23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 24/11/2015, 00.00

    CINA

    Pechino, la giornalista Gao Yu presenta appello: domani la sentenza



    La reporter è stata arrestata per la terza volta nell’aprile 2015, e condannata a sette anni di galera per aver “diffuso segreti di Stato”. L’ultima udienza alla Corte Suprema del Popolo di Pechino è durata meno di un’ora. La donna, nota per le sue critiche al regime cinese, soffre di diversi problemi di salute.

    Pechino (AsiaNews) – La Corte Suprema del Popolo di Pechino ha ascoltato oggi l’appello presentato dalla famosissima giornalista Gao Yu, 71 anni, condannata a sette anni di carcere con l’accusa di aver diffuso segreti di Stato. L’udienza è durata circa un’ora, durante la quale la Gao ha presentato attraverso il suo legale Shang Bajun nuove prove per la sua difesa. L’avvocato non ha voluto entrare nei dettagli, ma ha aggiunto che la giornalista ha anche letto una dichiarazione spontanea.

    La sentenza è attesa per domani, anche se è molto raro che la Corte Suprema ribalti le condanne di primo grado emesse nei confronti di dissidenti e attivisti per i diritti umani. La Gao ha una lunga storia di problemi cardiaci e di pressione alta. Inoltre soffre di sindrome di Meniere, un problema all’orecchio interno che le causa problemi sei di udito e di equilibrio.

    Gao, famosissima per le sue acute critiche nei confronti del sistema politico e dei leader cinesi, è tornata in carcere per la terza volta nell’aprile del 2015. È stata arrestata nell’aprile del 2014 per aver fornito una circolare interna del Partito comunista cinese al sito di informazione statunitense Mingjing Monthly. Costretta a “confessare” le sue colpe davanti alla tv di Stato, alla vigilia del processo la giornalista ha poi rivelato che dietro la confessione vi era il tentativo di proteggere il figlio e la famiglia, oggetto di minacce.

    Al centro dell’accusa ci sarebbe il “Documento n° 9”, un testo redatto dal Partito comunista che ordina ai propri membri e alle forze dell'ordine di frenare “sette influenze sovversive” presenti nella società, fra cui le richieste di democrazia costituzionale, bollata come “occidentale”, e i “valori universali” quali la libertà di parola e il rispetto dei diritti umani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/11/2006 CINA
    Pechino: domani il verdetto finale per Ching Cheong, giornalista arrestato senza prove

    L'Alta Corte della capitale pronuncerà domani, a porte chiuse, la decisione sull'appello presentato dal giornalista, condannato a 5 anni di carcere per spionaggio. La moglie è preoccupata per la salute del reporter.



    06/03/2015 CINA
    Cina, l'Associazione avvocati chiede al governo di rimuovere la "presunzione di colpevolezza"
    Durante una sessione parlamentare, il vice presidente dell'organizzazione (ufficiale e gestita dallo Stato) punta il dito contro le "cattive pratiche" del sistema legale: "Arrestiamo una persona, il giorno dopo la facciamo confessare anche con la tortura e poi il tribunale deve dire che è colpevole. Così non va bene: dobbiamo partire dal concetto di innocenza fino a prova contraria".

    04/03/2005 CINA
    Pechino: la Corte suprema rivendica il monopolio delle condanne a morte
    E' allo studio un progetto di legge che gli esperti giudicano "irragionevole".

    05/08/2016 08:45:00 INDONESIA
    Jakarta, confermata la condanna per Abu Bakar Bashir: finanziava i jihadisti

    Il leader islamico, 77 anni, ha perso il ricorso all’appello e rimarrà 15 anni in carcere. È un membro chiave del gruppo Jemaah Islamiah, responsabile degli attacchi di Bali del 2002. A gennaio centinaia di manifestanti avevano chiesto la sua liberazione.

     



    25/09/2007 INDONESIA
    Corte Suprema rigetta l’appello dei terroristi di Bali
    I giudici hanno confermato la pena di morte per Amrozi, Muhklas e Imam Samudra, militanti islamici colpevoli di aver ucciso 202 persone in un attentato nell’ottobre del 2002. Ai tre rimane soltanto la richiesta di grazia, che non vogliono presentare.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®