22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/10/2004, 00.00

    iran

    Pastore protestante, convertito dall'islam, rischia la pena di morte per apostasia



    Ministro dell'Educazione: ogni giorno 50 giovani iraniani si convertono in modo segreto al cristianesimo.
    Teheran (AsiaNews) – Hamid Pourmand, un pastore protestante delle Assemblee di Dio, convertito dall'islam, è in carcere da settembre in una località sconosciuta del paese: rischia la pena di morte per "apostasia dall'islam", che la legge iraniana punisce con la pena capitale. Pourmand è stato arrestato il 9 settembre a Karaj, 30 km a ovest di Teheran, in un raid della polizia contro una riunione del Consiglio generale della chiesa di cui è parte. Il reverendo Pourmand (nella foto), 47 anni, laico, sposato con 2 figli, è colonnello dell'esercito iraniano nella città di Bandar-i Bushehr (380 km sud di Teheran). Se condotto di fronte a una corte marziale, può essere accusato di "spionaggio militare" e per questo condannato a morte. Pourmand ha continuato il suo lavoro di ufficiale sebbene la legge iraniana proibisca ai non musulmani di ricoprire incarichi di responsabilità nell'esercito. "Hamid non ha mai tenuto nascosta la sua conversione al cristianesimo" ha dichiarato un suo amico all'agenzia Compass. "Ma è un uomo onesto, i suoi colleghi lo amano e lo rispettano".

    Insieme a Pourmand sono stati arrestati altri 86 leader protestanti che partecipavano all'incontro religioso del 9 settembre; 76 di loro sono stati rilasciati la sera stessa, 9 tre giorni dopo. Secondo testimoni oculari, la polizia iraniana disponeva di informazioni specifiche su ciascun partecipante al meeting religioso. Di tutti gli arrestati Pourmand è l'unico ad essere ancora in carcere: ha avuto la possibilità di parlare per breve tempo al telefono con sua moglie (una cristiana assira), dicendole che "va tutto bene". Al momento dell'arresto del marito, la moglie di Pourmand si trovava con i figli a Teheran in visita a parenti. Ritornata a Bushehr, ha trovato la loro casa perquisita: tutti i documenti di famiglia e le fotografie erano stati rimossi.

    La retata contro l'assemblea protestante di settembre viene dopo una serie di numerosi arresti di cristiani nel nord del paese avvenuti fra maggio e giugno.

    Nel luglio 1994 Mehdi Dibaj, un altro pastore delle Assemblee di Dio convertito dall'islam, è stato ucciso dopo aver scontato una pena di 9 anni per aver rifiutato di abiurare la sua fede cristiana e ritornare all'islam. La legge iraniana prevede la pena capitale per l'apostasia, l'omicidio, la rapina armata, il traffico di droga.

    Alcuni mesi fa il religioso sciita Hasan Mohammadi, funzionario del ministero dell'Educazione, parlando in una scuola superiore di Teheran ha ammesso che "ogni giorno circa 50 giovani iraniani si convertono in modo segreto al cristianesimo".

    I cristiani in Iran sono 360mila su una popolazione di 65milioni di abitanti; i cattolici sono 25mila. (LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/02/2018 10:44:00 IRAN
    Intellettuali e attivisti iraniani promuovono un referendum contro la teocrazia

    Dopo il presidente Rouhani, almeno 15 personalità nel Paese e all’estero chiedono una consultazione per definire il futuro istituzionale della Repubblica. Duro attacco alla leadership religiosa, che ha bloccato il Paese e negato la libertà ai cittadini. Superare “in modo pacifico” il regime islamico per instaurare un “sistema parlamentare su basi democratiche”. 

     



    12/02/2018 08:49:00 IRAN
    Rouhani propone 'un anno di unità' e apre al referendum

    Nel celebrare i 39 anni della rivoluzione khomeinista, il presidente esalta l'unità del Paese e la costituzione. La rivoluzione è stata vittoriosa quando il popolo era unito. I conservatori devono permettere a tutti di candidarsi alle elezioni. Tutti gli iraniani di tutte le religioni sono rivoluzionari.



    08/04/2011 EGITTO
    Egitto verso le elezioni, fra divisioni politiche, estremismi religiosi e potere dell’esercito
    I giovani di piazza Tahrir tentano una coalizione dei movimenti in vista delle elezioni di settembre, ma hanno poco tempo. Le diatribe interne ai Fratelli musulmani rischiano di incrementare le fila del movimento estremista islamico dei salafiti. I militari, saldi al potere, mantengono la stabilità nel Paese bilanciando le differenze fra i partiti. In piazza Tahrir, centinaia di migliaia giovani chiedono il processo contro Mubarak. Fonti di AsiaNews: "Se cristiani e musulmani si impegnano a lavorare insieme, il Paese potrà fare dei passi avanti”.

    22/10/2004 indonesia
    Ex presidente indonesiano si schiera a difesa di una chiesa cattolica
    Abdurrahman Wahid (Gus Dur), musulmano moderato: "Garantire libertà religiosa per i cattolici, altrimenti porterò il caso in tribunale". Negli ultimi 14 anni 500 attacchi contro chiese cristiane nel paese.

    20/05/2011 EGITTO
    Le promesse di Obama non sono l’unica soluzione ai problemi dell’Egitto
    Per P. Boulad, sacerdote gesuita egiziano, il problema più grave è il conflitto religioso fra copti e musulmani, fomentato dagli uomini del vecchio regime. Rispetto dei diritti umani e un piano di aiuti attento alle differenze culturali, la chiave per cambiare il Paese.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®