30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/02/2011, 00.00

    COREA DEL NORD

    Prime proteste pubbliche contro il regime dei Kim

    Joseph Yun Li-sun

    Per la prima volta in assoluto, alcuni sparuti gruppi di nordcoreani hanno manifestato in pubblico contro il governo stalinista di Pyongyang. E, sempre per la prima volta, non ci sono stati delatori contro i manifestanti: la paura del “terzo Kim” è più forte di tutto.

    Seoul (AsiaNews) – L’ondata di dimostrazioni contro i regimi di tutto il mondo, partita dal Medio Oriente, sembra essere arrivata persino in Corea del Nord: secondo alcune fonti, infatti, per la prima volta nella storia del regime stalinista, alcuni gruppi di cittadini hanno protestato apertamente in tre città per chiedere cibo ed elettricità. Un evento unico, che conferma le severe difficoltà economiche e alimentari cui è sottoposta la popolazione del regime comunista.

    Secondo le ricostruzioni del quotidiano sudcoreano Chosun Ilbo, che cita una fonte nordcoreana, le dimostrazioni hanno avuto luogo il 14 febbraio (due giorni prima del compleanno del leader Kim Jong-il) nelle città di Jongju, Yongchon e Sonchon. Si tratta di insediamenti nella provincia di Pyongan del nord, non lontane dal confine occidentale con la Cina.

    Il Dipartimento di sicurezza statale (potentissimo organo di controllo interno alle dipendenze dirette del dittatore Kim Jong-il) ha ordinato un’inchiesta sull’incidente ma non è riuscito a identificare i manifestanti. Secondo la  fonte, “nel passato quando avvenivano queste cose erano i vicini di casa o gli amici a denunciare chi protestava. Oggi invece si difendono l’un l’altro”.

    Fonti di AsiaNews in Corea spiegano che questo cambiamento di mentalità “nasce da fattori diversi. Da una parte c’è sicuramente il peggioramento delle condizioni economiche della nazione, che non riesce più a garantire il fabbisogno alimentare della maggioranza della popolazione; dall’altra c’è il cambiamento al vertice, con la successione al ‘trono’ di Pyongyang di Kim Jong-un, delfino ed erede designato del padre”.

    Il giovane Kim, continua la fonte, “è temutissimo dalla popolazione, che lo considera un folle sanguinario. Quasi tutti attribuiscono a lui gli attacchi militari lanciato prima contro la corvetta sudcoreana Cheonan e poi contro un’isola sotto il controllo di Seoul: attacchi che hanno provocato un sensibile restringimento dell’invio di aiuti umanitari dal Sud e peggiorato di molto il livello di vita. I nordcoreani sono pronti a tutti per bloccare la successione”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/02/2011 COREA
    Sinuiju: centinaia di nord-coreani contro la polizia, morti e feriti
    Le violenze sono avvenute il 18 febbraio, ma la notizia è trapelata solo ieri. A causare gli scontri l’intervento dei militari per sedare una protesta. Il regime mantiene uno stretto controllo e blocca le comunicazioni con l’esterno. La censura impedisce il dilagare della protesta, come sta avvenendo in Nord Africa e nei Paesi arabi.

    26/05/2011 CINA – COREA DEL NORD
    Kim Jong-il lascia la Cina con l’ultima elemosina di Hu Jintao
    Il “Caro Leader” riparte da Pechino dopo aver incontrato il presidente cinese per implorare una ripresa degli aiuti economici alla Corea del Nord. Fonti di AsiaNews spiegano: “Hu Jintao si è stancato dell’atteggiamento di Pyongyang: o liberalizza il mercato, sullo stile cinese, o affonda da sola”. Ecco perché Kim Jong-il si è fermato a Yangzhou, dove vive l’ex presidente Jiang Zemin”.

    28/02/2011 COREA – USA
    Pyongyang: “Guerra totale contro le esercitazioni fra Sud e Usa”
    Seoul inizia oggi una serie di manovre militari di prova insieme agli Stati Uniti. Il regime stalinista del Nord risponde con un bollettino minaccioso: “La capitale del Sud diverrà un mare di fiamme”.

    28/02/2005 COREA DEL SUD-COREA DEL NORD
    Seoul invia cibo a Pyongyang, fra le proteste dei suoi abitanti

    La Corea del Sud viene duramente contestata dai suoi cittadini, Washington e Tokyo, per il suo atteggiamento nei confronti del regime di Kim Jong Il.



    24/05/2011 COREA DEL NORD
    Nel regime dei Kim “vivono ancora dei cristiani. E sono stimati”
    Pastore protestante sudcoreano: “In Corea del Nord ci sono ancora circa 40mila cristiani: torturati e chiusi nei campi di lavoro, ma un esempio per tutti”. La Chiesa cattolica non conferma queste cifre ma loda l’atteggiamento di chi riesce a fuggire, “missionario di speranza per tutti noi”.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®