lo stile di Dio non è lo stile dell’uomo”, Dio vince con l’umiltà

    Commentando la morte di Giovanni Battista, Francesco invita a “chiedere al Signore la grazia dell’umiltà che aveva Giovanni e non addossare su di noi meriti o glorie di altri. E soprattutto, la grazia che nella nostra vita sempre ci sia il posto perché Gesù cresca e noi veniamo più in basso, fino alla fine”.



    24/06/2013 VATICANO
    Papa: la Chiesa esiste per proclamare il Vangelo. Fino al martirio e "senza ideologie"
    Durante la messa, commentando l'oderna solennità della nascita di Giovanni Battista, Francesco dice che la vita del profeta gli fa venire in mente la Chiesa. "Una Chiesa che sempre sia al servizio della Parola. Una Chiesa che mai prenda niente per se stessa".

    19/01/2014 VATICANO
    Papa: Essere discepoli di Gesù, Agnello di Dio che toglie (e porta) il peccato del mondo
    All'Angelus, papa Francesco ribadisce che sull'esempio di Gesù, solo l'amore vince il male e il peccato. La Chiesa non è "una cittadella assediata", ma "una città posta sul monte, aperta, accogliente e solidale". Un grazie agli scalabriniani per il loro impegno a favore dei migranti e contro "i mercanti di carne umana".

    07/02/2014 VATICANO
    Papa: il "perfetto discepolo" annuncia Gesù, non sente un privilegio l'essere cristiano, imita Cristo
    Per andare sulla strada di Gesù chiediamoci quando è stato quell'incontro con Lui "che mi riempì di gioia". "Quando c'è la corte è possibile fare di tutto: la corruzione, i vizi, i crimini. Le corti favoriscono queste cose".

    24/06/2014 VATICANO
    Papa: come il Battista, "un cristiano non annunzia se stesso, annunzia un altro, prepara il cammino a un altro"
    San Giovanni è un modello perché ha tre "vocazioni" che sono d'esempio per ogni credente: "preparare la venuta del Signore, discernere chi sia il Signore, diminuire perché il Signore cresca".



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®