28 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/03/2009
MYANMAR
Per le vittime del ciclone, la giunta birmana deve rispondere di crimini contro l’umanità
È la denuncia di una ong che accusa la giunta militare di sfruttamento del lavoro, anche minorile, confisca degli aiuti umanitari ed evizioni forzate. Il rapporto si basa su interviste a volontari e vittime del ciclone Nargis. A Laputta manca acqua potabile ed è alto il rischio di epidemie.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il governo birmano dovrebbe comparire davanti alla Corte internazionale per i diritti umani; la dittatura ha commesso abusi e crimini nei messi successivi alla tragedia di Nargis. È la dura condanna di una associazione umanitaria, che ha documentato le violazioni commesse dai militari nei confronti delle vittime del ciclone.

“L’accusa di crimini contro l’umanità è un reato grave – afferma Chris Beyre, direttore della ong americana Center for Public Health and Human Rights – ma nel contesto delle operazioni di soccorso vi sono casi documentati di sfruttamento del lavoro, confisca dei beni destinati alle vittime ed evizioni forzate, che vanno affrontati in modo serio”.

“Dopo la tempesta: Voci dal Delta” è il primo rapporto indipendente – libero dalla censura della dittatura militare birmana – che racconta i drammi delle vittime del ciclone. Esso si basa sul materiale raccolto in 90 interviste a volontari e sopravvissuti. Al suo interno vi sono esempi di ostacoli e minacce verso i volontari, casi di sparizione di aiuti umanitari che poi venivano rivenduti, l’utilizzo forzoso di manodopera per la ricostruzione, incluso lo sfruttamento del lavoro minorile.

Per 20 villaggi dell’area di Laputta, nel delta dell’Irrawaddy, vi è inoltre il rischio di mancanza di acqua potabile, a causa della contaminazione delle vasche di raccolta e delle fonti. Lo riferisce la ong Emergency Assistance Team (EAT-Burma), secondo cui molte persone sono costrette a utilizzare acqua potabile mista ad acqua di mare. Alle famiglie dei villaggi è consentita la distribuzione di due bottiglie di acqua potabile al giorno – al prezzo di mezzo dollaro l’una – e circa 4 litri di acqua non potabile per l’igiene personale e la pulizia dei vestiti. L’arrivo dell’estate e la mancanza di dissalatori potrebbero far precipitare la situazione; fra i bambini sono emersi casi di diarrea e si teme la diffusione di epidemie.

Un recente rapporto elaborato da Onu e Asean – l’associazione che unisce 10 Paesi del sud-est asiatico – stima in 700 milioni di dollari i fondi necessari, nei prossimi tre anni, per garantire l’opera di ricostruzione delle aree colpite da Nargis. Esso ha causato la morte di circa 140mila persone, ma si calcola che oltre 2,4 milioni di birmani abbiano riportato danni di varia entità e ancora oggi risentono degli effetti devastanti del ciclone.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/08/2008 MYANMAR – STATI UNITI
Myanmar, Laura Bush visita i profughi di Nargis e invoca sanzioni contro la giunta militare
01/08/2008 MYANMAR
Rischia due anni di carcere l’attore che aiutava le vittime del ciclone Nargis
10/01/2009 MYANMAR
Il fallimento della comunità internazionale di fronte al dramma del popolo birmano
07/11/2008 ASIA – STATI UNITI
Paesi - asse del male "aprono" a Obama. Al Qaeda lo invita a convertirsi all'Islam
13/03/2009 INDIA – MYANMAR
Sacerdote indiano: il popolo birmano sacrificato sull’altare degli interessi economici
di Nirmala Carvalho

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate