20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/06/2017, 15.22

    COREA DEL NORD - USA

    Pyongyang: Otto Warmbier rilasciato ‘per motivi umanitari’



    Lo studente in coma da marzo 2016, dopo essersi ammalato di botulismo. Il ragazzo consegnato agli Usa sulla base di un’ordinanza disposta dalla Corte centrale. La famiglia:  “terrorizzato e brutalizzato dal regime di Kim Jong-Un”. Il rilascio avvenuto dopo una serie di frenetici contatti diplomatici segreti.

    Seoul (AsiaNews) – La Corea del Nord ha rilasciato lo studente americano Otto Warmbier “per motivi umanitari”. A riferirlo sono i media statali, due giorni dopo che il giovane, caduto in coma durante la prigionia in un campo di lavoro, è stato allontanato da Pyongyang. La Central Korean News Agency, agenzia di stampa del regime, ha rilasciato un comunicato su internet:  “Otto Frederick Warmbier, che era ai lavori forzati, è stato rimandato a casa il 13 giugno 2017 per ragioni umanitarie, sulla base di un’ordinanza disposta lo stesso giorno dalla Corte centrale della Rpdc”.

    Lo studente 22enne di Cincinnati ha trascorso più di un anno in Corea del Nord in stato di detenzione. Warmbier era stato arrestato per aver rubato un manifesto politico da un hotel e in seguito condannato a 15 anni di lavori forzati. La famiglia riferisce che il ragazzo è stato “terrorizzato e brutalizzato” dal regime di Kim Jong-Un. I genitori di Warmbier, Fred e Cindy, hanno dichiarato che il figlio era in coma da marzo 2016, con buona probabilità dopo essersi ammalato di botulismo per l’assunzione di una pillola per il sonno. Il New York Times, citando un alto funzionario americano, rivela che di recente le autorità hanno ricevuto informazioni su ripetuti pestaggi ai danni dello studente durante la prigionia.

    Il rilascio di Warmbier è avvenuto dopo una serie di frenetici contatti diplomatici segreti tra Washington e Pyongyang, culminata nel viaggio in Corea di Joseph Yun. L’inviato speciale per la Corea del Nord del Dipartimento di Stato americano, si è recato di persona nella capitale nordcoreana per assicurare la liberazione del giovane.

    Il Nord ha più volte imprigionato cittadini americani, liberandoli solo dopo le visite di figure politiche statunitensi di alto profilo, tra cui l'ex presidente Bill Clinton. Washington accusa Pyongyang di utilizzare tali detenuti come pedine politiche. La Corea del Nord accusa gli Usa e la Corea del Sud di inviare spie per rovesciare il suo governo. Altri tre cittadini Usa rimangono ancora nelle prigioni di Pyongyang: Kim Dong-chul, 62 anni, condannato a 10 anni di lavori forzati; Kim Sang-duk, detenuto dallo scorso aprile; Kim Hak-song, arrestato nel maggio scorso. Se il canale diplomatico che ha portato alla liberazione di Warmbier porterà a colloqui più ampi con la Corea del Nord, può dipendere dalla condizione di Warmbier. I funzionari della Casa bianca si sono tuttavia rifiutati di commentare le implicazioni geopolitiche del suo caso.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2017 08:38:00 COREA DEL NORD-USA
    Liberato Otto Warmbier, studente Usa imprigionato a Pyongyang

    Il giovane, condannato a 15 anni di lavori forzati nel marzo 2016, sembra essere in coma. Cittadini Usa e della Corea del Sud usati come merce di scambio nei rapporti diplomatici. Tre statunitensi e sei coreani ancora in prigione nel Nord. Fra loro alcuni missionari protestanti, accusati di spionaggio o tradimento. Il Sud spinge per la riapertura del dialogo.



    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.



    07/08/2017 09:00:00 COREA
    Manila, i ministri degli esteri di Sudcorea, Usa e Giappone valutano la posizione di Pyongyang

    La proposta di mediazione del presidente sudcoreano Moon Jae-in è sostenuta dalla Cina e in parte dagli Usa. Prima stretta di mano fra i ministri degli esteri del Nord e del Sud nell'epoca Moon. La risoluzione Onu dà fiato alle diplomazie nel tentativo di scongiurare la guerra. Moon e Trump a colloquio telefonico.



    05/07/2017 11:41:00 COREA-ONU
    Dubbi sulla potenza dei missili di Pyongyang. Moon deciso a seguire la strada delle sanzioni e del dialogo

    La retorica di Kim Jong-un: Il missile, “un dono per i bastardi americani”, nel giorno della festa d’indipendenza. “Ora possiamo colpire tutto il mondo”. Ma forse il missile si è disintegrato in aria, rientrando nell’atmosfera. Dubbi sulla capacità di miniaturizzare le testate nucleare da inserire nel cono del missile. Al Consiglio di sicurezza Onu, gli Usa chiederanno ulteriori sanzioni. Seoul ribadisce l’importanza della strada del dialogo.  Antonio Guterres: Mantenere unita la comunità internazionale.



    16/08/2017 10:06:00 COREA-USA
    Discorsi più pacifici fra Pyongyang e Washington

    Kim Jong-un ha messo in pausa la minaccia di colpire Guam; Tillerson ha detto che gli Usa sono aperti al dialogo con la Nordcorea. Corea del Sud, Cina e Russia chiedono maggior calma e esigono l’esclusione di ogni azione militare.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®