29/04/2016, 07.55
COREA DEL NORD – USA
Invia ad un amico

Pyongyang, 10 anni di lavori forzati a un cittadino americano

Kim Dong-chul, nato in Corea del Sud e arrestato lo scorso ottobre 2016, sarebbe stato trovato in possesso di una pennetta Usb con all’interno segreti militari e nucleari. Si tratta dell’ennesimo fermo ai danni di un cittadino straniero, tattica con cui il Nord cerca di ottenere benefici economici e diplomatici. Dopo i testi missilistici, il Consiglio di Sicurezza Onu convoca una riunione di emergenza.

Seoul (AsiaNews) – Il regime della Corea del Nord ha condannato a 10 anni di lavori forzati un cittadino americano, accusato di spionaggio. Lo riporta l’agenzia di Stato cinese Xinhua. Il condannato è Kim Dong-chul, nato in Corea del Sud e arrestato lo scorso ottobre 2016. L’uomo sarebbe apparso davanti a un gruppo di giornalisti del Nord in marzo per “confessare”: sarebbe stato pagato dal governo di Seoul per esportare segreti di Stato dal Paese stalinista.

Sempre in marzo è stato condannato a 15 anni di galera un giovane studente americano, Otto Warmbier, con l’accusa di aver rubato materiale della propaganda del Partito dei lavoratori e aver compiuto altri “crimini contro lo Stato”. Kim sarebbe stato invece trovato in possesso di una pennetta Usb con all’interno segreti militari e nucleari. L’uomo è stato fermato durante una visita alla Zona economica speciale di Rason.

La condanna arriva in uno dei periodi più tesi nella storia dei rapporti esteri di Pyongyang. Dopo il quarto test nucleare di gennaio, il regime di Kim Jong-il ha portato avanti una serie di prove missilistiche, condannate a ripetizione dalle Nazioni Unite. Ieri l’esercito del Nord ha cercato di lanciare due ordigni missilistici, esplosi poco dopo la partenza. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha convocato una riunione di emergenza per discutere della questione.

Arrestare cittadini stranieri è da tempo una strategia del governo nordcoreano per ottenere alleggerimenti alle sanzioni economiche o benefit di altra natura dalle nazioni coinvolte. Oltre al giovane Warmbier, fermato nel marzo 2016, di recente sono stati arrestati: Hyeon Soo-lim, pastore cristiano canadese, condannato all’ergastolo nel dicembre 2015; Sandra Suh, americana, fermata ed espulsa nell’aprile 2015; Matthew Todd Miller, americano, condannato a sei anni nel settembre 2014 e rilasciato nel novembre dello stesso anno; Kenneth Bae, sudcoreano ma naturalizzato statunitense, condannato a 15 anni nel maggio 2013 e rilasciato insieme a Miller; Jeffrey Fowle, rilasciato nell’ottobre 2015

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang condanna a otto anni di lager un cristiano americano
07/04/2010
Corea del Nord, 12 anni di lavori forzati alle giornaliste Usa
08/06/2009
Pyongyang, 15 anni di lavori forzati a uno studente americano
16/03/2016 08:54
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Seoul "pronta ad allontanarsi" dalla politica Usa sulla Corea del Nord
12/05/2006