17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/09/2010, 00.00

    INDIA

    Proposta “brucia il Corano”: incendiate una chiesa e una scuola cristiana nel Punjab

    Nirmala Carvalho

    Continuano in India le proteste per l’offesa al Corano. In zone a maggioranza islamica, una folla furente assalta e brucia una chiesa e una scuola. La condanna da parte di cristiani. Almeno 11 morti in proteste politiche tra manifestanti e polizia, imposto il coprifuoco.

    New Delhi (AsiaNews) – Estremisti islamici hanno incendiato una chiesa e una scuola cristiane nel Punjab, in reazione alla proposta del pastore Terry Jones di commemorare l’11 settembre bruciando ognuno un Corano, proposta poi ritirata dal suo stesso ideatore ma che ha causato grandi proteste tra i musulmani ed episodi di violenza anticristiana. 

    Questa mattina a Tangmarg, vicino Gulmarg, è stata incendiata la scuola della Christian Society Mission. La notizia di un possibile assalto si era già diffusa dalle prime ore, ma le autorità non hanno preso contromisure. Anzi, una folla ha poi impedito ai vigili del fuoco di raggiungere l’edificio di legno, che è stato del tutto distrutto dal fuoco. Non ci sono feriti tra gli studenti. I dimostranti hanno anche assalito un ufficio del governo e ci sono scontri con la polizia con almeno 7 morti, compreso un poliziotto. Altre 4 persone erano morte in precedenza in altre proteste.

    Mons. Peter Celestine, vescovo di Jammu-Srinagar, spiega ad AsiaNews che “questo incendio è conseguenza sia delle voci [sulla proposta di bruciare il Corano] sia della situazione politica. Sin da ieri notte centinaia di persone si sono raccolte nelle strade intorno la scuola, l’hanno invasa e incendiata. E’ stato imposto il coprifuoco”. Nello Stato è forte la protesta islamica antigovernativa e negli ultimi 3 mesi la polizia ha ucciso almeno 70 dimostranti. La vicenda "Brucia-il-Corano" è diventata anche pretesto per agitare i sentimenti antigovernativi.

    “La proposta di bruciare il Corano, anche se poi rinunciata, ha causato una situazione molto tesa, ci sono paura e timore. I cristiani sono solo lo 0,0014% della popolazione. Finora abbiamo avuto rapporti cordiali coi nostri fratelli islamici e con le autorità, ma quell’iniziativa ha causato preoccupazione”.

    Sempre in Punjab, ieri notte una folla infuriata ha assalito e incendiato una chiesa e diversi veicoli in sosta nella zona Loha Bazar nella città di Malerkotla, distretto di Sangrur, zona a maggioranza islamica, sempre in reazione alla proposta del pastore Jones. Nella città c’è ora il coprifuoco dalle ore 18, per timore di altre violenze.

    Ferma condanna per tale rogo è stata espressa dal Consiglio Globale dei Cristiani Indiani (Gcic), come spiega il suo presidente Sajan K. George. “Ora – si legge nel messaggio – chiediamo che i leader mondiali e i media dimostrino la stessa aperta condanna di quando azioni radicali su scala uguale o maggiore sono commesse contro cristiani. Chiediamo che il ministro federale dell’Interno e i governi mostrino la loro grande generosità contro questa violenza immotivata contro i cristiani del Punjab”.

    “Abbiamo sentito brutte voci che a Malerkotla si è rotto la decennale armonia… Vorrei che questo fosse un incidente isolato, senza altri incendi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2010 INDIA
    I frutti di “Brucia il Corano”: scuola cattolica bruciata, due scuole protestanti nel mirino
    Colpita la Good Shepherd School di Pulwama; attacco contro la Christ School e la Christ Mohalla School a Pooch Jammu. La scuola cattolica era già stata colpita nel 2003. Leader autonomista del Kashmir difende i cristiani, ma nella zona cresce il fondamentalismo. Il fondatore della Good Shepherd, p. Jim Borst ha ricevuto un ordine di espulsione. Continua il coprifuoco nella regione. Tutti i voli da e per Srinagar sono sospesi per tre giorni.

    16/09/2010 INDIA
    Leader islamici indiani condannano l’attacco ai cristiani nel Kashmir e Punjab
    Le violenze contro fedeli o la denigrazione di luoghi di culto sono gesti “deprecabili e incivili”. Essi chiedono azioni legali contro i colpevoli e invitano i musulmani a manifestare il dissenso in modo “pacifico”. AICC condanna la campagna “Brucia il Corano”. Sacerdote indiano: i media devono astenersi dal dare spazio a gente malata.

    15/09/2010 ISLAM - INDIA
    Kashmir: parla il direttore della scuola cristiana bruciata
    La scuola serviva 500 giovani tutti musulmani. Il danno maggiore è fatto alla stessa comunità islamica. La scuola appartiene alla Chiesa del North India che lavora in Kashmir da 150 anni. La folla inferocita ha bruciato anche copie del Corano presenti nella biblioteca dell’edificio.

    16/09/2010 ISLAM - INDIA
    Kashmir: musulmani tentano di bruciare una scuola cristiana (solo di nome)
    È la St Francis School, proprietà di musulmani, che usano il nome cristiano per attirare più studenti. Quattro morti e 19 feriti a Mendhar, mentre si diffondono le proteste nel Kashmir. L’influenza di gruppi fondamentalisti sulla folla, trascinata dai villaggi a manifestare. Il missionario p. Jim Borst vigilato dalla polizia.

    07/09/2010 AFGHANISTAN
    Petraeus: “Il rogo del Corano è inutile e pericoloso”
    In una mossa inusuale per un militare, il generale a capo delle operazioni americane in Afghanistan esprime preoccupazione per la proposta – avanzata da un pastore evangelico Usa – di bruciare il Corano per commemorare l’11/9.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®