27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/10/2012, 00.00

    MYANMAR

    Rakhine, oltre 100 morti il bilancio delle violenze fra birmani e Rohingya



    Gli scontri interconfessionali fra maggioranza buddista e minoranza musulmana, ripresi il 21 ottobre, hanno causato anche 72 feriti e 2mila case incendiate. Il presidente birmano contro quanti “orchestrano” gli incidenti. Assicura il ritorno alla stabilità con l’intervento congiunto di esercito e autorità. Dhaka aumenta i controlli sulle coste per impedire nuovi sbarchi.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Gli scontri etnici e confessionali fra maggioranza buddista e minoranza musulmana Rohingya nello Stato di Rakhine, nell'ovest del Myanmar nei pressi del confine col Bangladesh, hanno causato finora "oltre cento morti". È quanto affermano oggi fonti ufficiali birmane, mentre il governo lancia l'allerta: le violenze mettono a repentaglio la reputazione del Paese agli occhi della comunità internazionale, minano il processo di pace e il cammino di democratizzazione. Per questo il presidente Thein Sein avverte: "polizia e autorità riporteranno la pace" e non è affatto escluso che per giungere all'obiettivo i militari possano usare la forza.

    Il portavoce dello Stato di Rakhine Win Myaing sottolinea che "sono morte 112 persone", dall'inizio della nuova ondata di violenze nella notte del 21 ottobre scorso. I feriti sarebbero almeno 72, tra cui 10 bambini, e circa 2mila le case bruciate. Le autorità hanno imposto il coprifuoco dal tramonto all'alba e dal 10 giugno vige lo stato di emergenza, con il rischio concreto che la situazione possa precipitare. Fino a ieri il numero delle vittime era di molto inferiore - poche unità secondo i media - a causa del ritardo con cui è stato reso pubblico il bilancio reale e la lentezza delle amministrazioni locali nel riferire degli scontri.   

    Sulla violenze interconfessionali - contro le quali i musulmani birmani hanno lanciato una campagna di proteste che ha portato alla cancellazione dei festeggiamenti per l'Eid al-Adha, la festa del sacrificio - è intervenuto con un duro comunicato anche il presidente Thein Sein. Egli parla di "persone e organizzazioni" che da "dietro le quinte" stanno "orchestrando gli incidenti" di questi giorni nello Stato di Rakhine. Gli scontri minano l'immagine internazionale del Myanmar, avverte il leader birmano, che aggiunge: "esercito e polizia, in collaborazione con la popolazione locale, riporteranno la pace e la stabilità e prenderanno opportuni provvedimenti contro singoli e organizzazioni che fomentano gli scontri".

    A giugno la Corte distrettuale di Kyaukphyu, nello Stato di Rakhine ha condannato a morte tre musulmani, ritenuti responsabili dello stupro e dell'uccisione a fine maggio di Thida Htwe, giovane buddista Arakanese (Rakhine). QUesta l'origine dei violenti scontri interconfessionali fra musulmani e buddisti (cfr. AsiaNews 19/06/2012 Rakhine, violenze etniche: tre condanne a morte per lo stupro-omicidio della donna). Nei giorni seguenti, una folla inferocita ha accusato alcuni musulmani uccidendone 10, del tutto estranei al fatto di sangue. La spirale di odio ha causato la morte di altre 29 persone, di cui 16 musulmani e 13 buddisti. Secondo le fonti ufficiali sono andate in fiamme almeno 2600 abitazioni, mentre centinaia i profughi Rohingya hanno cercato rifugio all'estero.

    Secondo le stime delle Nazioni Unite in Myanmar vi sono almeno 800mila musulmani Rohingya. Tuttavia, Naypyidaw non li considera parte dei 135 gruppi etnici che costituiscono il Paese e - così come il vicino Bangladesh, con il governo di Dhaka che ha attivato le guardie di frontiera nel timore di nuovi sbarchi di profughi sulla costa - li tratta alla stregua di immigrati clandestini negando loro il diritto di cittadinanza. Attivisti e organizzazioni per i diritti umani parlano di aperto razzismo: molti Rohingya, infatti, parlano un dialetto bengali e assomigliano ai musulmani bangladeshi, con pelle scura e politica di emarginazione. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/10/2012 MYANMAR
    Rakhine, Onu: almeno 28mila sfollati nelle violenze fra birmani e Rohingya
    Quasi 27.300 appartengono alla minoranza musulmana. Per le Nazioni Unite il dato è destinato ad aumentare e non si esclude una possibile escalation degli scontri. Hrw mostra immagini satellitari con “massicce devastazioni di case e proprietà”. I centri di accoglienza a rischio paralisi. Le tensioni interconfessionali mettono a rischio le riforme del governo.

    25/10/2012 MYANMAR
    Violenze contro i Rohingya, musulmani birmani non celebrano la festa del sacrificio
    L’Associazione musulmana birmana (Bma) invita i tre milioni di fedeli a non festeggiare in pubblico l’ Eid al-Adha. Leader islamico parla di “assassinio” e villaggi “ridotti in cenere”. A Sittwe centinaia di universitari birmani in marcia contro la presenza di Rohingya vicino al campus.

    24/10/2012 MYANMAR
    Rakhine: mille case incendiate, resta alta la tensione fra birmani e Rohingya
    Le cifre ufficiali parlano di 600 abitazioni incendiate, ma fonti locali fissano il numero a “1.039, sparse in otto villaggi”. Confermate le tre vittime, due donne musulmane e un birmano. Timori di nuove violenze fra i due gruppi. Thein Sein prova a placare gli animi e promette “lavoro e istruzione” per riportare “pace e armonia”.

    23/10/2012 MYANMAR
    Rakhine: nuovi scontri fra birmani e Rohingya, tre morti e 300 case incendiate
    Il focolaio di violenze concentrato nella cittadina di Min Bya, ma rischia di diffondersi in tutto lo Stato. È il primo episodio grave dagli scontri del giugno scorso. Scambio di accuse sulle responsabilità. Un gruppo di monaci buddisti chiede di denunciare chi “simpatizza” per i musulmani. E auspica la creazione di una sorta di “polizia morale”.

    05/01/2017 11:13:00 MYANMAR
    Il governo birmano “ripulisce” le prove delle violenze contro i musulmani Rohingya

    È l’accusa lanciata da attivisti e ong internazionali, che criticano i risultati pubblicati da una commissione governativa. Al termine dell’inchiesta il panel “indipendente” ha smentito violenze, aggiungendo: “La presenza di moschee è una prova del fatto che non è in atto una persecuzione”. Anche la minoranza musulmana del Myanmar piange il suo piccolo Aylan.

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®