29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/05/2014, 00.00

    EGITTO

    Portavoce Chiesa cattolica: "La vittoria di Al-Sisi, una rivolta civile contro l'estremismo islamico"



    Ad AsiaNews p. Rafic Greiche commenta i risultati elettorali: "Tanta disinformazione, nei giorni scorsi, persino sull'affluenza al voto che invece è stata alta. Il nuovo presidente è stato fino a oggi un uomo di parola, speriamo vada avanti così. Ripresa economica e stabilità sono gli obiettivi comuni. E i Fratelli musulmani imparino da quanto è accaduto, ripudiando la violenza".

    Il Cairo (AsiaNews) - La vittoria alle elezioni presidenziali dell'ex generale Abdel Fattah Al-Sisi "ci rende felici, perché fino a oggi è stato un uomo di parola. Sa che i cristiani sono una parte importante dell'Egitto e vuole difendere la convivenza religiosa. Se riuscirà a garantire sicurezza e ripresa economica, sarà un enorme risultato. Noi speriamo che questo avvenga il prima possibile". A parlare con AsiaNews è p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, nel giorno in cui il nuovo presidente del Paese viene eletto con un plebiscito di fatto.

    Come prima cosa, p. Greiche vuole sottolineare che "le notizie circolate nei giorni scorsi sulla scarsissima affluenza elettorali non sono corrette. Già il secondo giorno di voto [martedì 27 maggio ndr] i votanti erano stati 23 milioni. Credo che il prolungamento delle operazioni di voto sia stato deciso per dare modo al maggior numero possibile di persone di esprimere il proprio voto. Ma anche la storia dei 'seggi vuoti' non è vera: il fatto è che la Commissione elettorale ha disposto un numero enorme di stazioni di voto per evitare rischi nello spostamento, e questo ha per forza di cose prodotto alcuni seggi vuoti".

    Da questo punto di vista, è importante anche sottolineare l'atteggiamento delle varie comunità egiziane: "I salafiti, ad esempio, hanno detto che sarebbero andati a votare e che avrebbero sostenuto Al-Sisi. Ma guardando i dati, si vede come nelle zone a maggioranza salafita non si sono registrati votanti. Certo, i leader si sono fatti fotografare alle urne; ma poi la loro gente non ha fatto il loro dovere". I cristiani, cattolici e copti, hanno invece votato: "Ho detto ai miei parrocchiani che volevo vederli con il dito macchiato [indice del voto nel Paese ndr], perché è sempre importante far sentire la propria voce".

    Secondo p. Greiche queste elezioni hanno avuto anche un altro, importantissimo risvolto: "I numeri e le preferenze a favore di Al-Sisi sono un grido chiaro, da parte della politica e della società civile egiziana, contro il fondamentalismo islamico che sta inquinando i Fratelli musulmani. Loro hanno scelto di boicottare il voto, ma non possono ignorare che il Paese intero è nauseato dalle violenze degli ultimi tempi. Speriamo che colgano presto questo segnale".

    La speranza e l'auspicio, ora, riguardano il futuro di un Egitto da troppo tempo nella morsa degli sconvolgimenti politici: "Stabilità e sicurezza per tutte le comunità e ripresa economica. Questi sono gli obiettivi fondamentali, il lavoro che deve accomunarci tutti. Soltanto in questo modo potremo uscire dal pantano e ritornare ai fasti del passato, che devono essere speranza per il futuro". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/05/2014 EGITTO
    Egitto, chiuso il voto presidenziale: Al-Sisi verso la vittoria
    L'ex capo delle Forze armate in netto vantaggio a circa metà dello scrutinio rispetto al suo avversario, il dissidente di sinistra Hamdeen Sabahi. Dubbi sull'affluenza al voto: nonostante il giorno in più deciso dalla Commissione elettorale, avrebbe votato meno della metà degli aventi diritto. Attivista ad AsiaNews: "La colpa è del clima anti-democratico che si respira, non dei candidati".

    17/07/2013 EGITTO
    Al Cairo giura il nuovo governo, nelle strade continuano gli scontri
    Fra i 33 ministri ad interim ci sono 3 donne, 3 cristiani e una star del calcio. Il generale al-Sisi tiene la Difesa e diventa vice premier. Gli islamisti si sfilano e chiedono il ritorno di Morsi, mentre nella notte gli scontri producono 2 nuove vittime e più di 400 arresti.

    28/01/2014 EGITTO
    Egitto, Al-Sisi scende in campo. Ucciso principale esponente del ministero degli Interni
    Il gen. Mohamed Said, capo dell'ufficio tecnico del ministero, è stato ucciso questa mattina a colpi di pistola davanti alla sua abitazione. L'omicidio è avvenuto poche ore prima del processo contro l'ex presidente e leader islamista Mohamed Morsi, in corso al Cairo. Ieri il Consiglio dell'esercito ha dato il via libera al gen. al-Sisi, ministro della Difesa, per una sua candidatura come futuro presidente.

    27/01/2014 EGITTO
    Egitto, elezioni presidenziali entro aprile. Attesa la discesa in campo di al-Sisi
    La decisione è stata annunciata ieri dal presidente ad interim Adly Mansour. Il decreto presidenziale modifica l'agenda stilata dalle forze politiche dopo la caduta di Mohammed Morsi, che fissava prima le elezioni parlamentari e poi quelle per il capo di Stato. Per i critici la mossa favorisce la discesa in campo del gen. al-Sisi e la formazione di un governo a lui fedele.

    26/05/2014 EGITTO
    Egitto, al via le elezioni presidenziali: Al-Sisi verso la vittoria
    Le urne resteranno aperte per 48 ore, i risultati sono attesi per la fine di maggio. Analisti ed esperti danno per scontata la proclamazione dell'ex militare, capo delle Forze armate, che ha promesso di "sradicare" il terrorismo islamico dal Paese. Timori per una nuova virata autoritaria.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®