03/03/2009, 00.00
MYANMAR
Invia ad un amico

Per le vittime del ciclone, la giunta birmana deve rispondere di crimini contro l’umanità

È la denuncia di una ong che accusa la giunta militare di sfruttamento del lavoro, anche minorile, confisca degli aiuti umanitari ed evizioni forzate. Il rapporto si basa su interviste a volontari e vittime del ciclone Nargis. A Laputta manca acqua potabile ed è alto il rischio di epidemie.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il governo birmano dovrebbe comparire davanti alla Corte internazionale per i diritti umani; la dittatura ha commesso abusi e crimini nei messi successivi alla tragedia di Nargis. È la dura condanna di una associazione umanitaria, che ha documentato le violazioni commesse dai militari nei confronti delle vittime del ciclone.

“L’accusa di crimini contro l’umanità è un reato grave – afferma Chris Beyre, direttore della ong americana Center for Public Health and Human Rights – ma nel contesto delle operazioni di soccorso vi sono casi documentati di sfruttamento del lavoro, confisca dei beni destinati alle vittime ed evizioni forzate, che vanno affrontati in modo serio”.

“Dopo la tempesta: Voci dal Delta” è il primo rapporto indipendente – libero dalla censura della dittatura militare birmana – che racconta i drammi delle vittime del ciclone. Esso si basa sul materiale raccolto in 90 interviste a volontari e sopravvissuti. Al suo interno vi sono esempi di ostacoli e minacce verso i volontari, casi di sparizione di aiuti umanitari che poi venivano rivenduti, l’utilizzo forzoso di manodopera per la ricostruzione, incluso lo sfruttamento del lavoro minorile.

Per 20 villaggi dell’area di Laputta, nel delta dell’Irrawaddy, vi è inoltre il rischio di mancanza di acqua potabile, a causa della contaminazione delle vasche di raccolta e delle fonti. Lo riferisce la ong Emergency Assistance Team (EAT-Burma), secondo cui molte persone sono costrette a utilizzare acqua potabile mista ad acqua di mare. Alle famiglie dei villaggi è consentita la distribuzione di due bottiglie di acqua potabile al giorno – al prezzo di mezzo dollaro l’una – e circa 4 litri di acqua non potabile per l’igiene personale e la pulizia dei vestiti. L’arrivo dell’estate e la mancanza di dissalatori potrebbero far precipitare la situazione; fra i bambini sono emersi casi di diarrea e si teme la diffusione di epidemie.

Un recente rapporto elaborato da Onu e Asean – l’associazione che unisce 10 Paesi del sud-est asiatico – stima in 700 milioni di dollari i fondi necessari, nei prossimi tre anni, per garantire l’opera di ricostruzione delle aree colpite da Nargis. Esso ha causato la morte di circa 140mila persone, ma si calcola che oltre 2,4 milioni di birmani abbiano riportato danni di varia entità e ancora oggi risentono degli effetti devastanti del ciclone.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il fallimento della comunità internazionale di fronte al dramma del popolo birmano
10/01/2009
Sacerdote indiano: il popolo birmano sacrificato sull’altare degli interessi economici
13/03/2009
Rischia due anni di carcere l’attore che aiutava le vittime del ciclone Nargis
01/08/2008
Myanmar, Laura Bush visita i profughi di Nargis e invoca sanzioni contro la giunta militare
07/08/2008
Paesi - asse del male "aprono" a Obama. Al Qaeda lo invita a convertirsi all'Islam
07/11/2008