14/09/2018, 13.33
VATICANO - MEDIO ORIENTE
Invia ad un amico

Papa: garantire un futuro ai cristiani del Medio Oriente che rischiano di sparire

“Ogni giorno nella preghiera, porto davanti al Signore le sofferenze e le necessità delle Chiese e dei popoli di quelle amate terre”. Tra le “lodevoli” iniziative promosse come risposta della Chiesa alle crisi in corso, il Pontefice cita il “grande lavoro per sostenere il rientro delle comunità cristiane nella piana di Ninive” in Iraq.

Città del Vaticano (AsiaNews) – La Santa Sede lavora assiduamente per garantire un futuro ai cristiani del Medio Oriente che rischiano di sparire e chiede che la comunità internazionale si impegni per permettere il ritorno dei profughi e garantire il loto futuro. E’ quanto ha detto oggi papa Francesco ricevendo i partecipanti al sesto incontro di lavoro sulla crisi in Siria e nei Paesi limitrofi, 150 persone, organizzato in questi giorni in Vaticano dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, col coinvolgimento della Sezione Migranti e Rifugiati, in collaborazione con la Segreteria di Stato e la Congregazione per le Chiese Orientali. Presenti rappresentanti di Chiese locali, nunzi apostolici, delegati di istituti cattolici e oltre 50 organismi caritativi.

Francesco ha affermato che non si possono dimenticare i “tanti bisogni” delle vittime della crisi in Iraq, Siria e Paesi vicini e superare la “logica degli interessi”, mettendosi “al servizio della pace” e “ponendo fine alla guerra”. “Non possiamo – le sue parole - chiudere gli occhi sulle cause che hanno costretto milioni di persone a lasciare, con dolore, la propria terra. Nello stesso tempo incoraggio tutti gli attori coinvolti e la Comunità internazionale a un rinnovato impegno in favore del rientro sicuro degli sfollati alle loro case. Assicurare loro protezione e il loro futuro è un dovere di civiltà. È asciugando le lacrime dei fanciulli che non hanno visto altro che macerie, morte e distruzione che il mondo ritroverà la dignità”.

Il Papa ha espresso apprezzamento per i “grandi sforzi a favore dei rifugiati” compiuti dai Paesi della regione e dalle organizzazioni internazionali e ha ringraziato assieme al cardinale Peter Turkson, presidente del Dicastero vaticano, anche Filippo Grandi, Alto commissario Onu per i rifugiati.

“Ogni giorno – ha detto ancora - nella preghiera, porto davanti al Signore le sofferenze e le necessità delle Chiese e dei popoli di quelle amate terre, come pure di coloro che si prodigano per dare loro aiuto. E questo è vero: ogni giorno!”.

Il Papa ha aggiunto che con l’indagine sull’aiuto umanitario delle entità ecclesiali, la terza di questo tipo, si stia apportando “un importante contributo per meglio comprendere le necessità e meglio coordinare gli aiuti” in favore di tali popolazioni. “Esiste il rischio – ha poi ammonito - che la presenza cristiana sia cancellata proprio nella terra da cui si è propagata nel mondo la luce del Vangelo. In collaborazione con le Chiese sorelle, la Santa Sede lavora assiduamente per garantire un futuro a queste comunità cristiane. La Chiesa intera guarda a questi nostri fratelli e sorelle nella fede e li incoraggia con la vicinanza nella preghiera e la carità concreta a non rassegnarsi alle tenebre della violenza e a tenere accesa la lampada della speranza”. Proprio la “testimonianza d’amore” con cui la Chiesa ascolta e risponde al “grido di aiuto di tutti, a partire dai più deboli e poveri”, è “un luminoso segno per il presente e un seme di speranza che germoglierà nel futuro”. Si tratta, ha sttolineato, di un’opera “squisitamente cristiana” che ricorda la cosiddetta Preghiera semplice attribuita a San Francesco d’Assisi: di fronte all’odio si porti l’amore, di fronte alla disperazione ci sia la speranza, di fronte alla tristezza prevalga la gioia.

Tra le “lodevoli” iniziative promosse come risposta della Chiesa alle crisi in corso, il Pontefice cita il “grande lavoro per sostenere il rientro delle comunità cristiane nella piana di Ninive” in Iraq e le cure sanitarie assicurate a tanti malati poveri in Siria, “in particolare attraverso il progetto Ospedali Aperti” fortemente voluto dal nunzio apostolico a Damasco, il cardinale Mario Zenari. L’auspicio è dunque ad essere “strumenti di pace e di luce”. “Cari fratelli, insieme, con la grazia di Dio, guardiamo al futuro. Incoraggio voi, che operate a nome della Chiesa, a continuare a prendervi cura dell’educazione dei bambini, del lavoro dei giovani, della vicinanza agli anziani, della cura delle ferite psicologiche; senza dimenticare quelle dei cuori, che la Chiesa è chiamata a lenire: ‘Dov’è offesa, che io porti il perdono. Dov’è discordia, che io porti l’unione’”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: In Medio Oriente “taciti accordi per i quali la vita di migliaia e migliaia di famiglie” vale meno del petrolio
15/06/2015
Onu: necessari 50 anni e miliardi di dollari per sminare i terreni di Siria e Iraq
07/04/2017 09:44
Da Erbil ad Alqosh: la Marcia della pace dei cristiani e musulmani
23/02/2017 12:53
Patriarca Sako: Sminare i terreni per restituire la piana di Ninive ai profughi cristiani
14/09/2016 12:01
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015