25 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012 08:44
INDIA
Raghuvanshi: il Bjp manipola il candidato cristiano alla presidenza
di Nirmala Carvalho
PA Sangma, tribale cattolico del Congress, ha dichiarato che "non ci sono prove" per dire che il Bharatiya Janata Party (Bjp, partito radicale indù) sia responsabile dei pogrom anticristiani di Kandhamal. Secondo Lenin Raghuvanshi, attivista per i diritti umani, il Bjp sta sfruttando il politico per ottenere i voti dei tribali.

Mumbai (AsiaNews) - Affermazioni "ridicole" e "da condannare in pieno", segno evidente che "gli ultranazionalisti indù del Bharatiya Janata Party (Bjp) stanno manipolando PA Sangma". La pensa così Lenin Raghuvanshi, attivista ateo per i diritti umani e direttore esecutivo del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), in merito ad alcune dichiarazioni rilasciate da PA Sangma, membro tribale cattolico del Congress (partito al governo). Intervistato da una televisione indiana, il politico ha detto: "Dove sono le prove che il Bharatiya Janata Party (Bjp) è responsabile dei pogrom anticristiani del Kandhamal? Non saltiamo alle conclusioni... Non lanciamoci in simili accuse". Parole che hanno colpito l'opinione pubblica indiana (cristiana, e non), per due ragioni: perché di recente, la Federazione delle Chiese dell'Andhra Pradesh (Apfc) ha nominato Sangma "suo" candidato alle prossime elezioni presidenziali (luglio 2012); perché il Bjp, primo partito dell'opposizione, ha avallato la sua candidatura.

Il Bjp sostiene i movimenti radicali indù del Sangh Parivar, responsabili dei tanti episodi di violenza contro cristiani, dalit e minoranze che avvengono in India. Non ultimi, anche i pogrom anticristiani che nel 2008 hanno insanguinato l'Orissa.

"Le forze indù - spiega Raghuvanshi - hanno già perso l'appoggio dei dalit, e cercano di sfruttare Sangma per ottenere i voti dei tribali. Nel Kandhamal, gli ultranazionalisti hanno fomentato tensioni preesistenti tra tribali e dalit cristiani per creare conflitti all'interno della comunità, e prendere il potere. Ma il Sangh Parivar è responsabile dei pogrom anticristiani del Kandhamal. Ogni casa bruciata o distrutta, ogni chiesa violata, porta il segno delle bandiere zafferano [arancioni, colore simbolo dei nazionalisti indù, ndr]".

Secondo Raghuvanshi, con le sue dichiarazioni Sangma "tenta di ripulire l'immagine dei nazionalisti indù, sperando di attirare per sé la simpatia e i voti dei tribali. Se [Sangma] è davvero capace di sostenere cose del tutto infondate, lasciamolo andare di persona dalle vittime: quelli che hanno visto le loro case distrutte; che hanno subito violenze e portano ancora i traumi. Lasciamolo andare a dire loro che le forze fasciste indù non sono responsabili".

Il 23 agosto 2008 l'uccisione - da parte di un gruppo maoista - di Lakshmananda Saraswati, leader indù, ha prodotto un'ondata di violenze inaudite contro la comunità cristiana del Kandhamal (Orissa). Protrattesi fino all'ottobre di quell'anno, le violenze hanno lasciato più di 56mila persone - per lo più dalit panos e tribali kondhs, quasi tutti cristiani - senza una casa, costretti a vivere diversi mesi nelle foreste senza cibo, né acqua, prima di poter raggiungere in sicurezza i campi profughi. Per la Chiesa indiana, circa 6mila case sono state saccheggiate, demolite o bruciate. Quasi 300 chiese distrutte, oltre a conventi, scuole, ostelli e istituti di assistenza. Le autorità dell'Orissa non hanno mai negato la responsabilità delle violenze dei nazionalisti indù, contando circa 50 morti. I dati raccolti da attivisti cristiani parlano invece di 91 vittime: 38 morte sul colpo, 41 per ferite subite durante le violenze, 12 in azioni di polizia.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/09/2011 INDIA
Orissa, continua il calvario dei cristiani fra violenze e ingiustizie
17/05/2010 INDIA
Violenza senza fine contro le donne cristiane del Kandhamal
di Santosh Digal
23/03/2011 INDIA
Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
di Santosh Digal
29/07/2010 INDIA
Orissa: Cristiani e indù, Dalit e tribali di Kandhamal in marcia per la pace
di Santosh Digal
09/02/2011 INDIA
Timori di violenze al raduno di 2 milioni di estremisti indù in Madhya Pradesh
di Nirmala Carvalho

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate