18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/01/2018, 13.43

    PAKISTAN – CINA – INDIA

    Porto di Gwadar, apre la zona di libero scambio nella ‘Via della seta cinese’. Il disappunto di Delhi



    Lo scalo pakistano è il progetto di punta del China-Pakistan Economic Corridor, del valore di oltre 50 miliardi di dollari. In piena operatività, la zona attrarrà investimenti diretti per 790,5 milioni. Le autorità indiane si oppongono al passaggio del corridoio sul territorio conteso del Kashmir.

    Gwadar (AsiaNews) – Il primo ministro pakistano Shahid Khaqan Abbasi ha inaugurato ieri  la prima fase della zona di libero scambio del porto di Gwadar, nella provincia meridionale del Balochistan. Esso diviene il primo tassello dello sviluppo dell’area costiera, considerata “testa di ponte” della “Nuova Via della seta” cinese. Dal porto transiteranno le merci cinesi dirette verso Europa e Africa. Accanto al plauso di Pechino, ieri si sono alzate anche le critiche dell’India. Le autorità di Delhi si oppongono alle mire espansionistiche della Cina e al Corridoio economico sino-pakistano (Cpec, China-Pakistan Economic Corridor), di cui fa parte il porto, che passerà per il territorio conteso del Kashmir.

    Ieri rappresentanti cinesi e pakistani hanno firmato cinque accordi e un memorandum d’intesa. Gli accordi istituiscono le città di Piung (Cina) e Gwadar come “città sorelle” e gli scali di Gwadar e Tianjin come “porti sorelle”; poi creano sodalizi tra il governo distrettuale di Gwadar e la China Overseas Ports Holding Company (Cophc), compagnia che gestisce il porto pakistano.

    Il porto di Gwadar è stato scelto per la sua posizione strategica. La città è chiamata la “porta del vento”, a metà strada tra Medio oriente, Asia centrale e Asia del sud. Il piano comprende il primo porto d’acqua profonda del Paese, la zona di libero scambio e 50 chilometri di spazio destinati alle banchine. Esso assicura alla Cina un accesso diretto sul mar Arabico.

    Secondo Zhang Baozhong, presidente della Cophc, “con la costruzione della zona di libero scambio, il porto diventerà il maggiore snodo commerciale della regione e migliorerà l’intera economia pakistana e la vita delle persone”. Per ora, ha aggiunto Baozhong, almeno 30 aziende tra banche, hotel e della pesca sono entrate nel commercio della zona con investimenti diretti di 473,3 milioni di dollari. Quando l’area diventerà del tutto operativa, ha aggiunto, il volume annuale [di investimenti] sarà di 790,5 milioni.

    Dal canto suo, Abbasi ha detto che “il Cpec oggi è diventato realtà e cambierà il destino della regione”. Il corridoio economico, del valore di oltre 50 miliardi di dollari e con una lunghezza di circa 1400 km, è il progetto di punta della strategia “One belt, One road”, con cui Pechino ha coinvolto 65 Paesi al mondo. Collegherà le città di Kashgar (nel Xinjiang cinese) e Gwadar, sulla costa sud-occidentale del Pakistan, attraverso una rete di strade, ferrovie, oleodotti, gasdotti e cavi della fibra ottica. “Il progetto – ha assicurato il premier – porterà prosperità non solo al Pakistan, ma anche agli Stati dell’Asia centrale, alla Cina occidentale e all’Afghanistan”.

    La sigla degli accordi ha scatenato le immediate reazioni dell’India. Gautam Bambawale, ambasciatore di Delhi a Pechino, ha rilasciato un’intervista al Global Times, organo ufficiale del Partito comunista cinese, in cui afferma: “Il China-Pakistan Economic Corridor passa attraverso il territorio reclamato dall’India e perciò viola la nostra integrità territoriale. Questo è un grande problema per noi. Dobbiamo discuterne, non nasconderlo sotto il tappeto”. Hua Chunying, portavoce del Ministero cinese degli esteri, ha replicato: “Il Cpec è solo un accordo di cooperazione economica. Non vuole colpire nessun Paese terzo. Speriamo che la controparte indiana possa comprendere questa prospettiva e siamo pronti a rafforzare la collaborazione [con Delhi]”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/10/2017 12:07:00 PAKISTAN – CINA
    Il porto di Gwadar sarà la ‘testa di ponte’ della nuova Via della Seta cinese

    Lo scalo fa parte del China-Pakistan Economic Corridor, uno dei progetti di punta dell’iniziativa “One Belt, One Road”. Oltre al porto, sono in fase di costruzione un aeroporto internazionale, scuole, impianti elettrici, una tangenziale. Lavoratori locali temono la concorrenza dei cinesi.



    28/09/2016 08:06:00 GEORGIA – CINA
    Il libero commercio fra Georgia e Cina modificherà gli assetti dell’Asia centrale

    I due governi hanno firmato in tempi record un accordo che elimina di fatto dazi e tariffe doganali sull’import-export e si preparano, sempre in brevissimo tempo, a metterlo in pratica. Grandi vantaggi per il piccolo mercato delle esportazioni georgiane, in modo particolare per i vinicoltori, e pochi rischi di “invasione” da parte delle merci cinesi. Pechino punta infatti a ottenere il sostegno della Georgia per evitare la Russia nelle rotte della Nuova Via della Seta. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.



    17/12/2010 PAKISTAN - CINA - INDIA
    Dopo l’India, Wen in visita in Pakistan
    Il premier cinese vola diretto da New Delhi in Pakistan. Attesi importanti accordi economici, ma si discuterà soprattutto di energia nucleare, trasporti e servizi finanziari. In India tanti accordi economici ma scarse iniziative in altri settori.

    03/01/2018 11:02:00 CINA – PAKISTAN
    Al via l’uso dello yuan per gli scambi commerciali tra Cina e Pakistan

    Nel 2017 Islamabad ha esportato beni e servizi per un valore di oltre 1,3 miliardi di euro; le importazioni dalla Cina pari a quasi 8,8 miliardi di euro. La moneta cinese avrà lo stesso valore legale di dollaro, euro e yen.



    20/11/2017 15:30:00 PAKISTAN-CINA
    Il Pakistan costruirà la diga senza Pechino. Scricchiola la Belt and Road Initiative

    È il secondo Paese in pochi giorni ad annullare un accordo. Pechino ha bisogno di garanzie dagli Stati, ma rifiuta gare pubbliche. Preoccupazioni sulla qualità della strumentazione cinese utilizzata. L'impiego di lavoratori cinesi azzera l'uso di lavoratori locali e fa perdere valore politico ai progetti.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®