18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/06/2012, 00.00

    INDIA

    Rajasthan: Sposa-bambina a 9 anni, a 24 chiede l’annullamento

    Nirmala Carvalho

    L’Alta corte dello Stato ha ordinato al governo di garantire protezione a Shobha Choudhary e alla sua famiglia, minacciati dalle autorità del villaggio. La giovane sta per laurearsi, mentre il marito è semi-analfabeta: “Non posso accettare un matrimonio simile”. In India i matrimoni tra bambini sono illegali, ma molto diffusi.

    Jaipur (AsiaNews) - Una donna di 24 anni del villaggio di Rajwa (Rajasthan) ha chiesto all'Alta corte dello Stato l'annullamento del suo matrimonio, contratto e celebrato quando aveva 9 anni. Per il momento, il tribunale ha ordinato al governo di proteggere Shobha Choudhary e la sua famiglia, che in seguito a questa decisione hanno ricevuto minacce da parte del consiglio delle caste del villaggio. Un gesto "coraggioso", come lo ha definito il dr. Pascoal Carvalho, membro della Pontificia accademia per la vita, per contrastare una "disgrazia per la società indiana".

    "Mio marito è un semi-analfabeta - ha dichiarato la giovane, che invece è diplomata e va all'università -, a malapena sa scrivere le iniziali del suo nome. Io lavoro e sto studiando per diventare insegnante (Bachelor of Education, B.Ed). Non è stata una mia decisione sposarmi, avevo solo 9 anni. Non posso accettare un matrimonio simile". Shobha ha trovato la forza per ribellarsi dopo una sentenza storica per l'India: lo scorso aprile, una corte del Rajasthan ha annullato il matrimonio di Laxmi Sargara, oggi diciottenne, sposa-bambina quando aveva appena 1 anno.

    Una legge indiana del 1929 considera illegali i matrimoni tra bambini e prevede pesanti provvedimenti per chi indulge in tale pratica. Tuttavia, essi non sono vietati e il fenomeno non si è fermato. In molte zone del Paese - oltre al Rajasthan, anche in Chhattisgarh, Bihar, Madhya Pradesh, Uttar Pradesh e Jharkhand - si praticano ancora oggi matrimoni simili, anche di massa. "Esistono molti modi - spiega il medico - per aggirare la legge. E una volta celebrati, non possono essere annullati. Questi matrimoni non sono solo una violazione dei diritti umani, ma la peggior forma di sfruttamento e abuso".

    Secondo l'International Center for Research on Women (Icrw), una ong americana, in India il 50% delle ragazze si sposano prima dei 18 anni. Oltre a episodi di violenza domestica (spesso sconfinante in quella sessuale), e gravi problemi psicologici, molte di loro contraggono il virus Hiv dai mariti. Inoltre, i decessi post parto sono tra le cause maggiori di mortalità per le ragazze tra i 15 e i 18 anni.

    L'Alta corte ha fissato per il 4 luglio prossimo una nuova udienza. "La speranza - aggiunge il dr. Carvalho - è che il tribunale annulli questo matrimonio, per dare un segnale ai tanti ragazzi e ragazze che chiedono una vita migliore per loro stessi e vorrebbero spezzare la tradizione dei matrimoni tra bambini. Anche se in alcune zone del Paese essi sono diminuiti, abbiamo ancora molta strada da fare per sradicare questa pratica dalla società".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/10/2017 15:43:00 INDIA
    Samkuru Vani: da sposa-bambina a donna libera grazie ai salesiani ‘angeli di misericordia’

    La ragazza indiana studia Tecnologia a Vijayawada, in Andhra Pradesh. La famiglia aveva deciso il suo destino: sposa bambina, moglie e madre. Ma lei si è ribellata e torturata fin quasi a morire. La salvezza attraverso lo studio e le cure amorevoli dei salesiani.



    15/09/2006 INDIA
    Nel Rajasthan i Dalit sono discriminati anche nei soccorsi per l'inondazione

    Cacciati dai campi profughi e discriminati negli aiuti. Uno studio indica che è rapita una donna Dalit ogni 60 ore e ucciso un uomo ogni 9 giorni.



    22/04/2013 INDIA
    Medico cattolico: Una vergogna per l’India lo stupro di una bambina di 5 anni
    La piccola è stata abusata e seviziata per due giorni. Arrestati due sospettati per la violenza sessuale. Membro della Pontificia accademia della vita: “La violenza contro donne e bambine è diffusa, insidiosa, e si manifesta in molti aspetti della loro vita”, anche attraverso feticidi femminili, discriminazione e omicidi per dote.

    08/10/2005 INDIA
    India: legale il matrimonio fra bambini. Chiesa e Ong: "Un attentato contro le donne"

    Leader cattolici ed attivisti per i diritti delle donne insorgono contro la sentenza dell'Alta Corte, "retrograda, oltraggiosa e molto pericolosa". Arcivescovo di Delhi: "La situazione delle donne continua a peggiorare".



    21/04/2017 13:19:00 SRI LANKA
    Sri Lanka, convertita dal buddismo: Con gioia profonda sarò una sposa cattolica

    Dilani Dharshani è una giovane di 25 anni; suo padre è buddista, la madre cattolica. È cresciuta andando a messa con la mamma e pregando in modo individuale. Il percorso di conversione è durato più di un anno, durante il quale è stata seguita da una suora. Oggi non vede l’ora di diventare “figlia di Dio”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®