04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/02/2014, 00.00

    QATAR - INDIA

    Qatar: in due anni, morti 500 migranti indiani nei cantieri per i Mondiali 2022



    Per Doha il dato è "nella norma", considerato l'alto numero di lavoratori originari dell'India nel Paese. Attivisti e organizzazioni internazionali accusano il governo del Golfo di continuare a violare i diritti umani dei lavoratori stranieri.

    Doha (AsiaNews/Agenzie) - Circa 500 migranti originari dell'India sono morti in Qatar negli ultimi due anni, con una media di 20 decessi al mese. Molti di loro lavoravano nei cantieri di Doha, in preparazione dei Mondiali di calcio che si terranno nel 2022. I dati sono dell'ambasciata indiana in Qatar, che però non ha indicato le circostanze in cui i suoi connazionali hanno perso la vita. I numeri hanno scatenato nuove proteste da parte di attivisti per i diritti umani, che li hanno definiti "eccessivi". Il Qatar ha replicato, dicendo che questo tasso di mortalità è "nella norma".

    Secondo i dati, 237 indiani sono morti nel 2012, e 241 nel 2013. Nel gennaio 2014 le vittime sono state 24. Da quando la Fifa - nel 2010 - ha scelto il Qatar per i mondiali del 2022, i migranti indiani che hanno perso la vita sono stati 717.

    Ali Bin Sumaikh al-Marri, a capo del National Human Rights Committee del Qatar, si è difeso dalle accuse di violazioni dei diritti umani. "I numeri non sono esagerati - ha spiegato - se consideriamo che gli indiani rappresentano la più grande comunità del Qatar". Pur non esistendo un censimento ufficiale, secondo stime del governo più di 500mila migranti originari dell'India si trovavano in Qatar alla fine del 2012: essi rappresentano il 26% della popolazione.

    Nonostante le assicurazioni del governo e del comitato organizzativo di Doha 2022, osservatori internazionali e attivisti per i diritti umani mostrano preoccupazioni per la condizione in cui sono costretti a vivere e lavorare le centinaia di migliaia di migranti. In modo particolare preoccupa l'ormai consolidato sistema della kafala (sponsor): il lavoratore stranieri è privato del passaporto e sottomesso al suo datore di lavoro, che impone salari minimi, orari e ritmi di lavoro disumani, divieto di licenziamento o espatrio. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2013 QATAR
    Mondiali 2022, calcio e schiavitù si incontrano in Qatar
    Gli attivisti boicottano i mondiali di Doha e condannado lo sfruttamento dei lavoratori stranieri in atto nel Paese. Intanto, la Fifa decide se spostare la competizione nei mesi invernali a causa delle alte temperature estive. Il ruolo dei migranti, intrappolati dal sistema della "kafala".

    22/04/2013 QATAR
    Qatar, milioni di "schiavi" per preparare i Mondiali di calcio del 2022
    Per costruire stadi e infrastrutture saranno necessari oltre 1,2 milioni di operai. Essi saranno tutti lavoratori migranti provenienti dai Paesi poveri di Asia e Africa. La Confederazioni internazionale dei sindacati denuncia casi di lavoro forzato, mancati pagamenti e soprusi. L'appello al presidente della Fifa per annullare la manifestazione.

    27/09/2013 NEPAL – QATAR
    Qatar 2022, dopo la strage dei migranti Kathmandu richiama la sua ambasciatrice
    Dai villaggi più poveri del Nepal ai cantieri di Doha 2022: l’assegnazione dei prossimi mondiali al Qatar incentiva una moderna forma di schiavismo. Oltre un milione di migranti ‘intrappolati’ nel Paese: migliaia sono nepalesi.

    13/11/2014 QATAR - FIFA
    Mondiali 2022, il Qatar sarà assolto dalle accuse di corruzione
    Lo annuncia una fonte alla Bbc. Il Paese mediorientale si è aggiudicato il prestigioso torneo nel 2010 battendo Australia, Usa, Corea e Giappone. Ma i dirigenti della Federazione internazionale sarebbero stati "convinti" con tangenti per un totale di circa 4 milioni di euro. Nessun passo avanti nella situazione dei migranti, i nuovi schiavi costretti a costruire gli stadi nel deserto.

    20/08/2012 NEPAL – QATAR
    Il Ramadan “salva” 67 lavoratori migranti nepalesi in Qatar
    Senza stipendio da quattro mesi, gli operai hanno trovato rifugio in una moschea vicino Doha. Nel mese sacro del digiuno, i musulmani si impegnano in opere di carità verso poveri e bisognosi. Ora i lavoratori chiedono all’ambasciata nepalese di essere rimpatriati.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®