26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/03/2009, 00.00

    MYANMAR

    Per le vittime del ciclone, la giunta birmana deve rispondere di crimini contro l’umanità



    È la denuncia di una ong che accusa la giunta militare di sfruttamento del lavoro, anche minorile, confisca degli aiuti umanitari ed evizioni forzate. Il rapporto si basa su interviste a volontari e vittime del ciclone Nargis. A Laputta manca acqua potabile ed è alto il rischio di epidemie.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il governo birmano dovrebbe comparire davanti alla Corte internazionale per i diritti umani; la dittatura ha commesso abusi e crimini nei messi successivi alla tragedia di Nargis. È la dura condanna di una associazione umanitaria, che ha documentato le violazioni commesse dai militari nei confronti delle vittime del ciclone.

    “L’accusa di crimini contro l’umanità è un reato grave – afferma Chris Beyre, direttore della ong americana Center for Public Health and Human Rights – ma nel contesto delle operazioni di soccorso vi sono casi documentati di sfruttamento del lavoro, confisca dei beni destinati alle vittime ed evizioni forzate, che vanno affrontati in modo serio”.

    “Dopo la tempesta: Voci dal Delta” è il primo rapporto indipendente – libero dalla censura della dittatura militare birmana – che racconta i drammi delle vittime del ciclone. Esso si basa sul materiale raccolto in 90 interviste a volontari e sopravvissuti. Al suo interno vi sono esempi di ostacoli e minacce verso i volontari, casi di sparizione di aiuti umanitari che poi venivano rivenduti, l’utilizzo forzoso di manodopera per la ricostruzione, incluso lo sfruttamento del lavoro minorile.

    Per 20 villaggi dell’area di Laputta, nel delta dell’Irrawaddy, vi è inoltre il rischio di mancanza di acqua potabile, a causa della contaminazione delle vasche di raccolta e delle fonti. Lo riferisce la ong Emergency Assistance Team (EAT-Burma), secondo cui molte persone sono costrette a utilizzare acqua potabile mista ad acqua di mare. Alle famiglie dei villaggi è consentita la distribuzione di due bottiglie di acqua potabile al giorno – al prezzo di mezzo dollaro l’una – e circa 4 litri di acqua non potabile per l’igiene personale e la pulizia dei vestiti. L’arrivo dell’estate e la mancanza di dissalatori potrebbero far precipitare la situazione; fra i bambini sono emersi casi di diarrea e si teme la diffusione di epidemie.

    Un recente rapporto elaborato da Onu e Asean – l’associazione che unisce 10 Paesi del sud-est asiatico – stima in 700 milioni di dollari i fondi necessari, nei prossimi tre anni, per garantire l’opera di ricostruzione delle aree colpite da Nargis. Esso ha causato la morte di circa 140mila persone, ma si calcola che oltre 2,4 milioni di birmani abbiano riportato danni di varia entità e ancora oggi risentono degli effetti devastanti del ciclone.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2008 MYANMAR – STATI UNITI
    Myanmar, Laura Bush visita i profughi di Nargis e invoca sanzioni contro la giunta militare
    Domani il Paese ricorda la strage dell’agosto 1988, quando la giunta militare massacrò 3mila persone che chiedevano democrazia e diritti umani. La first lady Usa invita diversi Paesi, fra cui la Cina, ad appoggiare gli Stati Uniti nelle sanzioni contro la dittatura al potere.

    01/08/2008 MYANMAR
    Rischia due anni di carcere l’attore che aiutava le vittime del ciclone Nargis
    Zarganar è stato incriminato con l’accusa di “turbamento dell’ordine pubblico”, un capo di imputazione che prevede fino a due anni di galera. L’inizio del processo previsto per il prossimo 7 agosto; con il comico alla sbarra anche tre attivisti per i diritti umani.

    10/01/2009 MYANMAR
    Il fallimento della comunità internazionale di fronte al dramma del popolo birmano
    Pascal Khoo Thwe, dissidente birmano, traccia il bilancio di un 2008 tragico: Nargis e la dittatura militare hanno ridotto allo stremo la popolazione. La giunta ha lasciato morire in maniera deliberata le persone per confiscarne i terreni. Egli ribadisce che la lotta per la democrazia deve partire dalla gente.

    07/11/2008 ASIA – STATI UNITI
    Paesi - asse del male "aprono" a Obama. Al Qaeda lo invita a convertirsi all'Islam
    Ahmadinejad fa gli auguri al neo-presidente Usa e chiede cambiamenti “fondamentali e doverosi” in materia di politica estera. La Corea del Nord si dice pronta “al dialogo” e invita Obama a “fare tesoro degli errori” commessi dai precedenti governi. Nessun commento ufficiale dal Myanmar.

    13/03/2009 INDIA – MYANMAR
    Sacerdote indiano: il popolo birmano sacrificato sull’altare degli interessi economici
    Il “silenzio” della comunità internazionale e dell’India, che liquida “i diritti umani” come una “questione interna” e fa affari con la dittatura. Oggi in Myanmar si celebra la giornata per i diritti umani, ma la democrazia resta ancora “un obiettivo di lungo periodo”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®