27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
INDIA
Raghuvanshi: il Bjp manipola il candidato cristiano alla presidenza
di Nirmala Carvalho
PA Sangma, tribale cattolico del Congress, ha dichiarato che "non ci sono prove" per dire che il Bharatiya Janata Party (Bjp, partito radicale indù) sia responsabile dei pogrom anticristiani di Kandhamal. Secondo Lenin Raghuvanshi, attivista per i diritti umani, il Bjp sta sfruttando il politico per ottenere i voti dei tribali.

Mumbai (AsiaNews) - Affermazioni "ridicole" e "da condannare in pieno", segno evidente che "gli ultranazionalisti indù del Bharatiya Janata Party (Bjp) stanno manipolando PA Sangma". La pensa così Lenin Raghuvanshi, attivista ateo per i diritti umani e direttore esecutivo del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), in merito ad alcune dichiarazioni rilasciate da PA Sangma, membro tribale cattolico del Congress (partito al governo). Intervistato da una televisione indiana, il politico ha detto: "Dove sono le prove che il Bharatiya Janata Party (Bjp) è responsabile dei pogrom anticristiani del Kandhamal? Non saltiamo alle conclusioni... Non lanciamoci in simili accuse". Parole che hanno colpito l'opinione pubblica indiana (cristiana, e non), per due ragioni: perché di recente, la Federazione delle Chiese dell'Andhra Pradesh (Apfc) ha nominato Sangma "suo" candidato alle prossime elezioni presidenziali (luglio 2012); perché il Bjp, primo partito dell'opposizione, ha avallato la sua candidatura.

Il Bjp sostiene i movimenti radicali indù del Sangh Parivar, responsabili dei tanti episodi di violenza contro cristiani, dalit e minoranze che avvengono in India. Non ultimi, anche i pogrom anticristiani che nel 2008 hanno insanguinato l'Orissa.

"Le forze indù - spiega Raghuvanshi - hanno già perso l'appoggio dei dalit, e cercano di sfruttare Sangma per ottenere i voti dei tribali. Nel Kandhamal, gli ultranazionalisti hanno fomentato tensioni preesistenti tra tribali e dalit cristiani per creare conflitti all'interno della comunità, e prendere il potere. Ma il Sangh Parivar è responsabile dei pogrom anticristiani del Kandhamal. Ogni casa bruciata o distrutta, ogni chiesa violata, porta il segno delle bandiere zafferano [arancioni, colore simbolo dei nazionalisti indù, ndr]".

Secondo Raghuvanshi, con le sue dichiarazioni Sangma "tenta di ripulire l'immagine dei nazionalisti indù, sperando di attirare per sé la simpatia e i voti dei tribali. Se [Sangma] è davvero capace di sostenere cose del tutto infondate, lasciamolo andare di persona dalle vittime: quelli che hanno visto le loro case distrutte; che hanno subito violenze e portano ancora i traumi. Lasciamolo andare a dire loro che le forze fasciste indù non sono responsabili".

Il 23 agosto 2008 l'uccisione - da parte di un gruppo maoista - di Lakshmananda Saraswati, leader indù, ha prodotto un'ondata di violenze inaudite contro la comunità cristiana del Kandhamal (Orissa). Protrattesi fino all'ottobre di quell'anno, le violenze hanno lasciato più di 56mila persone - per lo più dalit panos e tribali kondhs, quasi tutti cristiani - senza una casa, costretti a vivere diversi mesi nelle foreste senza cibo, né acqua, prima di poter raggiungere in sicurezza i campi profughi. Per la Chiesa indiana, circa 6mila case sono state saccheggiate, demolite o bruciate. Quasi 300 chiese distrutte, oltre a conventi, scuole, ostelli e istituti di assistenza. Le autorità dell'Orissa non hanno mai negato la responsabilità delle violenze dei nazionalisti indù, contando circa 50 morti. I dati raccolti da attivisti cristiani parlano invece di 91 vittime: 38 morte sul colpo, 41 per ferite subite durante le violenze, 12 in azioni di polizia.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/09/2011 INDIA
Orissa, continua il calvario dei cristiani fra violenze e ingiustizie
17/05/2010 INDIA
Violenza senza fine contro le donne cristiane del Kandhamal
di Santosh Digal
23/03/2011 INDIA
Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
di Santosh Digal
29/07/2010 INDIA
Orissa: Cristiani e indù, Dalit e tribali di Kandhamal in marcia per la pace
di Santosh Digal
09/02/2011 INDIA
Timori di violenze al raduno di 2 milioni di estremisti indù in Madhya Pradesh
di Nirmala Carvalho

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate