13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 28/02/2013, 00.00

    CINA

    Pechino, l’inquinamento di nuovo “molto dannoso per la salute”



    In attesa dell’Assemblea nazionale del popolo, i valori di particolato inquinante nella capitale hanno toccato per la seconda volta in una settimana il valore massimo tollerato dall’organismo umano. Si moltiplicano gli appelli della popolazione al governo affinché intervenga.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - L'inquinamento dell'aria della capitale cinese ha raggiunto oggi nuovi livelli record: secondo l'indice dell'inquinamento diffuso dall'Ambasciata americana a Pechino - che sul tetto ha gli strumenti per la misurazione - il tasso di pericolosità dell'aria ha superato il valore considerato il massimo tollerabile dall'organismo umano. Alle 10 di mattina l'indice del PM2,5 - le particelle inquinanti abbastanza piccole da entrare nei polmoni - ha toccato il livello di 510 per metro cubico. Il livello massimo "molto dannoso" per la salute è di 500.

    È la seconda volta in una settimana che i livelli arrivano a 500. Secondo i meteorologi la colpa è di una tempesta di sabbia che ha colpito il nord della Cina, devastando la situazione ambientale di Mongolia interna, Gansu, Shanxi ed Hebei. Per il Centro di monitoraggio ambientale di Pechino "la tempesta soffia da ovest a est, e colpirà in maniera graduale la nostra città alzando la concentrazione di particolato. Avvertiamo tutti: è meglio rimanere in casa".

    La questione ambientale è molto sentita in Cina a causa dell'inquinamento selvaggio provocato dalle fabbriche che - per mantenere i livelli di crescita economica nazionale - sono costrette a produrre senza rispettare gli standard di protezione ambientale. Sempre più spesso i cittadini chiedono al governo di intervenire.

    Per ora le misure adottate sono state molto limitate. Tuttavia, nell'atteggiamento dell'esecutivo potrebbe cambiare qualcosa con la presa di potere da parte della "Quinta generazione" guidata da Xi Jinping. Per adesso, cosa del tutto nuova, il ministero della Sanità sembra aver riconosciuto l'esistenza dei "villaggi del cancro", zone ad altissima concentrazione di malati di cancro nei pressi delle aziende più inquinanti. Il ministero fa riferimento a questi villaggi - fino a ora del tutto ignorati dalle autorità - in un documento ufficiale.

    Le richieste da parte della popolazione di una "svolta" ambientale si sono moltiplicate negli ultimi giorni. Il prossimo 5 marzo si apre infatti a Pechino l'Assemblea nazionale del popolo - il "Parlamento cinese" che deve confermare i nuovi leader - e in questa occasione si attende almeno un pronunciamento ufficiale sulla questione. Il Guangzhou Daily, in un editoriale del 26 febbraio, scrive: "Mentre il popolo esprime la propria fervente speranza per una bellissima Cina, il ministero dell'Ambiente non dovrebbe urtarsi se gli si chiede di affrontare in pubblico i dati relativi all'inquinamento per mobilitare la forza della società e prevenire altri danni".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/03/2013 CINA
    Shangai, oltre 1200 maiali morti trovati nel fiume che attraversa la città
    Per le autorità non vi è pericolo di inquinamento. Le carcasse sono state recuperate nel fiume Huangpu. Esse proverebbero dalla provincial di Zhejiang. I residenti denunciano il governo locale che mentirebbe sulla reale entità del danno ambientale.

    08/03/2013 CINA
    Zhejiang, il Partito raccoglie la sfida: Nuoteremo nei fiumi (inquinati)
    Il sindaco di Shaoxing, delegato all’Assemblea nazionale del popolo, si dice “pronto” a entrare nelle acque piene di rifiuti della sua zona. Ma il governatore della provincia frena: “Ci vorrà del tempo prima che la situazione diventi sostenibile”.

    05/03/2014 CINA
    Economia, inquinamento e armi: le priorità del governo cinese al vaglio dell'Anp
    Si è aperta oggi a Pechino l'Assemblea nazionale del Popolo, il "Parlamento nazionale" chiamato a ratificare le decisioni prese dall'esecutivo. Ai circa 3mila delegati presenti, il premier Li Keqiang spiega gli obiettivi principali: crescita economica al 7,5%, rafforzamento dell'esercito, guerra allo smog e alla corruzione.

    05/03/2013 CINA
    All'Assemblea nazionale del popolo, le ultime promesse di Wen Jiabao
    L'annuale raduno del parlamento durerà fino al 17 marzo. Segna la transizione definitiva alla Quinta generazione. Il premier uscente Wen Jiabao ha promesso crescita contenuta (7,5%); inflazione al 3,5; 10% in più nella spesa pubblica. Proclami contro la corruzione e la protezione dell'ambiente. Ma per i cybernauti sono solo "parole" ripetute tante volte in questi anni.

    04/03/2013 CINA
    Pechino nasconde il bilancio dell'esercito e dà il via all’Anp
    Interrompendo una tradizione che andava avanti dal 2006, il governo cinese rifiuta di fornire il budget preventivo per l’esercito a causa delle tensioni belliche con gli altri Stati asiatici. Corruzione, legge sul figlio unico e stabilità economica sono i temi che verranno trattati dall’Assemblea nazionale del popolo, che si prepara a incoronare Xi Jinping.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®