17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/06/2016, 10.52

    VATICANO

    Papa: il cristiano sta “in piedi” per accogliere Dio, in “silenzio” per ascoltarlo, “in uscita” per annunciarlo



    “Per incontrare il Signore dobbiamo essere così: in piedi e in cammino. Poi aspettare che Lui ci parli: cuore aperto. E Lui ci dirà: ‘Sono Io’ e lì la fede diviene forte. La fede è per me, per custodirla? No! E’ per andare a darla ad altri, per ungere gli altri, per la missione”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La vita del cristiano si può riassumere in tre atteggiamenti: stare “in piedi” per accogliere Dio, in paziente “silenzio” per ascoltarne la voce, “in uscita” per annunciarlo agli altri. L’ha detto Papa Francesco, nella messa celebrata stamattina a casa Santa Marta, prendendo spunto dalla parabola del figliol prodigo e dalla figura del profeta Elia.

    Elia, ha ricordato Francesco, è “un vincitore” che “ha lottato tanto per la fede”, ha sconfitto centinaia di idolatri sul Monte Carmelo. Poi, all’ennesima persecuzione che lo prende a bersaglio, si abbatte. Si accascia scoraggiato sotto un albero aspettando di morire. Ma Dio non lo lascia in quello stato di prostrazione, ma gli invia un angelo con un imperativo: alzati, mangia, esci. “Per incontrare Dio è necessario tornare alla situazione in cui l’uomo era al momento della creazione: in piedi e in cammino. Così ci ha creato Dio: alla sua altezza, a sua immagine e somiglianza e in cammino. ‘Vai, vai avanti! Coltiva la terra, falla crescere; e moltiplicatevi...’. ‘Esci!’. Esci e vai al Monte e fermati sul Monte alla mia presenza. Elia si mise in piedi. Messo in piedi, esce”.

    Uscire, quindi mettersi in ascolto di Dio. Ma “come passa il Signore? Come posso incontrare il Signore per essere sicuro che sia Lui?”. La risposta è nel brano del Libro dei Re. Elia viene invitato dall’angelo a uscire dalla caverna sul Monte Oreb dove ha trovato riparo per stare alla “presenza” di Dio. Tuttavia, a indurlo a uscire non sono né il vento “impetuoso e gagliardo” che spacca le rocce, né il terremoto che segue e nemmeno il successivo fuoco. “Tanto chiasso, tanta maestà, tanto movimento e il Signore non era lì. ‘E dopo il fuoco, il sussurro di una brezza leggera’ o, come è proprio nell’originale, ‘il filo di un silenzio sonoro’. E lì era il Signore. Per incontrare il Signore, bisogna entrare in noi stessi e sentire quel ‘filo di un silenzio sonoro’ e Lui ci parla lì”.

    La terza richiesta dell’angelo a Elia è: “Esci”. Il profeta è invitato a tornare sui suoi passi, verso il deserto, perché gli viene affidato un incarico da compiere. In ciò si coglie lo sprone “a essere in cammino, non chiusi, non dentro il nostro egoismo della nostra comodità”, ma “coraggiosi” nel “portare agli altri il messaggio del Signore”, cioè andare in “missione”. “Dobbiamo sempre cercare il Signore. Tutti noi sappiamo come sono i momenti brutti: momenti che ci tirano giù, momenti senza fede, oscuri, momenti in cui non vediamo l’orizzonte, non siamo capaci di alzarci. Tutti sappiamo questo! Ma è il Signore che viene, ci ristora col pane e con la sua forza e ci dice: ‘Alzati e vai avanti! Cammina!’.  Per incontrare il Signore dobbiamo essere così: in piedi e in cammino. Poi aspettare che Lui ci parli: cuore aperto. E Lui ci dirà: ‘Sono Io’ e lì la fede diviene forte. La fede è per me, per custodirla? No! E’ per andare a darla ad altri, per ungere gli altri, per la missione”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/05/2017 13:32:00 VATICANO
    Papa: la Chiesa sia “in piedi e in uscita, in ascolto delle inquietudini della gente e sempre in gioia”

    “Chiesa sempre per essere fedele al Signore deve essere in piedi e in cammino: 'Alzati e va'. Una Chiesa che non si alza, che non è in cammino, si ammala”. E finisce chiusa con tanti traumi psicologici e spirituali, “chiusa nel piccolo mondo delle chiacchiere, delle cose … chiusa, senza orizzonti”. “Alzati e va, in piedi e in cammino. Così deve agire la Chiesa nell’evangelizzazione”.



    17/09/2016 11:57:00 VATICANO
    Papa: I nunzi siano missionari “tre volte in uscita”

    Francesco celebra la messa in Santa Marta alla presenza dei rappresentanti pontifici nel mondo, a Roma per il loro Giubileo. La loro “è una vita da zingari, per i continui spostamenti. Ma dovete ricordare tre modi di uscire: fisico, culturale e la preghiera. Non li dimenticate mai”.



    22/11/2014 VATICANO
    Papa: "Una Chiesa missionaria non può che essere 'in uscita', che non ha paura di incontrare, di scoprire le novità"
    Annunciare il Vangelo "a tutti, senza distinzioni. Non per fare proseliti, ma per dire quello che noi abbiamo e vogliamo condividere, ma senza forzare". "Uscire significa superare la tentazione di parlarci tra noi dimenticando i tanti che aspettano da noi una parola di misericordia, di consolazione, di speranza". "La missione è compito di tutti i cristiani, non solo di alcuni. E' compito anche dei bambini".

    25/04/2017 12:02:00 VATICANO
    Papa: La missione è ‘uscire dove Gesù non è conosciuto o dove Gesù è perseguitato’

    Nella festa di san Marco, papa Francesco sottolinea l’urgenza di annunciare il Vangelo “in cammino, mai seduti”, senza cercare “un’assicurazione sulla vita”. Lo stile dell’annuncio è l’umiltà. “L’annuncio del Vangelo se è vero, subisce la tentazione”. Ma “Lui agisce con noi”.



    23/01/2014 VATICANO
    Papa: i social media, strumento per "dare forma alla vocazione missionaria di tutta la Chiesa"
    Nel messaggio per la 48ma Giornata mondiale delle comunicazioni sociali Francesco scrive che i media possono facilitare la cultura dell'incontro e del farsi "prossimo". La Chiesa percorra anche le "strade" digitali per trasmettere "la bellezza di Dio".



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®