13/10/2016, 15.02
INDIA
Invia ad un amico

Per la prima volta, quattro suore di una congregazione d'origine italiana prendono i voti perpetui in Orissa

Le religiose hanno emesso la professione solenne il 7 ottobre. La loro congregazione è stata fondata nel 1889 dalla beata Maria Schininà Arezzo, una suora ragusana di nobili origini. Sono le prime suore che prendono i voti nel Paese asiatico.

Bhubaneshwar (AsiaNews) – In Orissa quattro suore del Sacro Cuore di Gesù hanno emesso la professione solenne dei loro voti religiosi. Si tratta di suor Leena Bilung, suor Cordula Bilung, suor Usha Tete e suor Rajkishori Soreng. La congregazione ha accolto con gioia le nuove consorelle, le prime in tutta la storia del loro ordine ad aver preso i voti perpetui in India. Ad AsiaNews dicono: “Preghiamo e ringraziamo Dio per questo dono”.

La cerimonia si è svolta il 7 ottobre, giorno della Madonna del Rosario, nella chiesa parrocchiale di St. Arnold a Cox Colony, nel distretto di Jharsuguda (Orissa). Mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar, ha celebrato la messa insieme ad altri tre vescovi: mons. Niranjan Sual Singh, mons. Lucas Kerketta e mons. Alphonse Bilung.

Una delle suore afferma: “La presenza dell’arcivescovo Barwa ha reso la celebrazione ancora più solenne”. Un’altra aggiunge: “Questo giorno è una pietra miliare per la storia del nostro istituto qui in India, perché è la prima volta che delle suore effettuano la loro professione perpetua”.

L’ordine religioso delle Suore del Sacro Cuore di Gesù è stato fondato nel 1889 dalla beata Maria Schininà Arezzo. La fondatrice è nata in una nobile famiglia ragusana e dopo la morte dei genitori ha deciso di cambiare il suo stile di vita in modo radicale. Ha abbandonato ricevimenti e mondanità, spogliandosi delle proprie ricchezze e dedicandosi all’aiuto di bisognosi, poveri, lebbrosi e donne madri.

Le consorelle affermano: “La beata ha incontrato Cristo nei più poveri tra i poveri, ha rinunciato alle sue ricchezze e le ha donate a loro. Ha trascorso tutta la vita a servire gli ultimi e gli abbandonati. Dal quel momento il nostro slancio ad amare e consolare il cuore di Gesù attraverso il compimento di opere di misericordia corporali e spirituali si è diffuso in otto Paesi in tutto il mondo”.

Spinte dalla carità della loro fondatrice, “che sgorga dal cuore di Gesù, la nostra Congregazione – concludono – è giunta in India con il desiderio di servire al meglio i poveri e i bisognosi”. (NC)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vijayawada: mandato missionario e voti perpetui per le suore dell’Immacolata
24/10/2016 08:14
Papa: Il Cuore trafitto di Cristo infiammi il cuore di ogni presbitero
19/06/2009
Cristiani e indù festeggiano insieme suor Lucy, sopravvissuta ai pogrom dell’Orissa
25/05/2019 11:24
Ancelle del Sacro Cuore di Gesù da 50 anni in India per servire giovani e disabili
09/10/2018 13:12
Papa: Il carisma di Francesca Cabrini è di un’attualità straordinaria
09/12/2017 12:18