08/12/2018, 12.19
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: non vivere dipendendo dai problemi, ma affidandosi a Dio

Nel giorno della festa dell’Immacolata Concezione, Francesco sottolinea il valore dell’“eccomi!” di Maria: “è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa”. Oggi sono proclamati beati in Algeria il vescovo Pietro Claverie e diciotto compagni religiosi e religiose, uccisi in odio alla fede.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Non vivere dipendendo dai problemi – finito uno, se ne presenterà un altro! – ma fidandosi di Dio e affidandosi ogni giorno a Lui”. E’ “l’eccomi” col quale Maria rispose all’angelo, spiegato da papa Francesco all’Angelus della festa dell’Immacolata, nel quale ha ricordato anche che oggi in Algeria, sono proclamati beati il vescovo Pietro Claverie e diciotto compagni religiosi e religiose, uccisi in odio alla fede.

Alle 30mila persone presenti in piazza san Pietro, il Papa ha detto che “la Parola di Dio oggi ci presenta un’alternativa. Nella prima Lettura c’è l’uomo che alle origini dice no a Dio. Nel Vangelo c’è Maria che all’annunciazione dice a Dio. In entrambe le Letture è Dio che cerca l’uomo. Ma nel primo caso va da Adamo, dopo il peccato, gli chiede: «Dove sei?» (Gen 3,9), ed egli risponde: «Mi sono nascosto» (v. 10). Nel secondo caso, invece, va da Maria, senza peccato, che risponde: «Ecco la serva del Signore» (Lc 1,38). Eccomi è il contrario di mi sono nascosto. L’eccomi apre a Dio, mentre il peccato chiude, isola, fa rimanere soli con sé stessi”.

“Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate? Con un ‘eccomi Signore’. Sarebbe bello dire ogni mattina: ‘Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà’. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà! Maria aggiunge: «Avvenga per me secondo la tua parola». Non dice: ‘avvenga secondo me’, ma ‘secondo Te’. Non pone limiti a Dio. Non pensa: ‘mi dedico un po’ a Lui, mi sbrigo e poi faccio quel che voglio’. No, Maria non ama il Signore quando le va, a singhiozzo. Vive fidandosi di Dio in tutto e per tutto. Ecco il segreto della vita. Può tutto chi si fida di Dio in tutto. Il Signore però, cari fratelli e sorelle, soffre quando gli rispondiamo come Adamo: ‘ho paura e mi sono nascosto’. Dio è Padre, il più tenero dei padri, e desidera la fiducia dei figli. Quante volte invece sospettiamo di Lui, sospettiamo di Dio, pensiamo che possa mandarci qualche prova, privarci della libertà, abbandonarci. Ma questo è un grande inganno, è la tentazione delle origini, la tentazione del diavolo: insinuare la sfiducia in Dio. Maria vince questa prima tentazione col suo eccomi. E oggi guardiamo alla bellezza della Madonna, nata e vissuta senza peccato, sempre docile e trasparente a Dio”.

“Ciò non vuol dire che per lei la vita sia stata facile. No, no. Stare con Dio non risolve magicamente i problemi. Lo ricorda la conclusione del Vangelo di oggi: «L’angelo si allontanò da lei» (v. 38). Si allontanò: è un verbo forte. L’angelo lascia la Vergine sola in una situazione difficile. Lei conosceva in che modo particolare sarebbe diventata Madre di Dio, l’aveva detto l’angelo, ma l’angelo non l’aveva spiegato agli altri. E i problemi iniziarono subito: pensiamo alla situazione irregolare secondo la legge, al tormento di san Giuseppe, ai piani di vita saltati, a che cosa avrebbe detto la gente… Ma Maria mette la fiducia in Dio davanti ai problemi. È lasciata dall’angelo, ma crede che con lei, in lei, è rimasto Dio. E si fida. Si fida di Dio. È certa che col Signore, anche se in modo inatteso, tutto andrà bene. Ecco l’atteggiamento sapiente: non vivere dipendendo dai problemi – finito uno, se ne presenterà un altro! – ma fidandosi di Dio e affidandosi ogni giorno a Lui: eccomi! Eccomi è la parola, eccomi! È la preghiera. Chiediamo all’Immacolata la grazia di vivere così”.

E dopo la recita della preghiera mariana, Francesco ha ricordato la beatificazione in Algeria. “Diciannove nuovi beati. Questi martiri del nostro tempo sono stati fedeli annunciatori del Vangelo, umili costruttori di pace ed eroici testimoni della carità cristiana. Vescovo, sacerdoti, religiosi e laici. La loro coraggiosa testimonianza è fonte di speranza per la comunità cattolica algerina e seme di dialogo per l’intera società. Questa beatificazione sia per tutti uno stimolo a costruire insieme un mondo di fraternità e di solidarietà. Facciamo un applauso ai nuovi beati!”.

Il Papa ha infine ricordato che oggi pomeriggio si recherà alla basilica di Santa Maria Maggiore e in Piazza di Spagna per rinnovare il tradizionale atto di omaggio e di preghiera ai piedi del monumento all’Immacolata.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I martiri di Algeria: una testimonianza di carità, seme di dialogo con l’Islam
10/12/2018 12:31
Suor Marie, il ricordo di mons. Claverie, vescovo martire in Algeria
12/12/2018 08:56
Giovane musulmano: La beatificazione dei martiri cattolici in terra d’islam
10/12/2018 10:42
Giovane musulmano: Papa Francesco, benvenuto in Algeria
12/04/2018 11:11
I martiri algerini da beatificare e i martiri libanesi della guerra civile
19/11/2018 11:07