11/05/2006, 00.00
vaticano
Invia ad un amico

Papa: sono "basate su un amore debole" le unioni diverse dal matrimonio

Per Benedetto XVI è "speciale urgenza" di oggi evitare la confusione di tali unioni con il matrimonio. La  "grande sfida della nuova evangelizzazione" ha bisogno di "essere sostenuta con una riflessione veramente approfondita sull'amore umano".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Evitare la confusione tra il matrimonio "con altri tipi di unioni basate su un amore debole". E' la "speciale urgenza" dei nostri giorni che Benedetto XVI è tornato oggi a sottolineare, evidenziando che la "grande sfida della nuova evangelizzazione" ha bisogno di "essere sostenuta con una riflessione veramente approfondita sull'amore umano, in quanto è proprio questo amore una via privilegiata che Dio ha scelto per rivelarsi all'uomo ed è in questo amore che lo chiama a una comunione nella vita trinitaria".

L'incontro di oggi con i partecipanti al congresso internazionale promosso dal Pontificio istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia sul tema: "L'eredità di Giovanni Paolo II sul matrimonio e la famiglia: amare l'amore umano", ha dato occasione a Benedetto XVI di ricordare come nella Catechesi sull'amore umano di papa Wojtyla siano messi in rilievo due elementi fondamentali.  "Il primo elemento è che il matrimonio e la famiglia sono radicati nel nucleo più intimo della verità sull'uomo e sul suo destino. La Sacra Scrittura rivela che la vocazione all'amore fa parte di quell'autentica immagine di Dio che il Creatore ha voluto imprimere nella sua creatura, chiamandola a diventargli simile proprio nella misura in cui è aperta all'amore. La differenza sessuale che connota il corpo dell'uomo e della donna non è dunque un semplice dato biologico, ma riveste un significato ben più profondo: esprime quella forma dell'amore con cui l'uomo e la donna, diventando una sola carne, possono realizzare un'autentica comunione di persone aperta alla trasmissione della vita e cooperano così con Dio alla generazione di nuovi esseri umani. Un secondo elemento caratterizza la novità dell'insegnamento di Giovanni Paolo II sull'amore umano: il suo modo originale di leggere il piano di Dio proprio nella confluenza della rivelazione con l'esperienza umana. In Cristo infatti, pienezza della rivelazione d'amore del Padre, si manifesta anche la verità piena della vocazione all'amore dell'uomo, che può ritrovarsi compiutamente soltanto nel dono sincero di sé".

Benedetto XVI ha poi ricordato che nella "Deus caritas est" ha sottolineato "come proprio mediante l'amore si illumini 'l'immagine cristiana di Dio e anche la conseguente immagine dell'uomo e del suo cammino' (Deus caritas est, 1). In altre parole Dio si è servito della via dell'amore per rivelare il mistero della sua vita trinitaria. Inoltre, il rapporto stretto che esiste tra l'immagine di Dio Amore e l'amore umano ci permette di capire che 'all'immagine del Dio monoteistico corrisponde il matrimonio monogamico. Il matrimonio basato su un amore esclusivo e definitivo diventa l'icona del rapporto di Dio con il suo popolo e viceversa: il modo di amare di Dio diventa la misura dell'amore umano' (ibid., 11). Questa indicazione resta ancora in gran parte da esplorare".

Compito che l'Istituto per studi su matrimonio e famiglia è proprio "illuminare la verità dell'amore come cammino di pienezza in ogni forma di esistenza umana. La grande sfida della nuova evangelizzazione, che Giovanni Paolo II ha proposto con tanto slancio, ha bisogno di essere sostenuta con una riflessione veramente approfondita sull'amore umano, in quanto è proprio questo amore una via privilegiata che Dio ha scelto per rivelarsi all'uomo ed è in questo amore che lo chiama a una comunione nella vita trinitaria. Quest'impostazione ci permette anche di superare una concezione privatistica dell'amore, oggi tanto diffusa. L'autentico amore si trasforma in una luce che guida tutta la vita verso la sua pienezza, generando una società abitabile per l'uomo. La comunione di vita e di amore che è il matrimonio si configura così come un autentico bene per la società. Evitare la confusione con altri tipi di unioni basate su un amore debole si presenta oggi con una speciale urgenza. Solo la roccia dell'amore totale e irrevocabile tra uomo e donna è capace di fondare la costruzione di una società che diventi una casa per tutti gli uomini".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
No del Papa a Pacs e Ru486
12/01/2006
Papa: dalle radici cristiane una "via sicura" per il futuro d'Europa
30/03/2006
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007
Cristiani, Islam, ebrei insieme per la difesa della famiglia
01/12/2004
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015