23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/08/2014, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Parroco di Gaza: L'offensiva israeliana sui palestinesi come una "bomba atomica"



    P. Manawel Musallam racconta le condizioni in cui vive la popolazione nella Striscia dopo quattro settimane di bombardamenti. Bambini e adolescenti feriti "nel fisico e nello spirito", incapaci di "provare gioia, parlare di pace e offrirla all'altro". Con le sue azioni Israele "non sta solo distruggendo l'umanità della gente di Gaza, ma anche quella del suo popolo".

    Gerusalemme (AsiaNews) - "Quello che la popolazione di Gaza ha subito in queste settimane è paragonabile al lancio di una bomba atomica. Le esplosioni di massa contro questa terra hanno trasformato più di mezzo milione di persone in rifugiati, ancora una volta. Non hanno più una casa, né un luogo dove andare. Le loro esistenze sono state spazzate via". A parlare ad AsiaNews è p. Manawel Musallam, parroco della Santa Famiglia a Gaza e preside di una scuola nella Striscia. Proprio oggi Israele e Hamas hanno avviato una nuova tregua di cinque giorni, già "macchiata" però, questa notte, da un raid aereo da parte di Tel Aviv, in risposta a razzi di Hamas. Un cessate il fuoco ancora una volta appeso a un filo, nel quale il sacerdote non ripone grande speranza.

    Osservando le sofferenze patite dalla gente di Gaza, p. Musallam parla soprattutto dei bambini e dei ragazzi. "Per 14 anni - racconta ad AsiaNews p. Musallam - ho diretto una scuola nel quartiere di Shejaiya. La maggior parte dei nostri studenti abitava proprio lì. Nelle scorse settimane, Shejaiya è stata distrutta: molti ragazzi sono stati uccisi, altri feriti. Alcuni sono rimasti orfani e sono stati portati via; altri hanno visto morire i propri fratelli. Ora io chiedo: se mai torneranno a scuola, in che condizioni saranno questi ragazzi? Riusciranno a studiare, cantare, leggere, danzare, scrivere?".

    Il dolore dei giovani palestinesi, sottolinea il sacerdote, "è una ferita fisica, mentale e spirituale. Dal 2007 a oggi hanno vissuto quattro guerre in appena sette anni. Reagire in modo positivo a una realtà del genere è impossibile. Sono in grado di provare gioia nei loro cuori? Possono parlare di pace e offrirla all'altro? Sono preparati ad amare, avere compassione e accettare Israele? Come possiamo convincere questi ragazzi a non odiare gli israeliani, a spiegare loro della possibilità di convivere con Israele, se questo continua a colpirli?".

    Nella striscia di Gaza abitano 2 milioni di persone: metà della popolazione dell'intera Palestina. Vivere da anni "come rifugiati", senza la possibilità di condurre un'esistenza normale, con la minaccia costante di un nuovo conflitto, ha creato "una difficoltà spirituale e mentale". I palestinesi, spiega p. Mulallam, "stanno rifiutando l'esistenza di Israele alle loro spalle. Si chiedono in nome di quale qualità o virtù umana potrebbero accettare la presenza di questo Stato. Nella Bibbia il profeta Osea dice 'Seminate per voi secondo giustizia e mieterete secondo bontà'. Ma Israele non sta seminando giustizia, macchiata come è del sangue di donne e bambini, senza rispetto per il diritto alla vita di queste persone, distruggendo ogni cosa in modo indiscriminato".

    Con le sue azioni, nota il parroco, "Israele non si rende conto che non sta solo distruggendo l'umanità della gente di Gaza, ma anche quella del suo popolo. Tutti i soldati che stanno combattendo, cosa diranno ai loro bambini, alle loro mogli e ai loro genitori quando torneranno a casa? Che hanno ucciso altri bambini, e madri, e genitori? Che hanno distrutto case e hanno gettato nella miseria più totale intere famiglie? Come potranno parlare di pace alle loro famiglie? Prenderanno coscienza [di quello che hanno fatto], perché non potranno parlare di pace. Perché la pace non può essere costruita o accettata nella miseria, nell'umiliazione dell'altro, nel terrore, nella paura, nella distruzione. La pace si costruisce solo sulla pace. La pace può dare sicurezza, non il contrario. La guerra non può creare pace".

    Alla luce di questo, per p. Musallam è difficile confidare nel buon esito della tregua in corso. Anche per colpa dell'atteggiamento della comunità internazionale. "Possiamo - dice - essere grati per le manifestazioni in segno di solidarietà alla nostra condizione, ma non possiamo perdonare il silenzio. Gaza non può essere bloccata per sempre e la sua gente non può essere lasciata in queste condizioni per sempre: stremata dalla fame, dalla rabbia, dalla paura". (GM)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/08/2014 ISRAELE - PALESTINA
    Regge la fragile tregua su Gaza. Incerto un futuro di pace
    L’accordo raggiunto con la mediazione egiziana, è salutato da Hamas come una “vittoria della resistenza”. Il mese prossimo al Cairo colloqui indiretti per affrontare questioni “fondamentali”, come il disarmo delle milizie. Il prof. Sabella parla di “eccellente passo in avanti” rilancia l’obiettivo “Due popoli, due Stati”. Politologo israeliano: fragile tregua, futuro “molto incerto”.

    20/08/2014 ISRAELE - PALESTINA
    Gaza, riprendono le violenze. Israele "non difende se stessa, ma la sua occupazione"
    Lo afferma ad AsiaNews p. Manawel Musallam, sacerdote ed ex parroco della Santa Famiglia a Gaza. Poco prima dello scadere dell'ultimo cessate-il-fuoco, 34 razzi di Hamas hanno colpito Tel Aviv e Beersheba, senza causare vittime. Israele ha risposto con 70 attacchi aerei tra ieri e oggi. L'obiettivo era il leader della Brigata al-Qassam: ma sono morte moglie e figlia.

    20/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Netanyahu: Israele è disponibile a una tregua con Hamas
    Ad affermarlo è Mark Regev portavoce del Premier israeliano in queste ore impegnato in un incontro con il gabinetto di governo. In attesa di ordini, l'esercito schiera blindati e carri armati lungo il confine con la Striscia di Gaza. Gli estremisti fermano il lancio di razzi contro Israele. Dal Cairo Ban Ki-Moon esorta entrambe le parti a sottoscrivere un cessate il fuoco. Il bilancio dell'operazione "Pilastro di difesa" sale a 110 morti fra i palestinesi e tre fra gli israeliani.

    15/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Un razzo cade su un palazzo nel sud d'Israele, tre morti
    L'ordigno lanciato dalla striscia ha colpito un edificio a Kiryay Malachi. Alcune persone sono ancora intrappolate sotto le macerie. Questa notte l'esercito israeliano aveva ucciso il capo del braccio armato di Hamas. L'operazione "Colonna di nuvole" dell'esercito israeliano è iniziata ieri e ha già fatto più di nove morti. Dura la reazione di Hamas che ha promesso vendette per i raid aerei. Il premier Netanyahu minaccia l'invasione di terra se gli islamisti non fermeranno i lanci di razzi sugli insediamenti nel Neghev. La Lega araba pronta a una seduta straordinaria per evitare una spirale di violenza.

    16/09/2014 PALESTINA
    Anche a Gaza si torna a scuola. Ma i bambini "hanno perso la loro umanità"
    P. Manawel Musallam, preside di una scuola cattolica nella Striscia, racconta l'impossibile ritorno alla normalità dei ragazzi palestinesi. I bombardamenti israeliani hanno distrutto 24 scuole e danneggiato altre 190 in modo parziale. Su 1,8 milioni di abitanti, quasi il 45% della popolazione ha meno di 14 anni.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®