18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2016, 15.06

    PAKISTAN

    Punjab, alcol tossico a Natale. Commissione Giustizia e pace prega per le 43 vittime

    Shafique Khokhar

    I morti, in maggioranza cristiani, avevano consumato alcol fatto in casa. In Pakistan il consumo di bevande alcoliche è proibito ai fedeli musulmani. Gli unici esenti dal divieto sono le minoranze e i turisti. Stretti controlli e povertà fanno proliferare le soluzioni “fai-da-te”, che spesso contengono metanolo.

    Toba Tek Singh (AsiaNews) – La Commissione nazionale Giustizia e pace del Pakistan (Ncjp) ha espresso profondo dolore per le 43 persone decedute, in maggioranza cristiani, dopo aver consumato alcol tossico artigianale ad una festa di Natale. L’incidente è avvenuto nel Punjab, nel distretto di Toba Tek Singh. Oltre alle persone morte per avvelenamento, almeno altre 120 sono ricoverate in condizioni critiche in vari ospedali della provincia.

    Mons. Joseph Arshad, presidente della Ncjp e vescovo di Faisalabad, ha visitato i parenti delle vittime e ha portato loro le condoglianze dell’intera comunità cristiana. “Questo tragico evento – ha detto – ha trasformato la gioiosa festività del Natale in un lutto, con molte vite appese ad un filo e in gravi condizioni”. Il vescovo si è recato nell’ospedale della sua città e ha pregato per un veloce recupero dei malati e per le anime dei defunti e le loro famiglie. “La vita è incerta – ha aggiunto – ma tale morte prematura e atroce è difficile da affrontare. Possa Dio concedervi la forza per superare questa terribile perdita”. Mons. Arshad, a nome della Commissione che presiede e insieme a p. Emmanuel Yousaf e Cecil Chaudhry – rispettivamente direttore nazionale e direttore esecutivo della Ncjp – ha chiesto che “la magistratura conduca un’inchiesta, per assicurare i colpevoli alla giustizia” e che le autorità “diano risarcimenti alle famiglie delle vittime”.

    I deceduti appartenevano in prevalenza alla comunità cristiana, e tra di loro ci sarebbero anche coloro che hanno procurato l’alcol tossico. In Pakistan, Paese a maggioranza islamica, per i fedeli musulmani il consumo di bevande alcoliche è proibito dal 1977. Gli unici esenti dal divieto sono le minoranze e i turisti, che possono acquistare liquori, vino e birra solo in negozi autorizzati e con un permesso.

    Data l’estrema povertà della popolazione e i controlli serrati, spesso le bevande vengono prodotte in casa in maniera artigianale e possono contenere sostanze nocive come il metanolo, utilizzato come antigelo e carburante.

    Aneel Thomas, attivista cristiano, riferisce che la “maggior parte dei cristiani non ha risorse a sufficienza per acquistare liquori di buona qualità, testati e approvati dalle autorità. Il risultato è che essi preferiscono una via alterativa per il consumo degli alcolici e ingeriscono bevande approvate per scopi medici, che provocano effetti dannosi sulla salute, e in diversi casi anche la morte”. “Chiediamo – conclude – che in Pakistan sia abolito il commercio di alcolici al di sotto degli standard [di sicurezza]”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/09/2017 12:15:00 PAKISTAN
    Il padre dello studente cristiano ucciso: L’uniforme della scuola è diventata il suo sudario

    Sharoon Masih è stato ucciso il terzo giorno di lezione dai suoi compagni di scuola. Giustizia e pace sostiene che il suo omicidio è colpa delle autorità della scuola. La morte “non una disputa tra adolescenti, ma causata da intolleranza, discriminazione e comportamento disumano”.



    15/02/2017 11:19:00 PAKISTAN
    Commissione Giustizia e pace: Dura condanna per l’attentato di Lahore

    I vertici della Commissione hanno firmato una dichiarazione congiunta. L’attacco suicida è costato la vita a 13 persone, tra cui due poliziotti. Veglia di preghiera e fiaccolata nella cattedrale. Il governo applichi il National Action Plan contro il terrorismo e fornisca alle forze di sicurezza un equipaggiamento adeguato.



    07/09/2016 09:04:00 PAKISTAN
    Commissione Giustizia e pace: Madre Teresa, un testamento per tutta l’umanità

    Profonda gioia per la canonizzazione avvenuta in Vaticano il 4 settembre. Mons. Arshad: “La Madre ha mostrato che servire gli altri prima di se stessi sconfiggerà il male attuale”. Sacerdote e attivista ricorda il messaggio della santa: l’amore, un “linguaggio che tutti capiscono”.



    29/03/2016 15:32:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace: Il governo affronti il fondamentalismo una volta per tutte

    La Commissione episcopale: “Uccidere in nome della religione è inaccettabile, tanto più se a morire sono degli innocenti. Le risposte militari però non bastano: serve una campagna ad ampio raggio che individui e sradichi le radici del fondamentalismo violento”.



    24/08/2017 12:46:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace: Indrias Masih ‘lasciato morire’ dai carcerieri perché cristiano

    Il detenuto è morto per “la negligenza e l’insensibilità” della polizia e delle autorità nella prigione di Lahore. Era agli arresti per il presunto linciaggio di due sospetti terroristi. Poteva aver salva la vita abiurando, ma non ha rinnegato il cristianesimo.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®