2 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/06/2012
CINA
Per fermare scandali e corruzione, il Partito invoca la “coscienza” dei suoi membri
Nell’ennesimo passo indietro rispetto ai dettami maoisti, la Commissione disciplinare del Pcc fa pubblicare 4 volumi di studio sulle pratiche di buongoverno nella Cina antica e contemporanea. Nel testo è citato Confucio e il taoismo e si chiede ai quadri comunisti di “agire secondo coscienza”. Ma gli esperti avvertono: “Servono stato di diritto e libertà di parola, altrimenti sarà tutto inutile”.

Pechino (AsiaNews) - Travolto da scandali e da ruberie continue, il regime comunista cinese continua nella sua opera di "moralizzazione" dei membri del Partito attraverso libri e corsi di rieducazione. Ma gli esperti avvertono che questa battaglia è inutile senza un vero stato di diritto e una vera libertà per i cittadini di criticare il governo. L'ultimo tentativo in ordine di tempo è un set di 4 libri - intitolati "Studio sull'integrità morale dei funzionari pubblici nella Cina antica e contemporanea - che sarà usato come materiale di studio per i membri del Pcc.

I volumi sono stati curati negli ultimi 2 anni dall'Accademia delle scienze sociali di Pechino, che ha ricevuto l'ordine di prepararli dalla Commissione disciplinare e di propaganda del Partito comunista cinese. Nel testo sono citati casi di studio antichi e moderni, proverbi e filosofie confuciane e taoiste riguardo la corruzione e la virtù, il desiderio di servire il popolo, la lealtà, il pragmatismo e l'autodisciplina. Si tratta dell'ennesimo passo indietro rispetto alla rivoluzione maoista, che aveva messo in un angolo i classici del pensiero cinese.

Secondo il Beijing Daily, che ha dato la notizia, "coloro che agiscono in base alla propria coscienza sono buoni funzionari, mentre coloro che vanno contro sono cattivi. I ricercatori ritengono che le caratteristiche di un cattivo ufficiale siano avarizia eccessiva, tirannia brutale e la tendenza a abusare della popolazione ordinaria".

Il professor Hu Xingdou, commentatore politico dell'Istituto di tecnologia di Pechino, è però scettico. Secondo il docente, i valori morali servono solo come linee guida: "Se vuole davvero battere la corruzione, il governo deve mettere in atto un vero stato di diritto e deve consentire al popolo di criticare liberamente l'esecutivo e i suoi membri. Hanno usato il marxismo e non ha funzionato, hanno usato il confucianesimo e non ha funzionato. Quello che dicono ora è inutile".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2014 CINA
L'Accademia cinese delle scienze deve obbedire al Partito. E anche i giornalisti...
di Wang Zhicheng
15/07/2006 cina
Yu Jie, scrittore che combatte per coloro che hanno paura di parlare
06/10/2005 CINA
Pechino applica le nuove leggi e chiude 3 famosi siti internet
03/04/2008 CINA
Condannato per sovversione Hu Jia, leader della dissidenza cinese
17/04/2008 CINA
Pechino nega ad Hu Jia di ricorrere per l’appello

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate